Espandi menu
cerca
Game Change

Regia di Jay Roach vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 197
  • Post 120
  • Recensioni 813
  • Playlist 247
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Game Change

di mck
7 stelle

...saràh palin, saràh ivanka, saràh ferguson...

attori : * * * * ½

soggetto : * * * *

sceneggiatura : * * * ½

regia : * * *

 

---  Scritto prima delle elezioni presidenziali U.S.A.  ---

 

( Mistery, ) Alaska Powers in Cold Member

 

" 60 minutes " X 2

 

Un ponte verso il nulla.

" E' pronta per essere presidente ? "

Domanda sbagliata.

E' adatta per essere presidente ?

Cronaca di un disastro annunciato.

" Vagliare una creazionista antiabortista armaiola in 5 giorni ? "

" Possiamo farlo ! "

Storia di un disastro pre-annunciato.

Live on YouTube.

 

" Sono molto felice che mi facciate queste domande...! "

" Come mai ? "

" E' importante sapere con esattezza cosa e chi state scegliendo "

 

Riesce a mettere autentica paura persino negli occhi del Natural Born Killer Prairie Home Companion Sunchaser Larry Flynt che solo Chigurh in Zombieland lo ferma : Woody Harrelson - Steve Schmidt, consulente politico di John McCain durante la campagna elettorale per le presidenziali del 2008 prestato a tutta la causa, nel backyard di Sarah Palin appena tornata a casa per staccare un po' :

" Come va dottore ? "

" Salve, tutto bene ? "

" Ah...dipende...come la trova ? "

" Per una donna che ha appena avuto un bambino, con una figlia adolescente incinta ed un figlio in Iraq...direi che non sta poi tanto male. Invece vedo che lei sta uno schifo "

" Ehmh..."

 

Un film sostenuto e sorretto da una grandissima attrice.

E anche Julianne Moore non è affatto malaccio ! Per non parlare di Tina Fey...

 

( ma io non faccio testo : trovo certo la Serracchiani arrapante, ma pure ( anche se s'è dimostrata più serva di un servo sterzo s'una smart con b. ) Giorgia Meloni : du' colpi - con rispetto parlando - ci stanno tutti )

 

...e di tutto il resto del comparto recitativo ch'è per la gran parte magnifico, da Ed Harris in giù.

 

 

Cambio di strategia in corsa...

CNN  :  " Non è che lei non sappia dare la risposta giusta ..... quello che risulta evidente è che non capisce la domanda ".

E che le regole del gioco '''non''' si cambiano ( ne sappiamo qualcosa : porcellum, mattarellum, primarie, premio di maggioranza al 42,5 % ) è una ur-regola.

 

Senatore John McCain : " Prima mi amavano...adesso vogliono soltanto fottermi ". Le sue reazioni di fronte a certi esemplari del suo elettorato medio che sputano rabbia contagiosa contro lo straniero-terrorista-sacrificale capro espiatorio esemplare Barak Hussein Obama ( sua la vera " Gioiosa Macchina da Guerra " raccogli fondi, donazioni, contributi e finanziamenti ) sono un pezzo di cinema da mandare a memoria non per la storia del cinema ma per quella tutta : McCain ne esce anche troppo edulcorato, ma quei momenti sul volto di Ed Harris sono meravigliosi.

 

Diretto da Jay Roach...

 

- i 3 Austin Powers, i 2 Meet the Parents-Fockers ( i Little fockers li ha lasciati al Paul Weitz  ( In Good Company ( the Golden Compass è di Chris Weitz ) ), e dopo di questo " the Campaign ", e produttore di Borat-Bruno e sopratutto di GuidaGalatticaPerAutoStoppisti -

 

...su una sceneggiatura di Danny Strong basata su un libro di Mark Halperin e John Heilemann...tratto da...un copione andato in scena realmente.

 

Se Dart Fener - Dick Cheney col suo cuore di metallo pressofuso, se l'inequivocabile - inesistente - artefatta Smoking Gun di Donald Rumsfeld, Colin Powell, Condoleezza Rice, Karl Rove e Paul Wolfowitz, se tutto l'Amba Aradam di W. non vi avevano fatto cacare sotto abbastanza...pensate per un attimo a Sarah Palin - un clistere per alci zannuto - con le sue truzze ditine sul pulsante Fine di Mondo.

 

E' un film che non racconta nulla di nuovo in un modo per nulla nuovo ( anche per lo standard HBO è un prodotto rispettabilissimo ma nella media ), ma è, come s'usa dire spesso a sproposito, necessario : un ragionare su se stessi degli statunitensi d'america che qui da noi, ora come ora, ci sognamo.

 

Consoliamoci, in un universo parallelo Al Gore ha sconfitto l'effetto serra, il terrorismo, la fame e la sete nel mondo e le energie non rinnovabili. Oppure McCain ha deciso di candidare come suo vice Joe Lieberman...

 

Sul film

 

---  Scritto dopo le elezioni presidenziali U.S.A. 2012  ---

 

Rispettando lo spirito democratico del discorso di auguri del candidato sconfitto al presidente eletto :

 

Romney suca.     

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati