Trama

Sul finire del XIX secolo, nonostante l'età e la stanchezza, Gebo continua l'attività di contabile con cui mantiene la famiglia. Vive con la moglie Doroteia e la loro nuora Sofia ma è l'assenza del figlio Joao a occupare i pensieri di tutti. Gebo ha nascosto alla moglie che il figlio Joao si è dato alla macchia dopo essersi reso responsabile di alcune azioni poco onorevoli. L'ignara Doroteia attende con speranza che Joao possa un giorno fare rientro a casa mentre in Sofia l'attesa si mischia alla paura. Quando Joao si ripresenta all'improvviso, ogni cosa cambia e prende una piega differente. Mentre Doroteia crede che il suo ritorno sia un bene, Gebo non si fa illusioni e decide di non nascondere la quantità colossale di denaro che sta custodendo per conto della compagnia per cui lavora.

Approfondimento

GEBO E L'OMBRA: UN FILM MINIMALISTA

Inquadrato di profilo, di fronte all'oceano il giovane João sembra fissare un punto. Cosa stia fissando non lo si saprà mai. La sequenza di apertura di Gebo et l'ombre abbandona immediatamente lo spazio aperto per lasciare posto a quello ristretto di una casa. Pur scomparendo materialmente dalla vista, João rimane una presenza costante nei discorsi della moglie abbandonata Sofia - in costante attesa alla finestra, come un'eroina del melodramma -, della madre Doroteia - che vive nel mito di un figlio ideale ed esprime il suo risentimento con la nuora -, e in particolar modo del padre Gebo, ragioniere meticoloso sempre assorto in complessi calcoli per passare il tempo. Per mostrare il peso della dolorosa attesa, De Oliveira ha scelto di realizzare un film minimalista, ambientato per lo più dentro le quattro mura di una sola stanza e arricchito nella rappresentazione da significative modulazioni interpretative degli attori. Si tratta di una scelta radicale che porta a concentrare i problemi dell'esistenza (come sopravvivere o che direzione prendere nella vita) nello spazio di un solo scenario. Il registro fantastico che De Oliveira usa in Lo strano caso di Angelica, la sua opera precedente, non viene abbandonato ma è semmai interiorizzato. La limitazione dello spazio fisico dà di conseguenza una particolare importanza ad ogni apparizione, evento ora divertente quando nella stanza si presenta un amico o un vicino di casa ora inquietante quando rientra João.

 

 

DE OLIVEIRA E LA RILETTURA DEL PASSATO STORICO

De Oliveira adatta il lavoro di Raul Brandão per proseguire la sua riflessione sul sebastianismo, l'ideologia messianica portoghese. Dopo la morte di Sebastiano I nella battaglia di Alcazarquivir nel 1578, in Portogallo è nato il mito del "re desiderato". Nell'immaginario collettivo il defunto re, il cui corpo non fu mai ritrovato, era colui che sarebbe ritornato per ripristinare la potenza ormai persa del Portogallo, istituendo il Quinto impero, l'impero universale cattolico.  Dai tempi di No, o la folle gloria del comando e con film come Parole e utopia e Cristoforo Colombo - L'enigma, De Oliveira non ha mai smesso di esaminare l'immaginario storico del suo paese. João, il figlio, è in qualche modo un nuovo Sebastiano I - ruolo che l'attore Ricardo Trêpa, qui João, aveva interpretato in Il quinto impero - che, anziché portar pace e accordo in famiglia, provoca con il suo ritorno un vero e proprio disastro, rubando i soldi che il padre custodiva e spingendo questi ad autoaccusarsi del furto.

GEBO E L'OMBRA: TRA POVERTÀ E ONESTÀ

La riflessione sulla storia portoghese non deve però far credere ad una storia lontano nel tempo. Come in Singolarità  di una ragazza bionda e Lo strano caso di Angelica, il peso della crisi economica è infatti esplicito e determina il rapporto tra povertà e onestà. L'impostazione all'interno di una sola stanza permette di immaginare uno scenario esterno devastato, senza possibilità di libertà o felicità. Il personaggio di Candidinha, interpretato da Jeanne Moreau, ripete costantemente di essere senza un soldo.
La stanza in cui Gebo e l'ombra è ambientato è anche il prezzo che Gebo deve pagare per la sua onestà: un carcere quotidiano e noioso. A differenza del padre, João rivendica una vita libera. Nel dilemma morale che i personaggi vivono non c'è nulla di semplicistico o di scontato. Gebo è ad esempio fedele ai suoi principi ma mente alla famiglia e, soprattutto, a sua moglie. Finisce anche con il sacrificare la sua esistenza con una menzogna ma il valore del suo gesto, più che un sacrificio, sembra essere una forma di egoismo. Il figlio, invece, non è rappresentato come un semplice criminale o come un ladro senza scrupoli disposto a depredare anche la sua stessa famiglia. Come lo descrive Oliveira, è un rivoluzionario che mette in discussione i principi che governano la società. Entrambi, però, fanno confusione tra i valori morali e quelli monetari, fonte o conseguenza di tutti i loro problemi.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Si discute d’etica all’epoca della crisi economica, si svestono bugie e le si reindossano perché necessarie, in questo film parlato memore dell’economia estetica del muto, composto da tableaux vivants che sospendono il reale nell’apologo morale, abitato dai corpi monumentali di attori che sembrano spettri leggiadri e inquietanti, strani casi d’Angelica, ombre proiettate dal nostro presente. Ultimo dei primitivi e primo dei moderni, De Oliveira sa sempre essere contemporaneo. Adattamento dell'omonimo testo teatrale di Raul Brandao.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Spaggy di Spaggy
8 stelle

Con un racconto dall'impostazione teatrale - affidato alle parole dei  sei attori costantemente in scena che si fanno carico di sostituire le immagini di un passato e del mondo esterno - dalla scarna ed essenziale scenografia, Manoel de Oliveira, a 104 anni, sorprende per la modernità con cui adatta la piece di Brandao: pur mantenendo l'ambientazione da fine Ottocento, sceglie di parlarci… leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
6 stelle

E' a tutti gli effetti clamoroso - portentosamente clamoroso - come un film del genere, nel 2012, sia potuto arrivarci da un regista 104enne. De Oliveira, che è anche sceneggiatore del testo teatrale originale di Raul Brandao (del 1923!), mette in scena la crisi contemporanea adattando una storia sempreverde con pochi personaggi, sparuti dialoghi e azione quasi nulla. E' il cinema, insomma, di… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

chribio1 di chribio1
1 stelle

Ma sembra d'essere proprio a Teatro : io capisco che sia adattato ad un Opera Teatrale e messo in visione a tutti noi da un Regista di ben 104 anni ma c'e' limite a tutto. Qua si confabula continuamente seduti ad un lungo tavolo ed anche se gli Attori sono di razza (almeno 3 di questi ...),non si puo' certamente appisolarsi continuamente perche' non accade nulla ( o non si cerca di trovare nulla… leggi tutto

1 recensioni negative

2020
2020
2018
2018

Perle nascoste

MVRulez di MVRulez

Il titolo (forse un po' troppo altisonante) di questa playlist ne racchiude il suo scopo: catalogare alcune opere meritevoli (sia classiche che moderne) le quali, per un motivo o per un altro, rischiano di rimanere…

leggi tutto
2016
2016
2015
2015
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2014
2014

L'altruismo sbagliato

giuvax di giuvax

Ritrovo tra i miei appuntini il foglietto con l'angolo degli spunti per playlist e post, e c'era una playlist abbandonata da, forse, maggio. - Qual è il tuo punto debole? - Tendo a preoccuparmi troppo degli…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 23 giugno 2014

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

Adattamento di una pièce di Raul Brandão, Gebo e l’ombra (in sala a 2 anni dalla prima veneziana e dopo il passaggio tv su Fuori orario) mette in scena un gruppo di famiglia in miseri interni, a flebile lume di candela, oppresso dall’ombra sfiancante d’una assenza: la madre che attende il ritorno del figlio, il padre che le mente per tenere insieme i suoi fragili sogni, la moglie che,…

leggi tutto
Recensione
locandina
Foto

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Il teatro è sguardo e ascolto. È paziente osservazione di una verità tacita che lentamente si dispiega, nei gesti e nelle parole, emergendo poco a poco dall’oscurità. L’evento atteso è un ritorno, oppure una rivelazione. Ed il colpo di scena, che ci risveglia dal sonno di quella dichiarata aspettativa, è l’improvvisa rimozione dell’unica certezza su cui la storia poteva contare. Il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2013
2013

Recensione

chribio1 di chribio1
1 stelle

Ma sembra d'essere proprio a Teatro : io capisco che sia adattato ad un Opera Teatrale e messo in visione a tutti noi da un Regista di ben 104 anni ma c'e' limite a tutto. Qua si confabula continuamente seduti ad un lungo tavolo ed anche se gli Attori sono di razza (almeno 3 di questi ...),non si puo' certamente appisolarsi continuamente perche' non accade nulla ( o non si cerca di trovare nulla…

leggi tutto
Recensione
2012
2012

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

E' a tutti gli effetti clamoroso - portentosamente clamoroso - come un film del genere, nel 2012, sia potuto arrivarci da un regista 104enne. De Oliveira, che è anche sceneggiatore del testo teatrale originale di Raul Brandao (del 1923!), mette in scena la crisi contemporanea adattando una storia sempreverde con pochi personaggi, sparuti dialoghi e azione quasi nulla. E' il cinema, insomma, di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Che cos'è il denaro?

Tommy Spasmo di Tommy Spasmo

Il cinema che riflette sul denaro, e sulle sue capacità corruttorie. Quattro metafore dell’animo umano logorato dal denaro, che diventa una sorta di amplificatore degli istinti violenti (più o meno) nascosti in…

leggi tutto
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 11 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
10 stelle

Era già da qualche anno che l’anziano maestro portoghese pensava ad una storia che avesse per protagonista la povertà, il ceto umile che stenta a sostenersi e l'opera letteraria di Raul Brandao gli e' sembrata la giusta occasione per uscire dagli schemi ormai collaudati e ormai sapientemente rappresentati. Forse proprio da quando qualcuno gli fece notare che tutte le sue notevoli opere sono…

leggi tutto

Recensione

mck di mck
10 stelle

  Manoel Cândido Pinto de Oliveira, al Secolo Manoel de Oliveira.   O Gebo e a Sombra.   Rebel with a cause. Wrong.   Singin' in the rain, Droogs.   Alba sull'oceano : tramonto.   " La notte avant'ieri a casa mia..." >>>€>>>   Un gioco imbarazzante d'incomprensioni, e il giogo, oltre che della classe sociale, del…

leggi tutto

Recensione

Spaggy di Spaggy
8 stelle

Con un racconto dall'impostazione teatrale - affidato alle parole dei  sei attori costantemente in scena che si fanno carico di sostituire le immagini di un passato e del mondo esterno - dalla scarna ed essenziale scenografia, Manoel de Oliveira, a 104 anni, sorprende per la modernità con cui adatta la piece di Brandao: pur mantenendo l'ambientazione da fine Ottocento, sceglie di parlarci…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito