Espandi menu
cerca
Una notte all'Opera

Regia di Sam Wood vedi scheda film

Recensioni

L'autore

casomai

casomai

Iscritto dal 16 febbraio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 13
  • Post 6
  • Recensioni 60
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Una notte all'Opera

di casomai
10 stelle

Che sia completamente gestuale (Harpo), parossisticamente verbale (Groucho) o un felice mix tra le due (Chico), la comicità dei fratelli Marx non dà tregua. I numeri da manuale si sprecano: la cabina stipata fino all'inverosimile, il contratto che si accorcia a ogni lettura, il discorso incomprensibile dei finti esploratori, e soprattutto il clou finale, la distruzione "scientifica" della prima newyorkese del Trovatore, tanto per citarne solo alcuni, sono radicati nella memoria collettiva di generazioni di filmgoers. Tutto cio' è senz'altro quanto di meglio i Marx abbiano mai fatto e faranno negli anni a venire. Eppure, che Una notte all'opera sia il loro capolavoro (ammesso che importi davvero stabilire quale sia il capolavoro di questi geni del cinema) è opinabile. I frequenti - sovente melensi - intermezzi musicali della coppia Carlyle-Jones e la relativa compiutezza della trama diluiscono quell'atmosfera di baraonda che regna senza soluzione di continuità nelle loro prove precedenti, da The Cocoanuts del 1929 a La guerra lampo dei fratelli Marx del 1933, e che è loro cosi congeniale. Cio' non significa certo che i Marx appaiano qui più irregimentati del solito, ché anzi il contrasto tra la seriosità del mondo della lirica e la loro tipica verve iconoclasta produce effetti particolarmente scoppiettanti. Ma è meno visibile qui il puro elemento anarcoide, la critica non troppo velata alla società dei parrucconi, dei guerrafondai e dei maggiorenti (quanti sberleffi, qui e atrove, per la povera ma indistruttibile Dumont). Manca, e ci manca, la risposta tipica dei fratelli Marx a un mondo che crede ciecamente alle sue magnifiche sorti e progressive: il perseguimento sistematico del caos.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati