Espandi menu
cerca
La patata bollente

Regia di Steno vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bradipo68

bradipo68

Iscritto dal 1 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 266
  • Post 30
  • Recensioni 4749
  • Playlist 174
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La patata bollente

di bradipo68
8 stelle

La satira politica si fa bonaria ed intelligente.E' facile la lettura politica di una commedia come questa,capace di trattare temi scottanti senza essere becera e volgare,capace di dire cose intelligenti e misurate pur facendo divertire molto e non appesantendo la tesi di cui si fa fautrice.L'Italia qui sembra divisa tra discriminatori di tendenze destrorse(al di fuori della fabbrica,vedi la portiera che controlla gli appartamenti col binocolo manco fosse in uno stato di polizia) e tra sinistrorsi avvezzi agli scioperi e alle lotte operaie all'interno della fabbrica.Ma capaci di discriminare lo stesso.E quando un esponente di spicco della sinistra operaia,detto Gandi,simbolo per gli altri di mascolinità e rettitudine oltre che di lotte sindacali,decide di salvare un ragazzo da un raid fascista facendolo dormire a casa sua ne succederanno delle belle.Perchè presto scopre che è omosessuale e che si innamora anche di lui,del resto eterosessuale convinto.La commedia brillantemente condotta da Steno alla fine ci dice che destra e sinistra sono in fondo uguali quando si trovano di fronte a una diversità.Qui però la satira politica come ho già detto è condotta sul filo dell'ironia,è all'acqua di rose e ci si interessa più agli equivoci che deve subire il Gandi(uno strepitoso Pozzetto) e alla sua storia d'amore con la procace Fenech che non al discorso politico che viene tenuto abilmente sullo sfondo.Il fulcro è il rapporto del Gandi con un mondo a lui sconosciuto e che prima non sospettava neanche che esistesse,prigioniero di ignoranza e pregiudizi.Così come è tenuto abbastanza in disparte quello della diversità di identità sessuale.Se ne Il vizietto di una paio di anni precedente l'omosessualità era vista da una prospettiva folkloristica,qui è qualcosa di più problematico,sicuramente meno caricaturale,fonte di discriminazione ingiusta, anche se tutto poi viene ricondotto a una convenzionale organizzazione familiare.Pozzetto ,la Fenech e Ranieri sono perfetti per le rispettive parti e c'è anche un gruppo di caratteristi notevole che fa aumentare ancora di più il tasso di divertimento.....

Su Massimo Ranieri

bravo

Su Edwige Fenech

sempre procace,meglio del solito

Su Renato Pozzetto

una delle sue interpretazioni migliori

Su Steno

buona la regia,sapeva bene come orchestrare queste commedie di costume

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati