Holy Motors

play

Regia di Leos Carax

Con Denis Lavant, Edith Scob, Eva Mendes, Elise Lhomeau, Kylie Minogue, Michel Piccoli, Jeanne Disson, Leos Carax, Jean-François Balmer... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Amazon Prime Video
  • Chili
  • iTunes
  • Google Play
In STREAMING

Trama

Ventiquattro ore nella vita di Monsieur Oscar (Denis Lavant), un personaggio molto particolare che viaggia da una vita all'altra, cambiando in continuazione identità. A capo di un'industria, assassino, mendicante, mostro, padre di famiglia: ora è un uomo, ora una donna, un giovane o un vecchio. Vive così di continuo vite in prestito, esistenze che non gli appartengono. Costretto a stare da solo, l'unica persona che gli è vicino è Céline, l'autista bionda della limousine che lo porta da un posto all'altro per le vie di Parigi. Come un assassino che si muove consapevole da un colpo all'altro, è alla ricerca di un bel gesto da compiere, di una misteriosa forza guida, delle donne e dei fantasmi di vite passate.

Approfondimento

HOLY MOTORS: L'OUVERTURE DEL REGISTA

Le luci di una sala cinematografica si abbassano per lasciare il posto alle immagini che arrivano dal grande schermo. Il pubblico immobile e con gli occhi quasi chiusi è quello che si ritrova stupito di fronte il regista Leos Carax che, da un piano superiore, invece ha la possibilità di vedere le persone e scrutare le loro emozioni, come nella straordinaria inquadratura finale di La folla (1928) di King Vidor. Questa è l'immagine che Carax aveva in mente quando ha pensato al prologo di Holy Motors, decidendo di aprire lui stesso le danze della sua opera. La sua è stata però una scelta dettata dal caso. Come suggeritogli da un'amica attraverso un racconto di Hoffman, in cui il protagonista scopre che la sua camera si apre in un teatro d'opera, Carax ha iniziato a scrivere la sceneggiatura del suo film pensando a una sequenza iniziale in cui un uomo si sveglia nel cuore della notte e si ritrova in pigiama in un grande cinema pieno di fantasmi. Istintivamente al personaggio affibiò il suo nome, Leos Carax, e di conseguenza lasciò la parte a se stesso, regalandosi una teatrale ouverture.

TANTI FILM IN UNO

Holy Motors è nato soprattutto dalle difficoltà incontrate all'estero dal regista francese, impossibilitato a portare a termine differenti progetti per via di due ostacoli principali: il reclutamento di un cast all'altezza e problemi di budget. Stufo di stare fermo, prendendo spunto dall'episodio "Merde" del film collettivo Tokyo!, ha deciso di rientrare in Francia e di realizzare un film poco costoso e con attori con cui aveva già deciso che avrebbe voluto lavorare prima o poi. Tra questi, vi è anche il protagonista Denis Lavant, a cui ha chiesto di rivestire diversi ruoli solo per il piacere della recitazione stessa. Ovviamente il budget ridotto ha comportato che usasse delle camere digitali, nonostante Carax manifesti esplicitamente il suo disprezzo per le nuove forme di tecnologia.

I MOTORI SACRI

Nonostante l'importanza che sin dal titolo si assegna ai motori, alla motorizzazione e alle macchine, Carax non aveva inizialmente assegnato un ruolo così rilevante ai mezzi. Prendendo spunto dall'aumento delle limousine americane - usate soprattutto come auto da cerimonia - per le vie delle città, Carax individua in loro il simbolo della deriva del post modernismo, sempre più appariscente e di cattivo gusto. Belle all'esterno ma obsolete come i vecchi giocattoli futuristi del passato, le limousine segnano la fine dell'era delle grandi e vistose automobili come segno di potere e ricchezza per divenire oggetto di consumo quasi di massa, depauperato dello status di un tempo. Da questa considerazione, nasce la volontà di immaginarle come grandi navi che accompagnano gli esseri umani verso il loro viaggio finale. Sono dunque divenute il cuore pulsante di un film quasi fantascientifico, in cui a essere in via di estinzione oltre alle limousine sono anche gli animali e gli umani, tutti "motori sacri" collegati da un destino comune e solidale: sopperire alla schiavitù di un mondo sempre più virtuale in cui attività ed esperienze reali sono destinate a scomparire.

SIMBOLI POST MODERNI

Simbolica per i significati di Holy Motors è la sequenza in cui il protagonista DL si ritrova con il corpo coperto di sensori bianchi per interpretare il personaggio di un attore impegnato in una sequenza di motion capture. A differenza del Chaplin di Tempi moderni, l'uomo post moderno non è più manovrato dagli ingranaggi di una catena di montaggio ma dai fili di una rete invisibile. Il personaggio di Monsieur Merde, invece, racchiude in sé paura, fobia ed elementi infantili. Rappresenta l'immigrato razzista ed è il frutto della regressione a cui è costretta una sbigottita umanità post 11 settembre, alle prese con terroristi che credono nei racconti di vergini in paradiso e con leader politici contenti di sfruttare a pieno i loro poteri.

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Holy Motors, risveglio di Carax a 13 anni da Pola X, è un film sulla fine del cinema analogico, sulla pellicola che sta cedendo le proprie visioni alla vita pixelata, nostalgia di tempi in cui le macchine da presa erano grandi come uomini, sacri motori. Carax ha sempre cercato, in un cinema derivativo e caricaturale, la tragedia (anche autobiografica) dell’uomo e Holy Motors, tra rovine di generi e serie parodie, è la storia di un sentimento, di ciò che di umano rimane incollato alle maschere. Coinvolge lo spettatore in storie che non hanno premesse e non fanno promesse, in finzioni conclamate che bruciano in un attimo, e a cui comunque crediamo, con cui comunque soffriamo, come se le seguissimo da sempre. È questo il paradosso struggente di un film testamentario. Raccontare della morte del cinema. E magnificarlo.

Commenti (13) vedi tutti

  • Opera cerebrale e tormentata sulle "magnifiche sorti" (e regressive) del cinema e sul rapporto irrimediabilmente mutato tra la creazione artistica e i suoi fruitori (un'arida platea di manichini). Del trasformismo disperato di chi interpreta mille e un personaggio non resta che questo: un bel gesto, solitario ed elitario. Voto: 7 alle limousine

    commento di ProfessorAbronsius
  • AHAHHAAHAHHAHAAHHAAHHAHAHA....ma come si fa a vedere sta merdata. Mi è bastato il trailer per capire che mi sarei fatto tanto di palle....vorrei vedere le facce da intellettualodi di quelli che lo hanno giudicato positivamente...ma sparatevi falsi

    commento di arcarsenal79
  • Nei film tradizionali c'è una trama appassionante ed una morale della storia. Qui non si riesce a cogliere nell'uno nell'altra, ognuno ci vede ciò che vuole (ma anche niente) come in un quadro astratto.

    commento di ferni
  • Non esistono commenti o, peggio ancora, voti in grado di dare un'impressione della grandezza di questo film. Un atto d'amore nei confronti del cinema, che del cinema diventa metafora e sublime rappresentazione.

    leggi la recensione completa di Stanley42
  • Non pervenuto. A volte capita!

    leggi la recensione completa di luca826
  • Voto al Film :  9

    commento di ripley77
  • Sarò anche un ignorante ma io 'sta roba proprio non la capisco…una delle più brutte esperienze cinematografiche della mia vita.

    commento di simfri76
  • non mi è piaciuto neanche un po. E' forse come un quadro di autore superelogiato che la massa non capisce…Meno male che non ho pagato per vederlo e a dirla tutta non sono riuscito a vederlo nella sua interezza talmente è brutto.

    commento di mangianni
  • Come la maggior parte delle opere d'arte contemporanea…assolutamente soggettivo, quindi decadente.

    commento di Tex Murphy
  • Ho visto un mondo dove nessuno aveva più il coraggio di vivere. Gli uomini andavano al cinema per vedere ciò che i loro padri avevano osato. Poi anche le sale chiusero e tutto tacque.

    commento di michel
  • esteticamente affascinante, narrativamente presuntuoso. 

    commento di Luca70
  • Sorprendente. Vorrei avere le parole, ma è un film troppo più grande di me…

    commento di leporello
  • Non ho le parole per esprimermi su questo film che ho visto diversi mesi fa. Un capolavoro.

    commento di allanfelix
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

AtTheActionPark di AtTheActionPark
10 stelle

Holy Motors non è semplicemente un film postmoderno: piuttosto, è un film sul postmoderno. E, soprattutto, non solo sulla postmodernità di carattere cinematografico, ma sul concetto epistemologico tout court: dunque, filosofico, sociale, culturale, letterario, ecc. Film pynchoniano fino al midollo – se mai ce n’è stato uno -, Holy Motors frantuma l’io e l’identità del protagonista… leggi tutto

33 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

dollyfc di dollyfc
5 stelle

Mai come in questa occasione mi è capitato di giungere alla penultima scena di un  film per decidere di non archiviarlo nella lista delle C....e pazzesche .   Dopo avere seguito , con non poca fatica lo ammetto, le vicissitudini di Monsieur Oscar, la prima impressione è stata di trovarmi di fronte ad una sessione di provini cinematografici dove l'attore , copione alla… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

LAMPUR di LAMPUR
2 stelle

Come in una sorta di cervellotico oblivion, andiamo intrecciando storie dove il protagonista s'intrufola, ma con il copione a portata di mano. Dove conosce i coprotagonisti, dove può morire (a termine), dove incontra altri suoi pari che recitano un tassello di mosaico, dove può essere sparato e ferito (anche nella dignità), dove può non risolvere un bel nulla, dove fa il maestrino, il… leggi tutto

7 recensioni negative

2020
2020

I migliori film del decennio

Fauves di Fauves

Salve utenti di Filmtv.  Ho deciso di stilare una lista di quelli che, a mio parere, sono i migliori film del decennio appena trascorso (2010-2019). Non si tratta assolutamente di una classifica, i film sono…

leggi tutto

Uomini e Motori

_Kim_ di _Kim_

Di motori ne capisco poco, di uomini ancora meno. Volevo però fare un post su Holy Motors.. ma parlando di che? Metacinema forse? Ma di cosa significhi esattamente metacinema ne so ancora meno. Sì,…

leggi tutto
2019
2019
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

10 Titoli per me posson bastare

_Kim_ di _Kim_

Le classifiche non sono il mio forte: scelgo un film e oh, forse avrei dovuto mettere quell'altro...e ma poi c'è, aspe', pure quell'altro che merita lo stesso...e per non fare torto a nessuno, non ne scrivo…

leggi tutto
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2018
2018
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

steno79 di steno79
9 stelle

Per chi, come me, non si è mai interessato al cinema di Carax, Holy motors rappresenta una grossa sorpresa. E’ un film certamente strano, visionario, folle, un’esperienza visiva diversa da tutte le altre, un cinema che riesce a fare a meno della trama, “una surreale fantasia sul tema delle multiple identità dell’artista, in quanto facitore di forme e sogni…

leggi tutto
2017
2017
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

NickZeta di NickZeta
9 stelle

Leos Carax trasforma la realtà in un palco cinematografico, dove uomini e donne sono attori che interpretano ogni giorno numerosi e variegati personaggi, indossando e vivendo in maschere e in ruoli anche interpretati da altri. Il film dunque, creando questo mondo metacinematografico racconta e fa riflettere su come il cinema abbia cambiato il mondo e il modo di vivere, oltre che mostrare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito