Espandi menu
cerca
Moonrise Kingdom - Una fuga d'amore

Regia di Wes Anderson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 170
  • Post 7
  • Recensioni 926
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Moonrise Kingdom - Una fuga d'amore

di bufera
8 stelle

Questa volta Wes Anderson è riuscito a mettere tutti quanti d’accordo, perchè, mentre raggiungeva i suoi massimi livelli nell’estetica, nella colonna sonora, così raffinata e curata nella strumentistica, nella fotografia dagli intensi colori pastello, immergendoci in incantevoli piccoli paesaggi della Nuova Inghilterra, raccontava un amore tra dodicenni così forte e consapevole, così puro e sensuale da far  impallidire tutte le altre numerose caratterizzazioni. In questo film la plurima espressività  filmica di questo regista, piena di trovate e invenzioni al limite tra animazione e tipizzazione codificata, si    è arricchita di un quid che ha forse attenuato l’ironia ma ha conferito al racconto un'espressione di diversa ispirazione, nell’inserire questa delicata ma autentica storia d’amore di due ragazzini (straordinariamente interpretati da non professionisti, così intensi da incantare) che li porterà ad una fuga tanto simbolica, quanto realmente stabilizzata. Una contaminazione o un ampliamento della cifra stilistica di questo Autore? Non saprei dare una risposta e mi limito ad esprimere solo il compiacimento di aver assistito ad uno spettacolo alla Wes Anderson in grande forma, con una solida e decifrabile sceneggiatura, ambientato negli anni 65,con una accuratissima ricerca di oggettistica ed elementi di arredamento tipici di quel periodo e un manipolo numeroso di grandi attori, all’altezza delle sue richieste, anche di inespressività, tra i quali merita menzione il personaggio dello sceriffo  (Bruce Willis tornato ravvivato dopo recenti prove incolori) che con la sua complicità e umanità aiuterà  Sam e Suzy a continuare il loro progetto d’amore, nonostante lo scatenarsi degli elementi naturali che sembrano voler travolgere tutto, tra fulmini e allagamenti. Da ricordare l’entrata progressiva su chiamata di tutti gli strumenti dell’orchestra, nei titoli di coda,al punto dell'elenco dei brani eseguiti, dove Britten ha una massiccia presenza .

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati