Trama

Jean Valjean (Hugh Jackman) ritorna in libertà dopo aver trascorso gran parte della sua esistenza detenuto in un carcere, dal quale usciva ed entrava in continuazione a causa di alcuni furti dettati dalle estreme condizioni di povertà in cui viveva. Deciso a lasciarsi dietro quegli anni e Javert (Russell Crowe), lo spietato poliziotto che non ha mai smesso di braccarlo, Jean prova a costruirsi una nuova identità che lo riscatti agli occhi di una società che da sempre lo considera un reietto. L'incontro con l'operaia Fantine (Anne Hathaway), poi, fa sì che prenda a cuore le sorti della figlia di lei (Amanda Seyfried), cambiando per sempre il resto della sua vita.

Approfondimento

LES MISÉRABLES: L'ADATTAMENTO DEL MUSICAL

Tratto dal romanzo di Victor Hugo, Les Misérables è l'adattamento su grande schermo dell'omonimo musical già meso in scena con successo in tutto il mondo. Con la regia di Tom Hooper, premio Oscar per Il discorso del Re, sullo sfondo della Francia del XIX secolo Les Misérables racconta una storia di sogni infranti e di un amore non corrisposto, di passione, di sacrificio e redenzione, offrendo una testimonianza senza tempo della resistenza dello spirito umano. Protagonista è l'ex detenuto Jean Valjean, braccato per decenni dallo spietato gendarme Javert. Quando Valjean promette di prendersi cura di Cosette, la giovane figlia dell'operaia Fantine, la sua vita cambierà per sempre. La sceneggiatura, riprendendo lo script originale del musical di Alain Boublil e Claude-Michel Schonberg, è ad opera del due volte nominato agli Oscar William Nicholson (Il gladiatore, Mandela: Long Walk to Freedom), degli stessi Boublil e Schonberg e di Herbert Kretzmer. Le musiche delle canzoni - tra cui i celebri brani I Dreamed a Dream, Bring Him Home, One Day More e On My Own - sono di Schonberg mentre i testi portano la firma di Kretzmer. Sul set, il regista Hooper ha potuto contare sull'appoggio del direttore della fotografia Danny Cohen (Il discorso del Re, This Is England), della scenografa Eve Stewart (Il discorso del Re, Topsy Turvy - Sottosopra), dei montatori Melanie Ann Oliver (Anna Karenina, Jane Eyre) e Chris Dickens (The Millionaire, Paul) e del costumista Paco Delgado (Biutiful, La mala educación (2004) ). La produzione musicale e le orchestrazioni sono invece a cura di Anne Dudley (Full Monty - Squattrinati organizzati, American History X), coadiuvata da Stephen Metcalfe per le orchestrazioni e dal mixatore del suono Simon Hayes (Mamma Mia, Prometheus) per le registrazioni del canto dal vivo.

LES MISÉRABLES: UN MUSICAL TUTTO CANTATO

La storia del musical Les Misérables ha inizio nel 1978 quando i compositori francesi Alain Boublil e Claude-Michel Schonberg hanno iniziato a lavorare su un adattamento musicale dell'opera di Victor Hugo. Dopo che lo spettacolo è stato messo in scena a teatro dal regista Robert Hossein e dopo la pubblicazione di un concept album da centinaia di migliaia di copie vendute, il regista ungherese Peter Farago ha voluto realizzarne una versione in inglese, che ha debuttato a Londra l'8 ottobre 1985. Sono occorsi 21 anni di repliche e oltre 60 milioni di spettatori in 42 differenti paesi affinché si concretizzasse l'idea di realizzarne una trasposizione cinematografica da affidare a Tom Hooper, reduce dal successo e dall'acclamazione globale per Il discorso del Re. La prima stesura della sceneggiatura di Nicholson presentava i dialoghi intervallati dalle canzoni ma l'intenzione di Hooper non era quella di fare una mera riproposizione del musical. Dopo vari pensieri e riflessioni, il regista aveva infatti deciso di creare una realtà alternativa in cui le persone comunicano solo attraverso il canto. È stato ciò a spingerlo a ricercare la collaborazione di Schonberg e Boublil per trasformare i dialoghi di Nicholson in musica e canzoni. In più, Hooper ha coltivato sin da subito il sogno di realizzare un musical filmato in cui i cantanti/attori si esibiscono dal vivo - accompagnati dal solo pianoforte (l'orchestra verrà introdotta solo in fase di postproduzione), senza ricorrere all'uso di registrazioni sonore che avrebbero provocato qualche intoppo per via della sincronizzazione al playback.

PERSONAGGI E INTERPRETI

Tenendo conto delle volontà di Hooper, gli attori protagonisti di Les Misérables avrebbero dovuto essere ottimi interpreti dotati di uno spiccato talento canoro. La prima sfida da affrontare era dunque quella di trovare i due attori giusti per dar vita ai personaggi di Jean Valjean e Javert, al centro di Les Miserables. Rilasciato sulla parola dopo aver scontato 19 anni di carcere per un piccolo crimine, Valjean è etichettato come un emarginato e viene evitato dovunque egli vada. Due decenni di duro lavoro lo hanno trasformato in un uomo che odia il mondo e, più significativamente, in un uomo che odia se stesso. A metterlo sulla via della redenzione è l'atto di misericordia di un vescovo ma si ritrova costantemente sul collo il fiato di Javert, il rigoroso ispettore che lo insegue senza sosta. A dar corpo a Valjean e Javert sono Hugh Jackman e Russell Crowe.
Per il ruolo di Fantine, Hooper sceglie Anne Hathaway, che all'età di 7 anni aveva avuto già la possibilità di avvicinarsi al musical quando durante il tour statunitense di Les Misérables sua madre venne scelta per un ruolo minore.Fantine è uno dei personaggi più drammatici della storia di Hugo: costretta a prostituirsi dopo essere stata buttata fuori dalla fabbrica, la sua discesa verso il degrado è qualcosa che continua a tormentarla in maniera totale e straziante e si riflette anche nel suo aspetto fisico. Per essere Fantine, la Hathaway ha voluto realmente tagliare i suoi capelli nella scena in cui Fantine vende la sua chioma e ha perso oltre 14 chilogrammi in 5 settimane.
A interpretare Cosette, la figlia di Fantine, è Amanda Seyfried, con già alle spalle l'esperienza di un musical cinematografico, avendo preso parte a Mamma mia! e avendo persino già fatto sua la parte di Cosette in una recita al liceo. A Cosette è affidato il compito di portare luce, speranza e amore in un mondo devastato dai drammi. Simbolo di positività e rinascita, Cosette vive un intenso amore con Marius, uno studente politicamente impegnato contro la disuguaglianza in Francia, interpretato da Eddie Redmayne.
A essere innamorata di Marius è anche Eponine, la figlia maggiore della coppia che ha allevato Cosette. Eponine è interpretata dall'attrice inglese Samantha Barks, al suo esordio sul grande schermo ma già protagonista nello stesso ruolo nella versione del musical messa in scena a Londra dal giugno 2010 al giugno 2011. I genitori di Eponine, monsieur e madame Thénardier, hanno invece il volto di Sacha Baron Cohen e Helena Bonham Carter: seppur nella loro crudeltà, ai due personaggi è dato il compito di apportare sprazzi di comicità.

SET STORICI TRA GRAN BRETAGNA E FRANCIA

Dopo diverse settimane di prove, la produzione di Les Misérables ha iniziato le 12 settimane di riprese a Gourdon, nel sud della Francia. Qui, è stato individuato il paesaggio di montagna dove girare il ritorno alla libertà di Valjean. Una volta ritornati in Inghilterra, Hooper e la sua troupe hanno avviato la produzione a pieno regime, cercando come punti di riferimento alcuni dei siti storici inglesi, perfetti per ricreare il clima della Francia dell'Ottocento. La sede della Royal Navy di Pourtsmouth, nel sud del paese, ha dato con la sua flotta navale e con la leggendaria Victory lì ormeggiata lo sfondo perfetto per la sequenza di apertura, quando si incontra Valjean che insieme ad altri detenuti scende da una enorme nave in riparazione. A Chatham, sede di uno storico cantiere operaio e di un museo nel Kent, sono state girate le scene in cui Fantine lavora in fabbrica in una struttura ricavata nella Tarring Yarn House, una azienda di filati costruita nel 1786. Nella cittadina sono state girate anche la scena della morte di Fantine e quella del confronto tra Valjean e Javert. Sempre a Chatham, sono state ricostruite le vie di Montreuil-sur-Mer e il suo quartiere a luci rosse, ispirandosi al lavoro dell'artista francese Gustave Doré. All'Old Royal Naval College di Greenwich, è stato ricreato l'Elefante della Bastiglia, il monumento parigino ideato da Napoleone e posto nella piazza della Bastiglia. Sfondo di una processione funebre, dell'inizio della rivolta studentesca e per la sequenza finale del film, l'Elefante è stato scolpito in polistirolo ed è alto più di 30 metri. Poiche il finale di Les Misérables abbraccia la rivoluzione francese del 1848, momento in cui i rivoluzionari avevano scoperto l'arte della costruzione di barricate, Tom Hooper e la scenografa Eve Stewart hanno avuto bisogno di centinaia di pezzi di mobili, porte, banchi, pannelli, sedie e tavole per realizzare una delle più grandi barricate mai viste al cinema. Dopo una breve sosta a Winchester per girare la scena della morte di Valjean nella cappella del Winchester College, il set si è spostato nei teatri di posa Richard Attenborough Stage di Pinewood, dove è stata ricostruita la Parigi del 1832 sulla base delle fotografie scattate ai tempi da Charles Marville.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Dopo vent'anni di successi in tutto il mondo, il musical tratto dalla celebre opera di Victor Hugo arriva sul grande schermo, per la regia di Tom Hooper che, forte dell'Oscar tributato a Il discorso del re, lavora con un grande budget e con un cast nutrito di attori-cantanti adattando l'omonimo musical di Alain Boublil e Claude-Michel Schönberg. Produzione sontuosa, fedele come era necessario per un testo così venerato, Les Misérables non abdica il cinema al teatro ed è attraversato da un contagioso (ed eternamente attuale) slancio rivoluzionario.

Commenti (2) vedi tutti

  • Un bel film che però ha vita facile, tratto come - tramite musical - da uno dei grandi romanzi dell'umanità.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • grandioso film. commovente, profondo ben interpretato e cantato, con una colonna che farà epoca, come per jesus christ superstar. non un musical, semmai un'opera lirica, ma al cinema, con scenografie bellissime. ha preso pochi oscar. 

    commento di latini
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

bufera di bufera
6 stelle

Dopo le venti (più o meno) trasposizioni cinematografiche del romanzo di Victor Hugo Les Misérables, inevitabili  per la messe di temi che la fonte letteraria offre,ecco la trasposizione cinematografica del musical omonimo, di cui nel 1985 a Londra fu rappresentata l’edizione inglese, a seguito di quella francese, con autori Alain Boublil e Claude- Michel Schonberg, con grande e persistente… leggi tutto

5 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

supadany di supadany
8 stelle

Grazie alla vagonata di premi ricevuti da “Il discorso del Re” (2010), Tom Hooper ha l’occasione delle vita con la trasposizione cinematografica del romanzo di Victor Hugo nonchè del venerato omonimo spettacolo teatrale e la sfrutta al meglio, grazie ad una produzione lussuosa che non si fa mancare nulla e che gli permette di mettersi in gioco a tutto campo. Dopo anni… leggi tutto

20 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
4 stelle

Ora che l'Oscar per quel sopravvalutato filmone sul famoso re balbuziente lo ha reso celebre a livello mondiale, Tom Hooper ha deciso di non badare a spese nella sua ultima e nuovamente pluricandidata fatica cinematografica: un musical, mica un musicarello, per giunta tratto dalla famosa opera di Victor Hugo già memore di una trasposizione teatrale in chiave musical di un certo successo. … leggi tutto

3 recensioni negative

2018
2018
Trasmesso il 24 dicembre 2018 su Iris
2017
2017
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 26 settembre 2017 su Rete 4
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

tobanis di tobanis
8 stelle

Era una bella scommessa: prendere un romanzo (anche se uno dei romanzi migliori della storia dell’umanità) e farne un musical; prendere poi attori famosi e farli cantare decentemente o anche molto decentemente. In realtà il film prende spunto DA un musical di una quarantina di anni fa, che a sua volta si basava sul romanzo, dunque un minimo di rischio in meno c’è…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2016
2016
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

Antofroncy di Antofroncy
2 stelle

Sonceramente non ho aspettato molto per dare il "pre"giudizio che poi si è confermato. Dirigere un film con tematiche e motivazioni etiche così importanti come "I Miserabili" non è semplice di per sè. Diventa ancora più complesso e farraginoso se tutta la durata della pellicola (e a questo punto credo sia così anche se ho visto solo 10 minuti) è…

leggi tutto
Recensione
Trasmesso il 30 ottobre 2016 su Iris

Recensione

Giuseppes di Giuseppes
10 stelle

   Nel film teatro e cinema sono magistralmente fusi e amalgamati. L'opera (dolce, sconvolgente, amara, irridente, storicamente corretta, musicalmente e coreograficamente stupenda) è animata, soprattutto, da una carica spirituale di natura esoterica che riflette l'analoga temperie mistica della novella di Hugo (da cui deriva), riportandoci allo spirito della "Montagna Sacra" di…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2015
2015

Recensione

slim spaccabecco di slim spaccabecco
8 stelle

Un capolavoro della letteratura trasposto eccellentemente su schermo in questo musical cinematografico, che sfrutta grandi attori e grandi risorse, ma riesce nell'intento di rappresentare la storia in un grandissimo film. Pur tralasciando gran parte del racconto  originale (ed era inevitabile) riesce a trasporre i sentimenti e le sensazioni che HUGO intendeva raccontare. Bravissimi gli…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 24 dicembre 2015 su Rsi La2
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 1 settembre 2015 su Rsi La2
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito