Trama

Mentre la madre Teresa si è concessa un viaggio in Kenya, la tredicenne Melanie trascorre le sue vacanze nella campagna austriaca, in un rigoroso centro dietetico per adolescenti in sovrappeso. Di giorno, sotto la stretta supervisione di un trainer tatuato e di un raccapricciante dottore, i ragazzi tentano di fare attività sportiva mentre la notte ne approfittano per ubriacarsi in gran segreto. Tra estenuanti sessioni di educazione fisica e lunghe consulenze nutrizionali, alternate alle guerre con i cuscini e alle prime sigarette fumate, Melanie si innamora del medico di 40 anni più vecchio di lei.

Approfondimento

PARADISE: HOPE - FINE DI UNA TRILOGIA

Dopo la presentazione di Paradise: Love e di Paradise: Faith rispettivamente al Festival di Cannes 2012 e al Festival di Venezia 2012, la trilogia sul "paradiso" di Ulrich Seidl si conclude con Paradise: Hope, la cui anteprima internazionaleè stata affidata al Festival di Berlino 2013. Mettendo da parte i personaggi di Teresa e della sorella Anna Maria, Paradise: Hope si concentra su Melanie, la figlia di Teresa lasciata alle prese con la sua vacanza estiva in un rigoroso centro di dimagrimento, dove adolescenti in sovrappeso provano a perdere i chili di troppo. Così come la madre e la zia sperimentano la propria forma di paradiso (nell'amore fisico a pagamento la prima e nella religione la seconda), anche Melanie vive la sua estate d'amore e strazio innamorandosi di un medico più vecchio di lei di oltre quarant'anni.

IL CAPITOLO PIÙ TRISTE

Nonostante le buone intenzioni che lo muovono, il centro per il dimagrimento è a tutti gli effetti una prigione e l'edificio fatiscente che lo ospita è il simbolo delle personalità ancora in divenire delle sue ospiti. Questi elementi, a prima vista solo formali, contribuiscono a rendere Paradise: Hope il capitolo più triste dell'intera trilogia, nonostante i suoi toni leggeri e intimi. Ogni violazione delle regole è punita quasi con sadico piacere e le ragazze possono ritrovare loro stesse solo nelle conversazioni - senza sorveglianza - con le altre "recluse", conversazioni che spesso tendono ad argomenti sul sesso. Delusa dal medico alquanto silenzioso con cui ha creato un gioco di seduzione al di là di ogni resistenza della ragione, Melanie si ritrova anche a fuggire dal centro con l'amica Verena, finendo in un bar dove cade vittima delle cattive intenzioni di due ragazzi del posto. A salvarla è però il medico che, in una sequenza quasi magica e perversa, la porta a sdraiarsi in un bosco nebbioso come una specie di "bella addormentata" e in preda a un contatto con la natura quasi impensabile nella civiltà. Sarà dopo questa parentesi che l'innocente Melanie finisce con il diventare vittima di una vita che le si mostra per la prima volta crudele e senza pietà.

UNA MODERNA LOLITA CONTRO I DETTAMI ESTETICI DELLA SOCIETÀ

Paradise: Hope descrive i sogni e i desideri di Melanie sulla vita, sull'amore e sul sesso. Poiché è in sovrappeso, Melanie manca di fiducia e pensa che il suo aspetto fisico sia il motivo che porta l'uomo di cui si innamora - trattasi anche del suo primo amore - a respingerla. Come in tutti i film di Seidl, a giocare grande ruolo è dunque la corporeità di personaggi soggetti alle perversità e all'ipocrisia della società circostante. La cinepresa di Seidl, ancora una volta alle prese con attori professionisti (Melanie Leinz e Joseph Lorenz per i ruoli di Melanie e del medico) e non (lasciati liberi di improvvisare), si avvicina fino a sfiorare la pelle dei protagonista, contribuendo a rivedere il concetto di bellezza estetica, un'idea troppo spesso plasmata dai dettami e dagli interessi di persone e/o industrie il cui unico interesse sono i soldi.
Per altri versi, Paradise: Hope può essere visto anche come una variazione del romanzo Lolita di Vladimir Nabukov ma con una fondamentale differenza: ad essere centrale nel film di Seidl è il punto di vista dell'adolescente e non dell'uomo maturo.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Chiude in bellezza la trilogia del cineasta austriaco Ulrich Seidl. Se si resiste alla facile ironia di chi individua nei metodi teutonici di tutori e tutrici lo stereotipo del dottore che costringe Paolo Villaggio ad abbuffarsi di “poppette di Bavaria”, si trova il ritratto spietato (alla Seidl, appunto) di un sistema che invita al consumo sregolato e poi lo reprime, in un grottesco corto circuito.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

OGM di OGM
8 stelle

La trilogia di Ulrich Seidl si chiude sulla speranza. Quella che, esattamente come l’amore e la fede, è ispiratrice di tante passioni sbagliate e, appunto, paradossalmente, senza speranza. Gli obiettivi si coniugano quasi sempre con le frustrazioni; i traguardi a cui ci dedichiamo con maggiore impegno e partecipazione emotiva sono infatti solitamente quelli che, a livello più o meno… leggi tutto

3 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

U.Seidl chiude la trilogia del paradiso con la speranza, in maniera forse inattesa e meno cruda di quanto ci si possa aspettare da lui. La tredicenne sovrappeso Melanie  viene inserita in un centro di dimagrimento per adolescenti, dove sotto la guida di adulti professionisti dovrebbe dimagrire e cominciare a prendere  coscienza del proprio essere,  in termini di salute fisica. Seidl mescola… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2020
2020
2015
2015

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

Chiude in bellezza la trilogia del cineasta austriaco Ulrich Seidl, Paradise: Love, Faith e appunto Hope, vale a dire Fede, Speranza e Carità. Nessuno dei tre capitoli, autonomi nello sviluppo narrativo ma legati dall’appartenenza delle protagoniste alla stessa famiglia o alla stessa sfera di conoscenze, è stato distribuito in Italia. Se non in occasione della rassegna che il cinema Massimo…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2014
2014
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

Mentre la mamma Teresa è in vacanza in Kenya a cercare il proprio paradiso, la realizzazione, o almeno una ragione effimera  di vita, nell'amore mercenario e non certo disinteressato di nerboruti maschi locali; mentre la fanatica zia Anna Maria si prodiga nella conversione e persuasione di sempre nuova famiglie verso un Dio muto e glaciale da adorare senza porsi domande,  la giovane teenager…

leggi tutto

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
8 stelle

Secondo capitolo della trilogia del "Paradiso" del regista austriaco. Dopo l'eccellente "Love", Seidl mostra la figlia della protagonista dell'episodio precedente, adolescente in sovrappeso, costretta a passare un'estate in un "campo dieta" austriaco. La parola "speranza" è, ovviamente, una chimera, così come lo era l'amore nel lavoro precedente. Melli, infatti, si muove in un teatrino…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

U.Seidl chiude la trilogia del paradiso con la speranza, in maniera forse inattesa e meno cruda di quanto ci si possa aspettare da lui. La tredicenne sovrappeso Melanie  viene inserita in un centro di dimagrimento per adolescenti, dove sotto la guida di adulti professionisti dovrebbe dimagrire e cominciare a prendere  coscienza del proprio essere,  in termini di salute fisica. Seidl mescola…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
2013
2013

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

La trilogia di Ulrich Seidl si chiude sulla speranza. Quella che, esattamente come l’amore e la fede, è ispiratrice di tante passioni sbagliate e, appunto, paradossalmente, senza speranza. Gli obiettivi si coniugano quasi sempre con le frustrazioni; i traguardi a cui ci dedichiamo con maggiore impegno e partecipazione emotiva sono infatti solitamente quelli che, a livello più o meno…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
PARADISE: HOPE - FINE DI UNA TRILOGIA

PARADISE: HOPE - FINE DI UNA TRILOGIA

PARADISE: HOPE - FINE DI UNA TRILOGIA Dopo la presentazione di Paradise: Love e di Paradise: Faith rispettivamente al Festival di Cannes 2012 e al Festival di Venezia 2012, la trilogia sul "paradiso" di Ulrich Seidl si conclude con Paradise: Hope, la cui anteprima internazionaleè stata affidata al Festival di Berlino 2013. Mettendo da parte i personaggi di Teresa e della sorella Anna Maria, Paradise: Hope si concentra su Melanie, la figlia di Teresa lasciata alle prese con la sua vacanza estiva in un rigoroso centro di dimagrimento, dove adolescenti in sovrappeso provano a perdere i chili... segue

Extra
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito