Il sospetto

play

Regia di Thomas Vinterberg

Con Mads Mikkelsen, Thomas Bo Larsen, Annika Wedderkopp, Lasse Fogelstrøm, Susse Wold, Anne Louise Hassing, Alexandra Rapaport... Vedi cast completo

In streaming
  • Wuaki
  • Chili
  • iTunes
  • Wuaki
In STREAMING

Trama

Dopo un difficile divorzio, il quarantenne Lucas ha una nuova fidanzata, un nuovo lavoro e sta rimettendo in sesto il complicato rapporto con il figlio adolescente Marcus. All'improvviso però le cose volgono al peggio. Una bugia comincia a diffondersi come un virus invisibile nella comunità in cui vive. Sotto shock, Lucas si ritrova accusato di pedofilia, un crimine che non ha commesso, e, travolto da una sorta di isteria collettiva, deve combattere un'aspra battaglia per riappropriarsi della propria vita e della propria dignità.

Approfondimento

IL SOSPETTO: L'ALTRA FACCIA DI FESTEN

Dopo il successo internazionale riscontrato con Festen, il regista Thomas Vinterberg ha ricevuto numerose sollecitazioni per approfondire il tema degli abusi da un variegato numero di persone. Tra queste, vi era anche uno psichiatra danese che gli ha consegnato tutta la documentazione di alcuni casi da lui seguiti e lo ha invitato ad esplorare anche l'universo degli abusatori. Sopraffatto da altri impegni, Vinterberg si ritrova casualmente quel materiale tra le mani otto anni dopo e, stordito dal contenuto, decide di realizzarne un film, destinato a suscitare ancora una volta polemiche. Il soggetto questa volta riguarda una falsa accusa mossa contro un tranquillo padre di famiglia e insegnante di scuola materna, che si vede travolto da una sorta di follia collettiva e caccia all'untore. A differenza di Festen, in Il sospetto però non c'è alcun abuso: Lucas, diventato improvvisamente il bersaglio dell'odio di tutta la piccola cittadina rurale in cui vive, è in realtà un uomo innocente e ingiustamente accusato. Inizialmente amato da chiunque, lentamente viene abbandonato dagli amici e costretto a confrontarsi con una furia crescente e immotivata di atti di violenza psicologica.
Stilisticamente per Vinterberg Il sospetto rappresenta un ritorno alle sue origini da regista, alla purezza di visione che aveva caratterizzato i suoi primi lavori. Il successo di Festen infatti aveva talmente confuso il regista al punto di allontanarlo dal proprio universo di attenzione, fatto di storie comuni e senza speculazioni sul riscontro commerciale.

 

 

LA DIGNITÀ DI UN UOMO

Più che sul tema degli abusi, Il sospetto si concentra sulla natura virale del pensiero collettivo e sulle conseguenze che apporta nell'identità di un uomo. In un'epoca in cui la comunicazione viaggia alla velocità della luce e i giudizi morali imperano su tutti i media, il concetto di "profezia che si autoadempie" diventa quasi reale: se qualcosa viene ritenuta vera, vere diventeranno le sue conseguenze. I concittadini affibbiano un'etichetta a Lucas e gli cuciono addosso un'identità dalle cui conseguenze - interessanti per le dinamiche ma spaventose per gli effetti - Lucas non potrà mai fuggire. Per la riuscita del film centrale è la prestazione di Mads Mikkelsen, uno dei più celebri attori danesi, che sovverte la sua immagine iper vigorosa per dare vita allo sventurato maestro Lucas. Il suo personaggio è in qualche modo il ritratto di un moderno uomo scandinavo. Caldo, accogliente, gentile e umile, si prodiga per essere utile agli altri anche quando, dopo il divorzio dalla moglie, dovrebbe dedicarsi un po' più a se stesso. A Mikkelsen, Thomas Vinterberg ha chiesto di far mantenere al personaggio la propria dignità di uomo, senza mai essere tentato da eccessi di esplosione quando la realtà circostante diventa fredda e brutale. Uno dei momenti cruciali del film è quando la vigilia di Natale Lucas si reca in chiesa per la messa e si ritrova ad affrontare un gruppo di persone che lo odiano. Per girare la sequenza sono servite otto ore di riprese nelle quali il personaggio di Lucas passa attraverso vari stadi psicologici - determinazione, collasso, rabbia e sollievo. Mads Mikkelsen ha pianto per tutto il tempo, conferendo anche in questa difficile circostanza fierezza al personaggio e dando al regista la possibilità di riprendere da diverse angolazioni quanto stava accadendo e tracciare la scena con estrema precisione.

VITTIME E CARNEFICI

La sceneggiatura di Il sospetto, scritta a quattro mani dal regista con lo scrittore danese Tobias Lindholm, si avvicina alla storia con un punto di vista inusuale per un film sulla "caccia alle streghe". Non ci sono scene in cui i cittadini si riuniscono per condividere e alimentare la loro rabbia né tanto meno interrogatori di polizia. La vicenda è sempre seguita con il punto di vista del personaggio di Lucas, di cui si colgono tutti gli sviluppi emozionali e pensieri che affollano la sua mente. La storia, poi, è particolarmente insolita: tutti sono degli innocenti e pensano di fare la cosa giusta. Le paure dei genitori sono comprensibili, così come lo è, al primo sentore di pericolo, il loro atteggiamento aggressivamente protettivo nei confronti dei loro figli. In Il sospetto non c'è nessuna condanna per il padre della bambina che scatena l'accusa: come tutti i genitori, è portato a credere in quanto la figlia gli racconta e non ha ragione di pensare a una menzogna. Dimentica, però, che spesso i bambini non distinguono tra realtà e finzione e inventano storie solo per accontentare i grandi e esaudire le loro domande, rispondendo con ciò che questi si aspettano di sentire. In una certa misura e con le dovute cautele del caso, i demoni di Il sospetto sono proprio i bambini, che da presunte vittime si trasformano in carnefici distruggendo la vita di un uomo.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

La forza del film, ciò che afferra lo spettatore per il bavero, è proprio la vita di quel personaggio che, in un film per niente consolatorio, dove in ogni scena c’è una sfumatura capace di dimostrare la malevola ambivalenza dell’apparenza di qualsiasi cosa, continua a tener fermo una sorta di eroismo umanista per il quale nessuna reazione violenta può essere una soluzione a nulla. C’è qualcosa di altrettanto inquietante nella pietà di cui dispone, e allo stesso tempo di adorabile. Come mostra la scena finale, in cui reincontra la bambina che lo ha accusato ingiustamente, una scena capace di far piangere a Cannes 2012 anche un critico 50enne, insensibile e ateo.

Commenti (11) vedi tutti

  • Il tema centrale, estremamente delicato, sulla misericordia e la compassione umana, è approfondito con estro, ma "Il sospetto" va in esacerbazione nello sviluppo dei singoli profili psicologici. Un dramma viscerale quasi completamente riuscito.

    commento di Stefano L
  • Per la regia del danese Vinterberg, un thriller sorprendente, angosciante e ricco di critica alla società e all'uomo di oggi, con un grande Mikkelsen come protagonista.

    leggi la recensione completa di SatanettoReDelCinema
  • Ottimo film.

    commento di Stelvio69
  • Film trovato poco appassionante !

    leggi la recensione completa di chribio1
  • Ca-po-la-vo-ro! E ho detto tutto. In più personaggi delineati alla perfezione tanto da farti esprimere un parere immediato su ognuno di loro…l'amico, l'insegnante, l'amica, la preside, la bambina e naturalmente il protagonista.

    commento di pierlues
  • Un film ben fatto e ben interpretato. Vale la pena di vederlo in quanto pur trattando un argomento impegnativo e scottante lo fa con professionalità.

    commento di UgoCatone
  • Beh il tema è veramente scottante,ma la costruzione e la risoluzione del dramma riesce a coinvolgere solo parzialmente…

    commento di wang yu
  • Non guardavo un suo film da Festen! Non l'ho seguito più nonostante il capolavoro che era… questo è un altra bomba che colpisce duro su una questione delicata. Una specie di La cosa "reale". Capolavoro! Finale da infarto…

    commento di GoonieAle
  • Film inquietante disturbante e sgradevole,specie per un animalista un po' misantropo come il sottoscritto.Eccellente e giustamente premiato Mads Mikkelsen

    commento di quicicasco
  • Film realizzato molto bene, mi è piaciuto molto, lo consiglio.

    commento di Picasso
  • Mi spiace per Sorrentino ma agli oscar farò il tifo per Vinterberg perchè un film così intenso e disturbante non lo vedevo da molto tempo.

    commento di artane
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

pazuzu di pazuzu
8 stelle

All'età approssimativa di quarant'anni, Lucas sta mettendosi alle spalle un matrimonio fallito di fresco dal quale ha avuto un figlio - Marcus, ora adolescente - che lo adora ma vive con la madre. In casa ha l'unica compagnia della fedele cagna Fanny, mentre lo svago è limitato a periodiche battute di caccia al cervo, o a saltuari ritrovi serali a base di chiacchiere ed alcool tra uomini. Ai… leggi tutto

40 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

OGM di OGM
6 stelle

Dunque è così che accade. Questa storia ci spiega il come. Ma non il perché. Tutto può nascere da un equivoco e dalla maldestra reazione di persone inesperte. Anche un’accusa di pedofilia, in questo modo, può materializzarsi dal nulla, e trasformarsi in un marchio impossibile da cancellare. L’innocente fantasia di una bambina diventa un caso giudiziario dai risvolti drammatici. Le… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

lorebalda di lorebalda
4 stelle

  La certezza.     A Cannes 2012, dove era in concorso, si sprecarono i superlativi: bellissimo, un capolavoro, ispiratissimo…   “Cinema che vorremmo vedere sempre e purtroppo vediamo sempre più di rado”.   Davvero troppo per un’operina di buona tenuta e scrittura appena sufficiente, con un bravo attore protagonista (naturalmente… leggi tutto

8 recensioni negative

2019
2019
Trasmesso l'11 ottobre 2019 su Rai Movie

Recensione

AlexDrake di AlexDrake
1 stelle

L'autore si serve di uno dei cliché hitchcockiani per eccellenza, un innocente ritenuto colpevole, e lo appesantisce per quasi due ore con un ridondante e manipolatorio vittimismo (ennesima declinazione della persecuzione trieriana), che non conosce humour o la portata metafisica del cinema del Maestro. Ogni tema viene così liquidato in modo semplicistico,…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Trasmesso il 3 aprile 2019 su Rai Movie
Trasmesso il 2 gennaio 2019 su Rai Movie
2018
2018
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 22 agosto 2018 su Rai Movie
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 3 giugno 2018 su Rai 5
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti
Trasmesso il 29 maggio 2018 su Rai 5
Trasmesso l'11 marzo 2018 su Rsi La1
2017
2017
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Trasmesso il 15 novembre 2017 su Rai Movie
Trasmesso il 31 ottobre 2017 su Rai Movie
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 17 settembre 2017 su Rai Movie
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito