Trama

Raimund Gregorius (Jeremy Irons), professore svizzero, incontra una bella e misteriosa donna di origini portoghesi a Berna. Grazie a lei, scopre un affascinante libro scritto dallo scrittore portoghese Amadeu de Prado, che fa nascere in lui il desiderio di mettersi sulle tracce dell'autore a Lisbona. Comportandosi come un detective che mette insieme i pezzi di un puzzle che coinvolge intrighi politici ed emotivi, Raimund si ritroverà ad affrontare un excursus storico che, travalicando i confini del tempo e dello spazio, lo porterà a confrontarsi con il regime dittatoriale di Salazar negli anni Settanta e con il vero significato della sua vita.

Approfondimento

UNA STORIA DI FORMAZIONE

Pubblicato nel 2004, il romanzo Treno di notte per Lisbona di Pascal Mercier vende oltre 2 milioni di copie, rivelandosi uno dei maggiori successi della letteratura tedesca moderna. Tradotto in ben 15 differenti lingue, presenta una forte connotazione filosofica che, non ponendo alcuna difficoltà, diventa il motore catalizzatore per una trasposizione cinematografica incentrata sulla romantica ed originale storia di formazione. Immerso nella quotidianità del suo mondo, il professore Raimund Gregorius da un giorno all'altro decide - apparentemente senza un motivo particolare - di uscire dalla propria routine e di vivere la vita che fino a quel momento si era negato. Nel libro scritto dal lusitano Amadeu do Prado trasferisce il riflesso di ciò che lui stesso vorrebbe essere o fare, senza perdere mai di vista le proprie convinzioni: come scrive Mercier, Raimund rimane fedele a se stesso per diventare qualcun altro. Per Raiumund, il viaggio per Lisbona si trasforma nel simbolo del percorso che un uomo affronta per (ri)scoprire il vero significato della propria vita e prendere coscienza di sé.

LE LUCI DELLA STORIA

Oltre che dalla possibilità di ritrarre il viaggio interiore di Raimund alla scoperta di sé, il regista danese Bille August - in passato già regista di adattamenti letterali (La casa degli spiriti, Il senso di Smilla per la neve, I miserabili e Marie Krøyer) - è stato attratto dalla possibilità di raccontare un momento storico poco conosciuto e del tutto inedito al cinema: la Rivoluzione dei Garofani, cominciata in Portogallo sul finire degli anni Sessanta contro il regime dittatoriale e conclusasi con il colpo di stato militare del 1974. Si tratta per lo più di una storia quasi segreta, tanto che Raimund si rende conto ben presto di avere a che fare con un universo pieno di labirinti, popolato da strani e inaccessibili personaggi. Lentamente la sua ricerca di verità porta alla rivelazione di ogni segreto. Allo stesso modo, il film passa dall'oscurità alla luce, facendo della fotografia uno dei suoi punti forte. Giocando con il subconscio del pubblico, Bille August riveste di diverse tonalità l'opera. All'inizio del film, Raimund si trova nella grigia Svizzera, sotto i cieli piovosi di Berna, protetto dalla scoperta della verità. Nel momento in cui invece inizia il viaggio per Lisbona, grazie al ricorso a numerosi flashback, piomba nella parte più buia della storia del Portogallo, immerso in un mondo di ombre, misteri ed enigmi, per finire dall'essere avvolto da una verità illuminante. Metaforicamente, si passa dal buio dell'ignoranza ai bagliori della conoscenza e ciò viene evidenziato dalla luce che filtra dalle immagini.
Anche la percezione spaziale di Raimund va incontro a un processo simile. Spazialmente confinato all'inizio del film in un appartamento piccolo o in un'aula scolastica le cui pareti sembrano soffocarlo, si ritrova semi-imprigionato nell'altrettanto claustrofobico spazio del treno per poi ritrovarsi nei grandi spazi aperti di Lisbona man mano che la storia va avanti.

CONTESTO STORICO

Nel 1926 in Portogallo un colpo di stato porta al potere una giunta militare che pone fine al breve periodo democratico del Paese. Nel 1933, Salazar estende il suo potere con una nuova costituzione e l'abolizione ufficiale del parlamento. Con l'applicazione di strumenti di censura alla stampa e forme di tortura nei confronti dei dissidenti, Salazar prova a creare un sistema governativo, noto con il nome di Quinta, autosufficiente, conservativo e senza influenze esterne. Come diretta conseguenza, solo gli esponenti dell'élite raggiungevano il potere e un terzo della popolazione rimaneva nella miseria e ignoranza. Una vasta rete di poliziotti appartenenti a cellule segrete vigilava affinché non si creassero movimenti clandestini, incoraggiando i cittadini a denunciare ogni attività sospetta. Da queste basi, dopo quasi 40 anni di dittatura e terrore, ha origine la Rivoluzione dei Garofani che, nel 1974, porta per la prima volta sindacati, generali e forze dell'ordine con forti idee politiche di sinistra a fornire pubbliche relazioni contro la condotta del regime e a formare il Movimento delle Forze Armate, in grado di porre fine allo stato di sottosviluppo della nazione.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Tratto da un romanzo bestseller in Germania di Pascal Mercier e classica coproduzione all’europea con star internazionali chiamate a raccolta, inglese come unica lingua parlata in Svizzera e Portogallo, vicenda di risvegli esistenziali e amori rivoluzionari e seriose riflessioni in voce over. Anacronismo puro, insomma, contro il quale è persin spiacevole scagliarsi, tanto è evidente la natura in fonda innocua di questo bolso cinema d’autore ormai in via d’estinzione.

Commenti (6) vedi tutti

  • Meglio del libro, che è troppo lento e indulge in Pessoa. Il film è un thriller intellettuale sullo sfondo della caduta del regime fascista in Portogallo. Questioni private ed eroismo. Il detective intellettuale cambia la sua vita dopo aver ricostruito la storia

    commento di ENNAH
  • Bille August è un regista sopravvalutato che però vale davvero molto meno di quanto si potrebbe dedurre dando uno sguardo distratto alla sua carriera- Qui coinvolge pure un Jeremy Irons alle prese con un personaggio sgualcito e tristo, inerte e svagato almeno per buona parte della storia, che non riesce a rendere plausibile.

    leggi la recensione completa di spopola
  • Bello, raccontato con la giusta calma e lentezza, ottimamente recitato, soprattutto da un eccellente Jeremy Irons, attore splendido che meriterebbe di essere utilizzato in misura maggiore. La sua bravura trabocca dallo schermo e inonda lo spettatore. Ma bravi tutti, con menzione speciale per la solita Charlotte Rampling e Martina Gedeck.

    leggi la recensione completa di michemar
  • L'inizio appare alquano pesante ma se si ha la pazienza di vederlo tutto è un film che arricchisce per il suo contenuto. Pregevole l'interpretazione del protagonista.

    commento di UgoCatone
  • Film che nonostante la presenza di ben 10 Attori di calibro dei quali ben 8 piu' conosciuti,la Pellicola proprio fa continuamente dormire e non offre spunti di riflessione.voto.1.

    commento di chribio1
  • MOLTO PARTICOLAREPER L'EPOCA L'AMBIENTE E IL MOMENTO STORICO A ME NON MOLTO NOTO.RICORDA IL GRANDE "IL SEGRETO NEI SUOI OCCHI".GRANDI LE INTERPRETAZIONI.

    commento di fralle
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

spopola di spopola
4 stelle

Bille August è stato uno dei più grandi misunderstanding di tutta la storia del cinema. Immeritatamente salutato al suo apparire sulla scena internazionale come il naturale erede di Ingmar Bergman (Pelle alla conquista del mondo sua prima e contestatissima Palma d’Oro sulla Croisette nel 1987 e vincitore di numerosissimi altri premi in patria e internazionali, è il… leggi tutto

4 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

chinaski di chinaski
6 stelle

Una ragazza sta per saltare giù da un ponte, in una giornata grigia e piovosa. Un uomo la afferra, la salva. La porta con sé nella scuola dove insegna. L’uomo è un professore. La ragazza entra con lui in classe, poi esce, lasciando il suo cappotto. Il professore decide di seguirla, la perde, controlla le tasche del cappotto. Trova un libro. Poi un biglietto del treno. Destinazione: Lisbona.… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

billykwan di billykwan
8 stelle

Un treno parte nella notte e apre le porte del giorno. A bordo, Gregorius, un professore dall'esistenza grigia, sedotto dalle pagine di un libro. Una raccolta di memorie che destano interrogativi sepolti dal tempo in chi, forte, arse la fiamma della rivoluzione e della passione. Potenza della pagina scritta che scuote le esistenze di coloro che la rivoluzione l'hanno studiata sui banchi di… leggi tutto

5 recensioni positive

Trasmesso il 3 gennaio 2018 su Rsi La2
Il meglio del 2016
2016

Recensione

passo8mmridotto di passo8mmridotto
8 stelle

"Thriller romantico" è definito questo film del regista Bille August, tratto da un romanzo best seller di Pascal Mercier. La definizione non è esatta, non ci troviamo all'interno di un thriller tradizionale, e forse non c'è neppure troppo spazio per il romanticismo. La vicenda inizia in un giorno di pioggia, nella fredda e triste Berna, in Svizzera. Il professor Raimund…

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

supadany di supadany
4 stelle

Un romanzo best-seller (in Germania) con uno sguardo alla (dura) Storia (del Portogallo sotto la dittatura di Salazar) oltre che ai singoli ed un cast internazionale di spessore, rappresenterebbero un invitante biglietto da visita, ma poi ecco il nome di Bille August in regia (che negli anni di occasioni non sfruttate ne vanta diverse) e qualche certezza vacilla. Purtroppo a lui (ma non solo)…

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

Recensione

michemar di michemar
8 stelle

Bellissimo il film di Bille August, con una punta di malinconia dovuta agli avvenimenti trascorsi che vengono ricordati dai protagonisti. Il tranquillo professore svizzero, annoiato da una vita forse monotona e grigia, ha un incontro drammatico con una donna che sta per suicidarsi e ciò dà un sussulto alla sua vita, del tutto inatteso. Il bisogno di recarsi a Lisbona per andare a…

leggi tutto
Disponibile dal 1 aprile 2014 in Dvd a 9,99€
Acquista
Il meglio del 2013
2013
Uscito nelle sale italiane il 22 aprile 2013

Recensione

spopola di spopola
4 stelle

Bille August è stato uno dei più grandi misunderstanding di tutta la storia del cinema. Immeritatamente salutato al suo apparire sulla scena internazionale come il naturale erede di Ingmar Bergman (Pelle alla conquista del mondo sua prima e contestatissima Palma d’Oro sulla Croisette nel 1987 e vincitore di numerosissimi altri premi in patria e internazionali, è il…

leggi tutto
Il meglio del 2002
2002
Il meglio del 2000
2000
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito