Espandi menu
cerca
World War Z

Regia di Marc Forster vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Lina

Lina

Iscritto dal 28 ottobre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 111
  • Post 8
  • Recensioni 1059
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su World War Z

di Lina
2 stelle

E dire che avevo iniziato a vedere questo film piena di speranze e di aspettative che invece sono state tutte deluse... da come si presentava ero convinta che mi sarebbe piaciuto poichè in genere amo i blockbuster di questo tipo, che trattano la caccia agli zoombies in seguito ad un inarrestabile contagio mondiale, ma mi è rimasto solo l'amaro in bocca dopo aver sprecato due lunghe ore a seguire una trama scontata, riciclata da altre opere simili (ma di gran lunga migliori ovviamente) che non ha saputo darmi la men che minima emozione attraverso delle dinamiche poco efficaci, che si ripetono a catena (noiosamente dopo un po'). La storyline purtroppo manca di idee e neppure lo splatter si salva (a proposito, ma era presente sul serio nel film?), mentre il ritmo è assai discontinuo. Che cosa dovrebbe emozionare dunque? I protagonisti che appaiono tutti poco caratterizzati e quindi privi di personalità? O forse dovrebbe emozionare la monoespressiva faccia di Brad Pitt che con un look (forse studiato) alla Gesù Cristo si fa carico dell'intero plot giocando a fare l'eroe? Ma per favore che pur avendo ancora una certa presenza scenica, era comunque privo del giusto carisma e mostra davvero, sì e no, due espressioni diverse in tutto il film (infatti erano molto più espressivi gli zoombies di lui)... quindi cos'altro ci sarebbe? Il 3D forse, ma capirai, era molto meglio e di maggiore impatto ed effetto quello di "Drive angry" secondo me - e comunque funge solo da specchietto per le allodole, per attirare più gente in sala e per incrementare i guadagni dei box offices di tutto il mondo.

 

Solo le sequenze iniziali sono promettenti e coinvolgenti, il resto è monotonia. Tutto sa di vecchio, tutto è fin troppo banale, ripetitivo e prevedibile e non mi sembra proprio che sia stato ben interpretato, ma non solo a causa dell'inespressività degli attori e della loro incapacità di caratterizzare bene i propri personaggi, ma anche a causa di una sceneggiatura fredda, molto meccanica che si rivela pure ridondante quasi fino all'eccesso nel dar vita ad una messa in scena che mostra un continuo susseguirsi di scene di azione di massa che illustrano una corsa contro il tempo o una lotta tra la vita e la morte inizialmente godibile, ma che gradualmente scema in un qualcosa di scontato che si autoreplica all'infinito senza saper offrire nient'altro. Si finisce infatti col non riuscir più a distinguere una scena di massa dall'altra (le scene che si distinguono davvero in effetti si possono contare sulle dita, come quella della scalata verso il muraglione e quella iniziale dove Pitt fugge cercando di mettere in salvo la sua famiglia). E' il tipico film che si trascina più a lungo di quanto dovrebbe, con un ritmo che stanca, con dialoghi che non incidono, con dinamiche di trama e situazioni sempre un po' uguali, con una tensione psicologica quasi pari a zero e con pochi reali colpi di scena. Quel che è peggio poi è che il film non racconta una vera e propria storia di zoombies, di horror e di soprannaturale, ma sfrutta la tematica per mostrare più che altro una storia apocalittica in stile "2012" (il film) che offre tanta azione tra fughe, distruzioni, salvataggi e poco altro.

 

Si avverte una sovrabbondanza di azione in tutto questo ed una grave carenza di anima che si lascia sentire giusto in qualche sequenza (anch'essa scontata e comunque d'obbligo), ma non certo grazie a Brad Pitt poichè il suo sentimentalismo non convince in alcun momento. Non riesce infatti a calarsi veramente nel personaggio che interpreta e avrebbe fatto meglio a limitarsi a far da produttore in tutto questo.

 

In conclusione, non si può davvero negare che questo, più che il classico blockbuster apocalittico riuscito, sembra uno spot a favore dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per come affronta l'argomento del contagio virale zoombiesco planetare.

 

E' un film assurdo da tanti punti di vista, è involontariamente comico - e non autoironico purtroppo come nei buoni film del genere che si rispettino - e puzza di classica americanata da due soldi al 100%. Bocciato. Anche nel suo ridicolo epilogo che conclude con delle riflessioni a dir poco deliranti mai sentite neppure nei fumetti di serie Z.

 

Marc Forster

 

Ha eseguito un lavoro assai meccanico e prolisso.

 

Brad Pitt

 

Una volta ironizzò dicendo che era stata la sua adorazione verso Satana a procurargli dei ruoli cinematografici e vedendo come recita continuo sempre di più a credere che probabilmente non stava scherzando... è inespressivo in questo film come lo è quasi in tutti del resto.

 

Mireille Enos

 

Inespressiva.

 

James Badge Dale

 

Mah...

 

Daniella Kertesz

 

Mediocre.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati