Espandi menu
cerca
The Master

Regia di Paul Thomas Anderson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 166
  • Post 118
  • Recensioni 514
  • Playlist 163
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su The Master

di mck
9 stelle

Un maestro imperfetto, questo è Lancaster Dodd (Philip Seymour Hoffman) per Freddie Quell (Joaquin Phoenix) : il fatto di porsi allo stesso livello sprona il discepolo-braccio destro a non voler deludere il maestro: sarebbe come deludere sé stessi.

 

REDUCI da " OIL ! ", ovvero:

scritto ( soggetto e sceneggiatura originali )

e diretto da Paul Thomas Anderson.

 

La felicità è uno spasmo automatico riflesso, un'imitazione di sopravvivenza, è...

 

Galleggiamo sopr'a un sorriso, come fosse la curva del mondo -

riconosciamo in questo il riflesso del meglio che potremmo mai essere,

se soltanto ce lo sapessimo concededere – ed ecco che

la parentesi dell'orizzonte ci sostiene, i nostri muscoli risori

lottano contro la gravità.

S'inarcano le gote tendendo gli angoli della bocca all'insù, 

trasportandovi un pensiero, una dichiarazione d'intenti :

penso, credo, voglio essere felice.

 

...è tutto. Ed è gratis.

 

E allora, per l'appunto, anzitutto, le basi ( la fotografia, e il Piano Sequenza ) :

 

  •    I.   MATERIALISMO DIALETTICO

 

“ Oh tutto finisca. ”

Samuel Beckett  -  Stirring Still  ( Fermi Fremiti )  -  1983-1987

 

Un cinema di Padri e Figli, quello di Paul Thomas Anderson :

 

  •  “ Hard Eight (Sidney) “  :  Sidney ( Philip Baker Hall ) Vs. John Finnegan ( John C. Reilly )  :  un rapporto reso orfano;
  •  “ Boogie Nights ”  :  Eddie Adams / Dirk Diggler ( Mark Wahlberg ) Vs. Jack Horner ( Burt Reynolds )  :  un rapporto sostitutivo;
  •  “ Magnolia ”  :  Frank T.J. Mackey ( Tom Cruise ) Vs. Earl Partridge ( Jason Robards )  :  un rapporto riconciliato;
  •  “ Punch-Drunk Love ”  :  Barry Egan ( Adam Sandler ) Vs. … la caterva di sorelle  :  un rapporto surrogato;
  •  “ There Will Be Blood ”  :  Daniel Plainview ( Daniel Day-Lewis ) Vs. : 1a) Eli e 1b) Paul Sunday ( Paul Dano ), 2) H.W.Plainview ( Dillon Freasier e Russell Harvard ), e 3) Henry ( Kevin J. O'Connor )  :  rapporti ( padre - figlioccio/figliastro/fratellastro impostore ) distruttivi;
  •  " the Master "  :  Freddie Quell ( Joaquin Phoenix ) Vs. Lancaster Dodd ( Philip Seymour Hoffman )  :  un rapporto irreciproco.

 

E, a proposito di padri : J.Huston, G.Stevens, S.Kubrick, F.Fellini, S.Peckinpah, Richard Brooks ( impossibile non riandare con la mente a "Elmer Gantry" ( il Figlio di Giuda ) del '60, tratto da Sinclair Lewis ( romanzo omonimo del '27 ) e interpretato da Burt...Lancaster ), e soprattutto R.Altman.

Di fratelli maggiori : C.Eastwood ( le scenografie di Jack Fisk ).

E di amici coetanei : David O. Russell, il trio Spike Jonze-Michel Gondry-Charlie Kaufman, e soprattutto Jeff Nichols e James Gray : il personaggio di J.Phoenix è molto simile a due caratteri presenti in altrettanti film dei suddetti registi : è ''opposto'' ( e quindi somigliante )  a quello di Curtis LaForche ( Michael Shannon ) in " Take Shelter ", e complementare a quello di Leonard Kraditor ( interpretato dallo stesso J.Phoenix, soffietto-lastre e reflex inclusa ) in " Two Lovers ".

 

 

  •    II.   THERE WILL BE FIXED POINT.

 

S'apre col figlio collaterale della palma germogliante dalla noce di cocco malickiana gettante radici sulla spiaggia che chiude “ the Thin Red Line ”.

 

 

E con la Donna di Sabbia :

 

 

Oltre al film "la Donna di Sabbia" / "la Donna delle Dune" di Hiroshi Teshigahara...

 

https://www.youtube.com/watch?v=F6BcWWaNnhQ

 

...le casematte degli atolli atomici di James Ballard ( e le Sculture di Vermillion Sands ).

 

Cos'è questo episodio di pianto ?

Un episodio di pianto.

 

Mettiamo dei Punti Fermi : la logica dell'esperienza contro l'improvvisazione della fede : in mezzo, i volantini di Scientology...

 

 

...che pescano a piene mani da test psicologici testati e funzionali/nti, corrompendoli e annacquandoli con una marea di sovrastrutture...portanti. Portanti adepti e grano/a.

 

Ed infatti, PTA lo dice chiaramente, spingendo i simboli verso la loro natura primaria : una costante, la riduzione di un significato più ampio ma sperimentabile e riproducibile, un valore riscontrabile :

 

la necessità e la spinta verso la sopravvivenza della palma da cocco, il simulacro della donna di sabbia, il pianto ch'è solo sana nostalgia, l'enuresi notturna ch'è fisiologica e dovuta ai reni a pezzi e non riconducibile ad un contesto freudiano di psicopatologia del senso di colpa ( ma Quell è comunque un Bambino ''in/sanamente'' Cattivo, un Monello che ruba, mente ed è violento : la sua vita è un'espiazione continua senza...giustificazione alcuna ), e il sogno della vita famigliare di un tempo, a casa, prima della guerra, ch'è solo un sogno, e non una ''visione'' : Quell è quanto di più scientifico, tecnico e sanamente materialista possa esistere.

 

Tutti questi simboli, però, nel frattempo, lavorano.

 

E come scrive ancora Samuel Beckett però questa volta in “ Watt ” :

“ Simboli non ci sono dove non c'è intenzione ”.

 

 

 

  •    III.   ININVITATI RICORDI ( There Will Be SPLIT ).

 

Il ''Culto'' ( la Causa : Dianetics ) contro il ''Club” ( la Legge : il Codice ).

 

“ Abbiamo combattuto contro il giorno e abbiamo vinto “

 

[ un affaccio indiretto al Thomas Pynchon ( "Against the Day" : non la Seconda ma la Prima ( seppur - forse - dislocata ) Guerra Mondiale : tutto un altro dopo-guerra...) che verrà ( "Inherent Vice" ) ].

 

Un maestro imperfetto, questo è Lancaster Dodd (Philip Seymour Hoffman ) per Freddie Quell (Joaquin Phoenix) : il fatto di porsi allo stesso livello sprona il discepolo-braccio destro a non voler deludere il maestro : sarebbe come deludere se stessi.

 

Poi, subito dopo la prima seduta-applicazione / processo informale, che funziona perché fondata su una precedente letteratura scientifica preesistente e testata funzionale/nte...

 

--- ( scena, questa qui sotto, ch'è anche occasione per rigustarsi Joaquin Phoenix e...

 

 

...Philip Seymour Hoffman in un'azione combinata, simbiotica, e mostruosa... ) ---

 

...PTA ''stacca” s'un'altra paziente-cavia---finanziatrice-mecenate di Dodd, la signora matura : l'esperimento è lo stesso, ma senza avervi partecipato, lo spettatore lo rifiuta a priori : l'empatia è già svanita : PTA cortocircuitando il suo stesso inganno ce lo svela e ci urla contro : svegliatevi.

 

E ancora : sullo stesso piano è lo scherzo-trucco ( diverso da quello della scena onirico-ubriaca ''alla'' EWS immaginata da Quell in cui vede tutte le ospiti femminili di Dodd nude e – inconsapevoli o meno di questo loro stato – perfettamente a loro agio ) del colore degli occhi di Peggy Dodd (Amy Adams) - l'ennesima, fenomenale Lady Macbeth del cinema di questi anni ( una per tutte : Laura Linney in "Mystic River" ) :

 

 

Altra ''semplificazione'' elaborata ed utilizzata da PTA è quella dello stereotipo del reduce che non ritorna dall'amata promessa ( senso di colpa, d'inadeguatezza e - come già detto - d'espiazione, una specie di Nostalgia e di Rimpianto per il futuro ) : è si uno stereotipo ( si veda il capolavoro di S.Spielberg ( e George Pelecanos, Tim Van Patten, Jeremy Podeswa, Tom Hanks, B.McKenna...) “ the Pacific ” ) ma proprio per questo è vero : la vita umana procede per stereotipi, per ''certezze'' : PTA non fa altro che Dire Quasi la Stessa Cosa, come un interprete-traduttore e pleonasticamente traditore-ingannatore, appostandosi sul limine tra pellicola-sensore ed occhio-obbiettivo, traslando la vita dalla realtà al cinema.  

 

 

  •    IV.   There Will Be HOPE, EXPECTATION, PROSPECT.

 

L'essere umano più che adattarsi all'ambiente, lo domina e lo modifica : in questo senso è un animale adattabile : lo è perchè è in grado di cambiare l'ambiente in cui vive in base alle proprie necessità.

Poi, venne la modernità.

Il post tutto.

Compreso il dopo-guerra.

Cosa ben più difficile - ma altrettanto pericolosa - è il cambiare la Società.

Ed è quasi solamente attraverso il Conflitto ( con il Passato - proprio e di Specie -, con le altre Persone e con le altrui Idee ) che si riesce a generare il Nuovo : foss'anche solo un Posto in cui Stare.

Ma non certo soltanto con il conflitto : là dove Hegel stabilisce un dato di Fatto, non un'Evoluzione, quando ( si ) afferma che [ ancora : tradendolo nell'interpretazione ( traduzione, traslazione : l'esperienza dei propri fini ), male implementandolo, modificandolo attraverso la storia ] " la guerra va vista come inevitabile strumento di composizione dei conflitti tra gli stati : essa giova alla salute etica del popolo ".

 

        {          ---  "Hai ucciso ? " - " No "     ---     " Hai ucciso ? " - " Si "  ---                     }

 

E, a proposito di Conflitto ( vedi sopra ), di Cambio ( vedi sotto ), ...e di Fotografia ( vedi attorno ) :

 

 

  •    V.   Danzano i Corpi Celesti il loro Giro di Valzer.

 

A mano a mano che la Massa si avvicina ad un valore Infinito, il Tempo si avvicina allo Zero.

   da '' Premessa - la Grande Barriera "  ( e da Albert Einstein...)

 

Molto, molto tempo fa - riprese Alan - lei ha partecipato ad una guerra. Era molto giovane allora, e la sua passione per il volo era encomiabile. Ma da quel tempo lei è maturato. Credo che sia arrivato il momento di dimenticare gli entusiasmi di gioventù, signor Ronston !

   dal " Capitolo 17° - un Futuro Pieno di Stelle "

 

L. Ron Hubbard  -  Return to Tomorrow  -  1954  ( trad. Gianluigi Zuddas )

 

Grazie alla Preistoria, però, c'è la Musica :

 

" Changing Partners "

Written by Larry Coleman Jr. and Joe Darion

Performed by Helen Forrest

 

720p https://www.youtube.com/watch?v=jcSXAO2EuY0 :

E 1080p : https://www.youtube.com/watch?v=Md6NioH6B5Y

 

We were waltzin' together to a dreamy melody
When they called out "Change partners"
And you waltzed away from me...

 

E : Jonny Greenwood ( RadioHead ) - che magari non raggiunge le vette compositive scalate e ridefinite per " There Will Be Blood " ( ma può rivaleggiare con quelle di " Norwegian Wood " di Tran Anh Hung e " We Need to Talk About Kevin " di Lynne Ramsay ) o la collaborazione con Krzysztof Penderecki, ma poco ci manca - ...

 

 

...Irving Berlin, Ella Fitzgerald, Duke Ellington...

 

E sempre grazie alle "Cave(s) of Forgotten Dreams", esiste la Fotografia ( e il Cinema ) :

 

fotografato da Mihai Malaimare Jr. ( suoi gli ultimi F.F.Coppola : Youth Without Yout, Tetro e Twixt ), girato ( Panaflex Panavision ) in 35 e 65mm ( Kodak ), stampato e proiettato in 35 e 70mm ( Kodak ) - come alcune scene di “the New World”, tornando a T.Malick ( e in parte a G.Stevens ).

 

E la grazia della danza - sempre dentro/fuori dalla Caverna Platonica, il focolare di due corpi che si uniscono - e di quell'eterno "Cambio ! ", e ritorno... : https://www.youtube.com/watch?v=Xw0oJmOshRI

 

“ Seduto una notte al suo tavolo / con la testa appoggiata sulle mani / vide se stesso / alzarsi e andarsene…”

 

Samuel Beckett  -  Stirrings Still  -  1983-'87

 

"...mi sono guardato piangere in uno specchio di neve / mi sono visto che ridevo / mi sono visto di spalle che partivo // ti saluto dai paesi di domani..."

 

Fabrizio DeAndrè Anime Salve ( in "Anime Salve" )  -  1996

 

 

 

-----  Nota  :  la recensione è un work in progress...

 

_______________________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

I LOST MY SHIP  ( outtake of "the Master" )

 

 

Qui sotto invece l'intero ''cortometraggio'' di scene tagliate - montate tra loro ( con musiche di raccordo a tenerle insieme ) da PTA seguendo la cronologia interna del film in modo da far loro assumere un senso, seppur parziale, dal gran potenziale.

Poi, dal minuto 18'33'' : ciao, Philip Seymour Hoffman.

http://www.dailymotion.com/video/xxxyoz

 

_______________________________________________________________________________________________________________________________________

 

Addenda :

 

[...] I hear that you're building your little house deep in the desert
You're living for nothing now, I hope you're keeping some kind of record.
[...] That night that you planned to
go clear
Did you ever
go clear
?
[...] And what can I tell you my brother, my killer
What can I possibly say ?
I guess that I miss you, I guess I forgive you
I'm glad you stood in my way.

 

Leonard Cohen  -  Famous Blue Raincoat  ( Songs of Love and Hate, 1971)

 

 

L'espressione "Go Clear" sta per "fare chiarezza", "dire la verità", "mettere tutto sul tavolo/nel piatto (scoprire le carte)" : è il fondamento della Dianetica, e più grossolanamente è la "procedura" (informal processing) di Scientology che prevede un profluvio di sincerità assoluta messa a disposizione del proprio ''Maestro". Leonard Cohen si è interessato per un breve periodo ( mai rinnegato ) alla teologia di L. Ron Hubbard.

 

_______________________________________________________________________________________________________________________________________

 

Postilla Slegata.

 

Mi è impossibile, dopo il veloce elenco paterno-filiale in esergo al pezzo, non accennare al prossimo film di PTA, quell' "Inherent Vice" tratto dal penultimo - ad oggi - Thomas Pynchon [ più che "Vizio di Forma" però si tratta di "Vizio Inerente/Insito", di "Problematicità Intrinseca", di "Bug/Errore di Sistema" : quanto mi piacerebbe però veder trasposto in qualche modo il "Vizio di Forma" ( mini-serie tv antologica? ) di Primo Levi...! ].

 

Mi è impossibile perché il film sembra - seguendo il romanzo - distaccarsi da questa (presunta-desunta) linea narrativa ''costitutiva'' la cifra del cinema di PTA.

 

La mia grande paura è che l'incontro ( a cavallo tra anni '60 e '70 ) tra il post-moderno

 

[ non così massimalista, o solo collateralmente : soprattutto il Maximo Affresco Storico di Boogie Nights, e a seguire la Struttura Architettonica di Magnolia e il minimalismo gigantesco ( forse paradossalmente il suo film più realista ? ) di Punch-Drunk Love e la Storia di una Vita ch'è There Will Be Blood ],

 

realista e contemporaneo di PTA possa scontrasi ferocemente ( senza incontrarsi ) col post-moderno massimalista ( Systems Novel ), a-storico/contro-storico ( "ex"-picaresco ) e iperrealista di questo particolare Pynchon-per-tutti / hard-boyled for dummies ( che ho letto solo in minima parte ).

 

Intanto, ha girato ( il film è in post-produzione ed uscirà nel trado autunno di quest'anno ) una carrellata di 150 metri... 

 

 

Di sicuro c'è, sempre ad oggi, la bella locandina - in realtà un ''fan poster'' - che utilizza l'effetto miniatura sul centro di Los Angeles ( altri invece Las Vegas ), versione diurna e notturna.

 

Aspettiamoci "the Long Goodbye" di R.Altman, "the Big Lebowski" dei Coen, "Fear and Loathing in Las Vegas" di T.Gilliam.

Aspettiamoci PTA. Doc Sportello-Joaquin Phoenix ( al posto di Robert Downey, Jr. ). L'ombra multicolore di T.Pynchon.

Aspettiamoci PTA. Ed LSD.

 

Nel frattempo, tra "the Master" e "Inherent Vice", nel 2013 ha girato il videoclip ( uno dei tanti per l'ex-compagna ) della canzone "Hot Knife" di Fiona Apple, la 10a ed ultima traccia dell'album "the Idler Wheel..." del 2012 :

 

 

Pienamente, Compiutamente, Completamente, Inte(g)ra(l)mente HOT.     

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati