Espandi menu
cerca

Tutti pazzi per Rose

play

Regia di Régis Roinsard

Con Romain Duris, Déborah François, Bérénice Bejo, Shaun Benson, Mélanie Bernier, Nicolas Bedos, Feodor Atkine, Eddy Mitchell... Vedi cast completo

Guardalo su
  • RakutenTv
  • Chili
  • Chili
  • RakutenTv
In STREAMING

Trama

Primavera del 1958. La ventunenne Rose Pamphyle vive in un paesino con lo scontroso padre vedovo, gestore di un negozietto, ed è fidanzata con il figlio di un meccanico. Davanti a sé ha un futuro tranquillo e una vita da casalinga senza particolari aspirazioni quando decide di rispondere ad un annuncio. Nella vicina Lisieux, in Normandia, Louis Echard sta cercando una segretaria per la sua compagnia di assicurazioni e Rose si presenta per un colloquio. L'incontro si rivela disastroso su tutti i fronti ma Rose rivela un dono inaspettato: è capace di battere sui tasti della macchina da scrivere a una straordinaria velocità. Colpito da ciò, Louis la convince a lasciarsi allenare duramente per partecipare a un concorso nazionale di velocità di battitura.

Approfondimento

TUTTI PAZZI PER ROSE: I CAMPIONATI DI DATTILOGRAFIA

Tutti pazzi per Rose rappresenta l'esordio alla regia di Régis Roinsard. Esperto di fotografia ed ex studente di cinema, Roinsard si è specializzato in processi di produzione tecnica di audiovisivi prima di lavorare in televisione e specializzarsi nella regia di prodotti su commissione per spot pubblicitari, video musicali e documentari. Dopo aver diretto quattro cortometraggi, esordisce nel lungo con una storia a prima vista lieve e romantica, basata su una gara di dattilografia. L'idea gli è stata suggerita nel 2004 dalla visione di un documentario sulla storia della macchina da scrivere in cui si mostravano delle brevi sequenze dei campionati di velocità di battitura. Da lì, ha cominciato ad approfondire le caratteristiche di questo particolare "sport" e gli insegnamenti delle scuole di stenografia e dattilografia, compito non facile dal momento che si trattava di istituti in via di estinzione per via della sostituzione delle macchine da scrivere con il computer. Le ricerche su internet, invece, gli hanno permesso di scovare alcuni documenti che testimoniavano come ad esempio i campionati di dattilografia interessassero il pubblico e fossero particolarmenti sentiti: una foto, ad esempio, mostrava come un campionato americano si fosse svolto all'interno di una stanza grande quanto un velodromo di fronte a migliaia di spettatori.
Roinsard è riuscito anche a mettersi in contatto con gli ex campioni della "disciplina" e, ascoltando i loro racconti, ha appreso quanto forte fosse per ogni concorrente la pressione mentale vissuta e di come ognuno mettesse in atto strategie di destabilizzazione dell'avversario.

LA CULTURA DEGLI ANNI CINQUANTA

Protagonista di Tutti pazzi per Rose è Rose - che deve il nome ad una delle nonne di Roinsard -, una ragazza che proviene da un piccolo villaggio e che ha sempre considerato la città di Parigi come una metropoli inaccessibile. Roinsard con l'aiuto dell'amico e produttore musicale Daniel Presley, grande fan delle commedie americane degli anni Cinquanta, ha creato poi i personaggi che le ruotano intorno e l'apporto dello sceneggiatore ventiseienne Romain Compingt, estimatore al tempo stesso di Britney Spears e Marilyn Monroe, ha fatto il resto, componendo le linee di una commedia romantica à la Woody Allen con il tocco francese. Il periodo in cui l'azione si svolge è quello della fine degli anni Cinquanta, una dimensione spazio-temporale che segna l'inizio della società dei consumi per gli adolescenti - con la nascita del rock and roll e con l'evoluzione dei codici di abbigliamento - e della percezione degli sport come forma di intrattenimento e sponsorizzazione. è anche il periodo del boom del secondo dopoguerra, un momento storico in cui la disoccupazione era al minimo, il futuro appariva roseo e nessuno si preoccupava delle ombre che avrebbero portato agli eventi politici del decennio successivo.
Il biennio 1958-59 precede di poco anche i processi di emancipazione femminile e annuncia la rivoluzione socio-culturale che verrà. Al contempo è anche un momento in cui l'uomo è ossessionato dal concetto di velocità: aumenta la velocità delle automobili e viene sviluppato il primo aereo supersonico.

COLORI E SUONI DEGLI ANNI CINQUANTA

Gli anni Cinquanta in Tutti pazzi per Rose rivivono grazie a un processo di miscelazione in cui è possibile ritrovare elementi del cinema di Billy Wilder o Douglas Sirk affiancati da immagini realistiche, quasi da documentario, che restituiscono sagome e volti dEL periodo. Il colore delle immagini è quello tipico dei film americani e francesi di quegli anni e da ispirazione hanno fatto Il palloncino rosso o Zazie nel metrò (anche se è possibile ravvisare dei riferimenti all'uso del colore fatto dai registi della Nouvelle Vague e, in particolare, da Godard in La donna è donna e al cinema di Jacques Demy). I costumi e le scenografie, invece, si rifanno alle copertine realizzate per molti album da Alex Steinwess, uno dei più famosi illustratori statunitensi. Poiché la produzione degli oggetti allora non era ancora legata al consumo di massa, per Populaire ogni cosa è monocromatica e l'effetto lo si è ottenuto grazie a una desaturazione dei colori che ha mantenuto come basi dominanti il rosso, il verde e il blu.
Le musiche scelte non fanno riferimento solo al biennio '58-'59 ma coprono un margine di circa tre anni prima e dopo. Sono state usate in particolar modo musica lounge e jazz di artisti americani come Les Baxter e Martin Denny ma anche canzoni francesi del periodo, cantate da interpreti noti come Yves Montand, Léo Ferré, Georges Brassens ed Edith Piaf, e da artisti allora sconosciuti come Jack Ary, leader di una band di cha-cha e mambo che a 20 anni ha pubblicato il 45 giri della sua versione di Le tcha-tcha de la secrétaire.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Non fosse per una incongrua scena di sesso illuminata da neon blu e rossi, l’apparato a base di colori pastello e schermaglie garbate sembrerebbe sbucato direttamente da mezzo secolo fa. Un gioco ben condotto, con comprimari di livello (tra cui Bérénice Bejo e Frédéric Pierrot), che pecca di lungaggini (il primo bacio ci mette 60 minuti esatti ad arrivare) e sconta un po’ di noia nei reiterati campionati di uno “sport” scarsamente cinegenico come la dattilografia.

Commenti (3) vedi tutti

  • Accurata ricostruzione dei sogni femminili nella provincia francese alla fine degli anni ’50, quando i modelli della commedia rosa del cinema americano cominciarono a imporsi anche in Europa, indicando alle giovani donne la via d’uscita dalla subalternità familiare: prepararsi al lavoro più ambito per loro, quello della segretaria.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • .... innamorarsi al ritmo della dattilografia estrema...

    leggi la recensione completa di fratellicapone
  • Nonostante qualche lungaggine di troppo, questa commedia è gradevole e gustosa. Bellissima l'ambientazione. Per una serata in tranquilla predisposizione al positivo…

    commento di fefy
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bufera di bufera
8 stelle

TUTTI PAZZI PER ROSE ( Populaire è il titolo originale,al solito snobbato) è l’opera prima del regista francese Regis Roinsard, già in odore di qualche César, con cinque nomination, ma è anche un film costruito con la classe tipicamente francese coniugata a un tema cercato dall’autore nella storia sociale degli anni 50: la velocità nel battere i tasti della macchina da scrivere,… leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

laulilla di laulilla
6 stelle

  Régis Roinsard, alla sua prima regia, presenta la vita sonnolenta di una realtà paesana in bassa Normandia, quando le ragazze venivano educate - secondo la volontà dei padri e nel rispetto delle tradizioni - per sposarsi, raccontando la storia di Rose Pamphyle, giovane figlia del proprietario di un bazar di paese.  … leggi tutto

7 recensioni sufficienti

2021
2021
Trasmesso il 22 gennaio 2021 su Tv 2000
2020
2020
Trasmesso il 28 giugno 2020 su Rai Movie
Trasmesso il 14 giugno 2020 su Rai 5

Recensione

laulilla di laulilla
6 stelle

  Régis Roinsard, alla sua prima regia, presenta la vita sonnolenta di una realtà paesana in bassa Normandia, quando le ragazze venivano educate - secondo la volontà dei padri e nel rispetto delle tradizioni - per sposarsi, raccontando la storia di Rose Pamphyle, giovane figlia del proprietario di un bazar di paese.  …

leggi tutto
Trasmesso il 9 giugno 2020 su Rai 5
2019
2019
Trasmesso il 25 agosto 2019 su Rai Movie
2018
2018
2017
2017

Recensione

jonas di jonas
6 stelle

Anni ’50: la figlia di un droghiere di provincia sogna di fare la segretaria per raggiungere l’indipendenza economica; il suo capufficio ne nota l’abilità con la macchina da scrivere e la fa partecipare a gare di velocità. Commediola innocua, ma meno scema di quanto il soggetto lascia pensare: ci riporta a un’epoca in cui saper battere a macchina ha…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Trasmesso il 29 agosto 2017 su Rai Movie
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2016
2016
Trasmesso il 1 novembre 2016 su Rai Movie
Trasmesso il 21 ottobre 2016 su Rai Movie
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

fratellicapone di fratellicapone
8 stelle

Un buon film che mi ha catturato fin dai titoli fatti con una grafica accattivante e retrò, come poi tutto il film che è un tuffo negli anni ’50 così come li ricordo io. Colori pastellosi, pettinature impostate, macchine da scrivere sferraglianti di tanti tipi e colori, musica swing. Il titolo originale è Populaire che è un modello di macchina da…

leggi tutto
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti
Trasmesso il 26 gennaio 2016 su Rai Movie
2015
2015
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

chribio1 di chribio1
7 stelle

Commedia in stile anni '50 ambientata in Francia con una simpatica Attrice protagonista e una Storia a tratti frizzante e piu' facilotta e a tratti piu' inebriante di venature retro' affascinanti e al tempo stesso superate (anche la stessa Macchina da scrivere ...) pero' il tutto mixato in modo semplice,onesto e neanche tanto banale.voto.7.

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito