Espandi menu
cerca
Blood Ties - La legge del sangue

Regia di Guillaume Canet vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 71
  • Post 7
  • Recensioni 2932
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Blood Ties - La legge del sangue

di barabbovich
7 stelle

Poliziesco assai ben congegnato, con sottotrame nient’affatto superflue, un’ottima ricostruzione d’epoca, una notevole colonna sonora e una messa a fuoco del rapporto tra i due protagonisti che è tutt’altro che banale.

Due fratelli newyorchesi sulla quarantina, nel 1974, che più diversi non potrebbero essere: Chris (Owen), appena uscito dalla galera per omicidio, dopo avere rigato dritto per un po' si rimette subito nei guai. Suo fratello minore Frank (Crudup) è un poliziotto integerrimo che ha una storia irrisolta con una donna (Kunis) fidanzata con un criminale (Schoenaerts) che lui ha appena spedito in cella. Nonostante le enormi differenze tra i due fratelli e le traversie che passeranno, il sangue che li lega sarà più forte di qualsiasi altra cosa.
Primo film americano del francese Guillaume Canet, che lo ha scritto con James Gray e Jacques Maillot, il regista di Les liens du sang (2008), nel quale lo stesso Canet era uno dei due protagonisti e di cui Blood Ties è il remake. Pur ricalcando un tema - quello del fratello buono che vorrebbe redimere quello cattivo - stravisto al cinema, Blood Ties è un poliziesco assai ben congegnato, con sottotrame nient'affatto superflue (il rapporto di Chris con la ex moglie, la sempre bellissima Marion Cotillard), un'ottima ricostruzione d'epoca, una notevole colonna sonora e una messa a fuoco del rapporto tra i due protagonisti che è tutt'altro che banale.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati