Espandi menu
cerca

Trama

A Baia, piccolo centro nel napoletano, vive la famiglia De Gennaro, composta dal dentista Renato (Maurizio Casagrande), la moglie casalinga buddista Anna e i due figli Roberto (Renato Paioli) e Mattia, il primo musicista dilettante all'ultimo anno di medicina e il secondo al primo anno di liceo. All'apparenza i De Gennaro sembrano la famiglia perfetta ma ognuno di loro nasconde abitudini che gli altri ignorano, come Gennaro che non perde mai l'occasione di corteggiare altre donne, trascurare la moglie e tradirla con la tabaccaia Assunta. Attorno a loro gravitano poi personaggi bizzarri e sopra le righe come Pino (Massimo Ceccherini), l'assistente incompetente di Gennaro, e Guglielmo (Giacomo Rizzo), il finto zio di Anna, arrivato in casa della famiglia insieme al sospetto conte Pozzan della Ghera (Maurizio Battista) alla ricerca di un fantomatico diamante. A complicare ulteriormente le vicende contribuisce l'arrivo di Angela (Nina Senicar), la nipote della signora Torrisi (Nunzia Schiano), giunta dall'estero per perfezionare gli studi da infermiera e assunta nella gelateria della zia come sexy Babbo Natale, che inevitabilmente finisce con l'innamorarsi di Roberto.

Note

Le storie che s'incrociano all'insegna di situazioni allusive e pruriginose prendono la forma di gag sgangherate, di sketch teatrali/televisivi amatoriali, di battute obsolete. Va bene l'omaggio a un cinema stracult ma a patto di non finalizzarlo alla rappresentazione di un “mondo (napoletano) a parte” che non esiste.

Commenti (1) vedi tutti

  • L'ORRORE...L'ORRORE!

    commento di Fiesta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

mm40 di mm40
2 stelle

Omonimo di quel Luigi Russo che fu autore di una serie di scalcagnate pellicole 'di genere' una trentina - e oltre - di anni prima, il regista esordisce quarantenne nel lungometraggio con questo Napoletans, ma aveva già accumulato una discreta esperienza a teatro e, sul set, nel cortometraggio. Purtroppo non ci sono gli elementi per valutarne l'eventuale bravura: questo lavoruccio firmato dal… leggi tutto

3 recensioni negative

2014
2014
Paola Lavini
Foto

Recensione

silviodifede di silviodifede
1 stelle

Atroce, imbarazzante, dilettantesco: non è buono neanche per il trash. Situazioni banalissime, intrighi sceneggiati da incapaci, regia inesistente, battute di livello orrido ("Vedi hombre", "No, vedo benissimo"), scene montate a casaccio..... Non si salva proprio niente di niente. La cosa peggiore: le scene tra il giovine e Nina Senicar che sembrano uscire direttamente da una…

leggi tutto
Recensione

Recensione

mm40 di mm40
2 stelle

Omonimo di quel Luigi Russo che fu autore di una serie di scalcagnate pellicole 'di genere' una trentina - e oltre - di anni prima, il regista esordisce quarantenne nel lungometraggio con questo Napoletans, ma aveva già accumulato una discreta esperienza a teatro e, sul set, nel cortometraggio. Purtroppo non ci sono gli elementi per valutarne l'eventuale bravura: questo lavoruccio firmato dal…

leggi tutto
2012
2012
2011
2011

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
stelle

Rivolgendosi a spettatori regionali con la chiave della complicità autoreferenziale, Napoletans lavora su un microcosmo dove è possibile far lievitare stereotipi e luoghi comuni e far coesistere le tipologie comiche dialettali senza se e senza ma. In un piccolo indefinito paese affacciato sul Golfo di Napoli, mentre si avvicina il Natale la famiglia Di Gennaro continua a praticare laicamente…

leggi tutto
Recensione
Uscito nelle sale italiane il 28 novembre 2011
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito