Post Tenebras Lux

play

Regia di Carlos Reygadas

Con Adolfo Jimenez, Natalia Acevedo, Willebaldo Torres, Eleazar Reygadas, Rut Reygadas Vedi cast completo

Guardalo su
  • iTunes
  • iTunes
  • Chili
  • Google Play
In STREAMING

Trama

Juan porta la sua giovane famiglia, abituata alla città, a vivere nelle campagne del Messico, entrando in contatto con un mondo a loro distante, con una propria concezione delle cose della vita. Inizialmente affascinato dalla nuova realtà, Juan si ritrova in seguito intrappolato tra due differenti universi complementari che, inconsciamente, combattono per eliminarsi l'uno con l'altro.

Approfondimento

POST TENEBRAS LUX: UNO SCONTRO TRA CULTURE

Regista messicano considerato spesso d'avanguardia, Carlos Reygadas ha presentato Post tenebras lux al Festival di Cannes 2012 aggiudicandosi la Palma alla miglior regia, sollevando non poche polemiche. Ritenuto a torto astratto e caotico, Post tenebras lux secondo Reygadas offre invece diverse percezioni dell'esistenza ricorrendo a una narrazione che, seppur situata nel presente, mischia inconscio, sogni, ricordi e immagini del futuro del protagonista Juan (a dare una sorta di continuità del presente sono le immagini di una partita di rugby). Così come accade con la realtà, anche Post tenebras lux presenta molteplici livelli di lettura. Ambientato in Messico, il film però mostra prima di tutto due differenti universi socioculturali che entrano in rotta di collisione: la famiglia di Juan è infatti l'unica che appartiene al Messico occidentale e lo stesso Juan, pur rivolgendosi con gentilezza a coloro che in campagna lo circondano, mostra sempre una forma di superiorità.

L'ARRIVO DELLA LUCE

Il protagonista Juan ha tutto - casa, soldi, salute, una moglie e dei figli che lo amano - ma non è soddisfatto: pur vivendo una vita piena, è circondato dalle tenebre. Tuttavia, sul letto di morte (rimasto ferito dopo un furto con scasso) ha la possibilità di vedere un raggio di luce che gli mostra le cose in modo diverso. Nello scrivere di come la luce porta la verità verso Juan, Reygadas è stato ispirato dalla lettura di Guerra e pace di Tolstoj, dove il principe Bolkonskij cambia la sua visione insoddisfatta della vita solo sul punto di morte. Poiché la ragione ha finito per avvolgere Juan nel buio, nella solitudine e nella cecità, Juan ha bisogno della luce per riappropriarsi della sua infanzia, dei suoi sentimenti e dei ricordi di cui ha bisogno. Da un punto di vista politico, l'oscurità che vive Juan è assimilabile a quella del Messico del Duemila, la cui violenza è legata secondo Reygadas a una crisi spirituale per cui tutti aspettano l'arrivo della luce. La devastazione della cultura primitiva messicana è inoltre visibile verso la fine del film, quando una scena di auto-decapitazione (frutto della disperazione dell'amico che ha tradito Juan) lascia spazio a una "pioggia di sangue" su una terra quasi apocalittica.

IL DIAVOLO E LE IMMAGINI SFOCATE

Post tenebras lux non parla della presenza del male nel mondo. Poiché Reygadas è convinto che in senso religioso il male non esista e che tutto dipenda dagli atti creativi o distruttivi dell'uomo, il diavolo presente nel film non è una apparizione malefica, tanto che entrando in casa e vedendo un bambino non gli fa nulla. Si tratta più che altro di una rappresentazione manichea voluta del regista per sottolineare l'innocenza dei bambini e la loro assenza di paura dovuta alla non consapevolezza del male. Le immagini sfocate con cui Post tenebras lux è stato realizzato sono inoltre un'espediente usato per avvicinarsi il più possibile ai processi cognitivi legati alla percezione visiva.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Le storie estreme di Reygadas, il simbolismo, le provocazioni (sessuali), l’esasperazione stilistica, hanno sempre diviso spettatori e addetti ai lavori. E così è successo anche stavolta, anzi di più. Violenza, colpa, natura vs. civiltà, bellezza che toglie il fiato, vuoto incolmabile, e noi sospesi tra la luce e le tenebre. A Cannes questo film, col suo titolo biblico-calvinista e l’attitudine sciamanica, generò in molti sconcerto e irritazione, per l’ermetismo, per la mancanza di qualsiasi buona creanza narrativa, per le ambizioni altissime. Tutto vero. Ma di fronte alla forza di certe immagini, alla libertà espressiva, alla sfida (disturbante) al buon senso, viene da dire: avercene!

Commenti (4) vedi tutti

  • PTL è un film letteralmente irriducibile in dialogo con la politica del Messico di ieri-oggi-domani, è un film sulla sperequazione sociale fatta di ellissi, lacerti e frammenti, è un ritratto dell'apparentemente inintelligibile contemporaneità, è un album di famiglia dopo la tempesta, la rivoluzione, la catastrofe a bassa intensità autoprocurata.

    leggi la recensione completa di mck
  • Esasperante atto di videoarte contrabbandato per cinema, dove l'assenza di storia è meticolosamente scambiata per creazione da un esercito di critici che ne cercano una ragione, evidentemente inutile da trovare: sapersi vendere è sempre meglio che saper fare. Ma poi, alla fine, tanto rumore per nulla.

    commento di maurri 63
  • Reygadas fa sfoggio delle sue indubbie capacità tecniche ma non riesce a domare il suo talento e il prodotto finale risulta una sequenza di scene prive di un filo logico in cui ognuno può vedere tutto e il contrario di tutto. Se fare grande cinema vuol dire realizzare prodotti incomprensibili allora siamo di fronte a un grande film.

    leggi la recensione completa di GIANNISV66
  • Tentando di glossare con un freddo simbolismo (tramite raffigurazioni metafisiche/allegoriche orientate verso la teologia e la letteratura ottocentesca) le peculiarità più biasimevoli del subconscio, Reygadas si perde nella ricerca di una cifra stilistica autentica, lasciando parecchie perplessità nell'assunto narrativo.

    commento di Stefano L
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

mck di mck
9 stelle

    "Il mondo era così recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito." -- Gabriel García Marquez - "Cent'Anni di Solitudine" - 1967   Sul film :   PTL, ovvero : il Know-How del Male : il film-toolbox : the ''ghost'' in the machine : il film-panopticon : il carcere delle immagini, lo sguardo liberamente… leggi tutto

15 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Tex61 di Tex61
6 stelle

Commentare un film come questo evitando di scrivere qualche cazzata è opera improba; nel senso che tutto è opinabile o condivisibile. L’essenza di questo film pare risiedere nella varietà interpretativa che consente, che nasce dalla totale assenza di un narrato e da un montaggio che sembra casuale, ma chiaramente non lo è. Paradossalmente ognuno può… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

GIANNISV66 di GIANNISV66
2 stelle

Una bambina sola in mezzo a una landa desolata, attorniata da cani latranti, farfuglia parole a casaccio mentre un temporale si avvicina e una pozza riflette un cielo livido che preannuncia la pioggia imminente. I minuti passano, la bambina appare spaventata mentre un cielo sempre più nero sembra volerla ghermire e la natura meravigliosamente ritratta (la fotografia in questa pellicola… leggi tutto

3 recensioni negative

2020
2020

Recensione

stefanocapasso di stefanocapasso
7 stelle

Juan, Oliva e i loro figli ancora piccoli si trasferiscono dalla città alla campagna del Messico. La scelta in qualche modo “alternativa” della coppia comincia a rivelare ben presto tante criticità. Il rapporto della coppia comincia a sfaldarsi, Juan è preda di aggressività incontrollata e soprattutto il rapporto con la popolazione locale è molto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti

il futuro al cinema

panunzio di panunzio

E il cinema, si sa, non esiste. È una mera deduzione. Esistono solo i film  P.P.P. cerco di ricordarmi le pellicole viste ai film in sala rispettando il distanziamento sociale in quanto ero l'unico…

leggi tutto
Playlist
2019
2019

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

Juan (Adolfo Jiménez Castro) è un ricco proprietario terreno. Decide di lasciare la confortevole vita di città e di trasferirsi nella sua tenuta di campagna insieme alla moglie Natalia (Nathalia Acevedo) e alle piccole figlie Eleazar (Eleazar Reygadas) e Rut (Rut Reygadas). Solo le bambine sembrano non soffrire dell’ambiente spartano in cui stanno crescendo,…

leggi tutto
2018
2018
2017
2017

Pitch & Love

End User di End User

Una macchina bianca procede lentamente in un viale alberato in leggera salita. Pur non essendo pienamente invernale la campagna circostante ha qualcosa di vagamente minaccioso, perlomeno ostile, saranno quegli alberi…

leggi tutto
Playlist

Recensione

cheftony di cheftony
4 stelle

“Fare buone o cattive azioni agli altri o a se stessi è qualcosa che gli adulti fanno e che i bambini fortunatamente non possono comprendere. L'intero film riguarda molto come quest'idea ci influenzi e su come voler organizzare la vita in un modo così aggiustato e moralistico ci impedisca di essere liberi.”   Juan (Adolfo Jiménez Castro), persona…

leggi tutto
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2016
2016

Perseveranza

mck di mck

Da un sentimento (Gioia) a una qualità (Perseveranza). Puntata precedente (molto precedente: 2013…) : Gioia. UpDate/UpGrade : Joy and Michael [ Goro Haram : la Corta Notte del '16 (Scolo…

leggi tutto

Fiat Lux

Immorale di Immorale

La luce è vita.   La luce intesa come opposto del buio, come elemento primario, biblico e vitale che ha favorito lo sviluppo umano, fin dall’invenzione del fuoco, fino ad arrivare allo spreco…

leggi tutto

Recensione

steno79 di steno79
7 stelle

Di Reygadas avevo visto in precedenza “Luce silenziosa” che mi era piaciuto molto per l’intensità con cui affrontava le tematiche spirituali care al regista messicano e per la capacità di confrontarsi con grandi maestri del passato – in quel caso il Dreyer di “Ordet”, di cui veniva recuperata la famosa scena del miracolo e il messaggio…

leggi tutto

Recensione

GIANNISV66 di GIANNISV66
2 stelle

Una bambina sola in mezzo a una landa desolata, attorniata da cani latranti, farfuglia parole a casaccio mentre un temporale si avvicina e una pozza riflette un cielo livido che preannuncia la pioggia imminente. I minuti passano, la bambina appare spaventata mentre un cielo sempre più nero sembra volerla ghermire e la natura meravigliosamente ritratta (la fotografia in questa pellicola…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito