Trama

Subito dopo la morte del padre nel 1913, la scultrice francese Camille Claudel (Juliette Binoche) viene internata dalla madre in un manicomio nel sud della Francia. Vittima del mancato successo come artista e della relazione finita male con lo scultore Rodin, Camille trascorre in manicomio quasi trent'anni prima della sua morte nel 1943 senza mai tornare a scolpire. Durante l'inverno del 1915, passerà tre giornate in attesa di una visita del fratello Paul.

Approfondimento

CAMILLE CLAUDEL 1915: BREVI CENNI BIOGRAFICI SULLA "SCULTRICE PAZZA"

Originaria di Villeneuve, nel dipartimento dell'Aisne nel nord della Francia, la scultrice Camille Claudel nacque nel 1864 ed era sorella dello scrittore Paul Claudel, di quattro anni più giovane. Allieva del maestro scultore Auguste Rodin fino alla rottura avvenuta nel 1895, Camille Claudel nel 1913 - alla morte del padre e dopo dieci anni passati reclusa nel suo studio di Bourbon a Parigi - fu internata dalla famiglia per via dei suoi disturbi mentali e non ritrovò mai più la libertà. Rinchiusa in una struttura nei pressi di Parigi prima e in un manicomio nel sud della Francia dopo, Camille non poté mai più scolpire e rimase per 29 anni in attesa di una visita del fratello Paul, con cui intratteneva uno scambio epistolare. Morì il 19 ottobre del 1943 all'età di 79 anni e venne sepolta in una fossa collettiva, senza che sia stato più possibile ritrovarne il corpo.

UNA DONNA IMMERSA NELLA SOLITUDINE

Camille Claudel 1915 di Bruno Dumont, presentato in concorso al Festival di Berlino 2013, racconta tre giorni di vita da reclusa della Claudel durante l'inverno 1915. Il film ha preso le mosse quando Juliette Binoche ha contattato Bruno Dumont mentre questi si trovava ancora impegnato con le riprese di Hors Satan. L'idea in un primo momento era quella di girare insieme la storia di una donna immersa nella solitudine nella sua abitazione quando, complice un libro sulla biografia della Claudel che Dumont stava leggendo, il regista ha realizzato che in quel momento la Binoche aveva la stessa età che aveva la scultrice quando è stata reclusa. In poco tempo, nella mente di Dumont nasce l'ipotesi di girare un film sulla Claudel e sul periodo in manicomio, di cui non si sa quasi nulla e di cui le uniche testimonianze a disposizione sono le cartelle cliniche. Camille Claudel 1915 è, inoltre, un film quasi silenzioso, ad eccezione dei due o tre momenti in cui le parole che Camille non era riuscita a dire escono tutte in una sola volta.

UN CAST DI VERE PAZIENTI E INFERMIERE

Durante i tre giorni raccontati da Dumont in apparenza non succede nulla. Camille è una donna che non fa niente e rimane assorta nella sua intensa interiorità, circondata dagli altri internati. Dumont ha scelto di affiancare a Juliette Binoche donne che soffrono o hanno realmente sofferto di malattie mentali e molte delle situazioni rappresentate sono frutto della loro spontaneità e del loro essere. Dato che ognuna di loro recita se stessa, per non confonderle, sul set vigeva una regola generale per tutti: chiunque doveva riferirsi a Juliette Binoche chiamandola Camille. Per evitare incidenti o altri rischi, accanto alle vere pazienti hanno recitato anche le infermiere che si prendono cura di loro rivestendo i ruoli delle suore del manicomio.
I momenti di silenzio, crisi, dolore, pianto, noia e linguaggio non verbale delle internate fanno così quasi da controcanto ai personaggi di Paul e Camille, due personalità dalle straordinarie capacità artistiche e comunicative rese evidenti dalle lettere che i due si scambiavano.

Leggi tuttoLeggi meno
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

AtTheActionPark di AtTheActionPark
8 stelle

Dio, o il vento. Nel bene e nel male, Hors Satan ha rappresentato un punto imprescindibile nella filmografia di Bruno Dumont. È pressoché impossibile da parte di chiunque - detrattori, appassionati, spettatori casuali - non riconoscere la forza eversiva e primitiva di questo film. Hors Satan è stato per Dumont, se non il suo lavoro più “bello” – che, per chi scrive, resta Hadewijch… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Mulligan71 di Mulligan71
4 stelle

Se prendiamo il Cinema di Dumont, già rigoroso di suo, e lo trasferiamo in un convento-manicomio nella Provenza francese del 1915, la visione rischia di diventare un incubo claustrofobico, strizzato addosso ai quattro stracci di una bravissima Juliette Binoche. Cosa che, ovviamente, avviene qui, nel racconto mistico biografico del primo anno di "prigionia" della scultrice francese Camille… leggi tutto

2 recensioni negative

2018
2018

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
7 stelle

Il fratello di Camille Claudel, Paul, sostiene, nel 1915, in occasione di una sua visita nel manicomio dove è ricoverata la sorella, che tutte le cose che esistono sono lo specchio del complesso rapporto che hanno con le loro forme ideali nel cielo divino. In conseguenza di ciò, anche gli stessi rapporti fra le cose percepibili sono riflessi di quei rapporti "più complessi".…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
2016
2016

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
4 stelle

Se prendiamo il Cinema di Dumont, già rigoroso di suo, e lo trasferiamo in un convento-manicomio nella Provenza francese del 1915, la visione rischia di diventare un incubo claustrofobico, strizzato addosso ai quattro stracci di una bravissima Juliette Binoche. Cosa che, ovviamente, avviene qui, nel racconto mistico biografico del primo anno di "prigionia" della scultrice francese Camille…

leggi tutto
2015
2015
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2014
2014

En attendant Godot

giuvax di giuvax

L'attesa, o meglio, quando l'attesa si trasforma da momento di transizione e fase di passaggio a scopo primario. Quando è o diventa il vero perno attorno a cui srotolare riflessioni, considerazioni, scoperte: quando…

leggi tutto

Recensione

GanaJuza di GanaJuza
4 stelle

5 Passo indietro rispetto al precedente Hors Satan, nonostante non manchino le similitudini. Film mistico, tra fede (che occupa ancora una volta una parte importante) e follia, atmosfera opprimente. Stilisticamente ben fatto (nelle scene aperte il vento soffia (nuovamente) forte), molto brava Juliette Binoche. Ma secondo me il film risulta troppo lento e pesante.. peccato

leggi tutto
Recensione
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2013
2013

Recensione

Bebert di Bebert
8 stelle

Camille Claudelle (1864 – 1943) è stata prima modella, poi scultrice autonoma nel periodo della fama di Auguste Rodin. Del più importante scultore francese dell’ottocento è amante, allieva e poi perfino rivale; perché la sua autonomia, in quell’arte era palese, ma alle donne poco spazio era riservato. Rodin, come tanti altri artisti di quel periodo, non va compreso ammirando la sua…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

AtTheActionPark di AtTheActionPark
8 stelle

Dio, o il vento. Nel bene e nel male, Hors Satan ha rappresentato un punto imprescindibile nella filmografia di Bruno Dumont. È pressoché impossibile da parte di chiunque - detrattori, appassionati, spettatori casuali - non riconoscere la forza eversiva e primitiva di questo film. Hors Satan è stato per Dumont, se non il suo lavoro più “bello” – che, per chi scrive, resta Hadewijch…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

Non è una novità che il glaciale spigoloso regista Bruno Dumont sia interessato in modo viscerale, fino ossessivo, ai meandri più oscuri della mente umana, quelli che trapelano dai comportamenti spesso fuori degli schemi dei suoi tormentati o spesso inebetiti o atoni protagonisti, eroi spesso imbarazzanti o imbarazzati della sua non certo leggera né tantomeno accattivante o facilmente…

leggi tutto
CAMILLE CLAUDEL 1915: BREVI CENNI BIOGRAFICI SULLA "SCULTRICE PAZZA"

CAMILLE CLAUDEL 1915: BREVI CENNI BIOGRAFICI SULLA "SCULTRICE PAZZA"

CAMILLE CLAUDEL 1915: BREVI CENNI BIOGRAFICI SULLA "SCULTRICE PAZZA" Originaria di Villeneuve, nel dipartimento dell'Aisne nel nord della Francia, la scultrice Camille Claudel nacque nel 1864 ed era sorella dello scrittore Paul Claudel, di quattro anni più giovane. Allieva del maestro scultore Auguste Rodin fino alla rottura avvenuta nel 1895, Camille Claudel nel 1913 - alla morte del padre e dopo dieci anni passati reclusa nel suo studio di Bourbon a Parigi - fu internata dalla famiglia per via dei suoi disturbi mentali e non ritrovò mai più la libertà. Rinchiusa in una struttura nei... segue

Extra
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito