Il Cecchino

play

Regia di Michele Placido

Con Daniel Auteuil, Mathieu Kassovitz, Olivier Gourmet, Francis Renaud, Nicolas Briançon, Violante Placido, Luca Argentero, Arly Jover... Vedi cast completo

In streaming
  • Wuaki
  • Chili
  • Tim Vision
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

L'ispettore Mattei (Daniel Auteuil) è sulle tracce dei componenti di una banda di rapinatori, divenuti tristemente celebri per la violenza con cui mettono a segno i loro colpi e per essere aiutati da un misterioso cecchino. Vincent (Mathieu Kassovitz), il leader della banda nonché il cecchino, viene arrestato dalla polizia in seguito a una segnalazione anonima. Riesce però a fuggire dal carcere e da quel momento non si darà pace fino a quando non scoprirà l'identità del compagno che lo ha tradito.

Approfondimento

IL CECCHINO: UN POLAR FRANCESE PER UN REGISTA ITALIANO

Dopo il successo di pubblico e critica in Francia di Vallanzasca. Gli angeli del male e, soprattutto, di Romanzo criminale, Michele Placido viene contattato dal produttore Fabio Conversi per prendere in mano la regia del thriller Il Cecchino, prima produzione totalmente francese ad essere diretta dall'attore-regista. Daniel Auteuil, Matthieu Kassovitz e Olivier Gourmet fanno parte sin da subito del cast, motivo che - insieme alla sceneggiatura - spinge Placido ad accettare subito la proposta e a vincere le paure iniziali. Considerando Parigi solo come il teatro di un set cinematografico senza voler trovare la tipica atmosfera parigina che caratterizza i moderni polar, Placido mette in scena un dramma contemporaneo dai temi universali. Sotto la patina da thriller, si nasconde infatti anche il dramma dei giovani soldati partiti in guerra per l'Afghanistan e incapaci di dire addio alla violenza e uno sguardo critico nei confronti di una società contemporanea in cui i rapporti interpersonali si stanno lentamente sgretolando e la solitudine si impossessa dell'animo di ogni uomo. Parigi è il teatro della scena di un regolamento di conti che porta anche all'approfondimento dei legami tra il personaggio di Daniel Auteuil, suo figlio e i servizi segreti francesi. Ciò che interessa del personaggio del commissario Mattei è la dualità che deriva dall'essere poliziotto e il suo incrollabile status di padre, a causa della contro-inchiesta condotta sulla morte di suo figlio. Si tratta di un commissario perfetto, calmo ma posizionato sul limite. Placido in lui ha visto un uomo molto complesso, un personaggio che, come accade in alcune commedie dell'arte di Molière, diviene un modello di riferimento esemplare. Nel personaggio di Olivier Gourmet - il piccolo borghese parigino Franck, al di sopra di ogni sospetto, con cui la banda di criminali deve spartirsi il bottino - è invece ravvisabile la critica nei confronti della decadenza occidentale. I genitori lo hanno cresciuto per farlo divenire un uomo esemplare ma, nonostante sia un medico, la miseria insita in lui lo ha spinto a trasformarsi in tutto il contrario e ad essere corrotto dalle forze del male: è l'incarnazione ideale dell'uomo con due facce, un dottor Jekyll e mister Hyde dei tempi moderni, simile a una maschera pirandelliana, che rende difficile capire nel corso del film chi siano i "buoni" e chi i "cattivi".

MODELLI DI RIFERIMENTO

Il Cecchino si prefigura innanzitutto come un film che parla della bestialità umana e, come in ogni buon polar, i protagonisti si ritrovano a confrontarsi con i propri difetti. Nessuno dei tre personaggi principali può sfuggire al passato vissuto o ai propri demoni personali. Nonostante sia una "tragedia umana" molto italiana, l'universo di riferimento è quello della tradizione dei polizieschi francesi degli anni Settanta e dei film di Jean-Pierre Melville, con un occhio alle atmosfere dei grande cinema americano degli anni Quaranta e Cinquanta. Oltre a citare il genere western nella sequenza del faccia a faccia finale per le strade di Parigi, è infatti a Heat - La sfida di Michael Mann che Placido si è ispirato soprattutto per una delle prime scene del film, quella in cui il cecchino Vincent Kaminski decima la polizia. Poiché non disponeva però del budget di un film americano, Placido prima di girare ha studiato e pianificato ogni cosa nel dettaglio, con l'aiuto dei suggerimenti di Mathieu Kassovitz e di esperti di auto e armi, alcuni dei quali erano gli stessi che avevano lavorato con Mann.

LE DONNE DEL CECCHINO

Sul set Kassovitz ha dimostrato ancora una volta di essere più regista che attore, intervenendo spesso sulla realizzazione e confrontandosi con le idee di Placido da regista a regista. Daniel Auteil, invece, si è fidato delle sole indicazioni del regista italiano, relazionandosi con lui da attore ad attore per un personaggio che all'azione preferisce la riflessione e il cui sguardo malinconico riflette la tristezza di un mondo che sta crollando intorno a lui. In un cast dalle forti presenze maschili, spiccano due figure femminili molto determinate: Kathy, l'avvocato del cecchino, e Anna, la donna del gangster Nico. Anna è interpretata da Violante Placido, la figlia del regista scelta dalla produzione dopo essere stata vista in The American a fianco di George Clooney. Inizialmente la coppia di personaggi non doveva essere italiana ma, dopo la scelta di Argentero per il ruolo di Nico, l'idea di portare in scena qualcosa che rimandasse a I senza nome ha spinto il regista a voler inserire una storia d'amore che portasse un po' di romanticismo nel film. Il personaggio di Kathy, a cui dà il volto Arly Jover, invece è molto più oscuro ma le due donne, molto coraggiose, apportano a Il Cecchino una dimensione sentimentale che serve da contrappunto alla complessità della storia.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Carne al fuoco tantissima, se si aggiungono gli accenni alla liaison d’amore fuorilegge tra Argentero e Violante Placido, per 89 minuti di film. E tuttavia il divertimento non manca, perché Placido sa girare bene le scene d’azione e ci mette cuore, avvolgendo di tonalità melodrammatiche molte situazioni. Il regista si ritaglia uno squisito cameo con la signora della porta accanto, non accreditata ma adorabilmente armata.

Commenti (6) vedi tutti

  • … è solo il milionesimo e uno . E purtroppo non sarà l'ultimo

    commento di kahlzer
  • Il Placido export è dignitoso ma soffre la produzione ambiziosa e si confonde nella routine del genere. 6 RISCHIOSO

    leggi la recensione completa di luca826
  • Risibile e patetico tentativo di rifarsi ai polar.Film permeato di dilettantismo italico.I Placido,ostentano,senza vergogna, la propria mediocrità

    commento di hank
  • A me il film è piaciuto. Bravi gli attori,soprattutto i francesi, e bravo come sempre Placido a dirigere un genere che gli riesce particolarmente bene.

    commento di slim spaccabecco
  • Gran bel film. Ottimi attori, ottima regia, ottima trama; perde qualche colpo nel finale.

    commento di CobraVerde
  • Noioso, lento, poche scene d'azione, attori sconosciuti. Poche parole per descrivere la mediocrità di questo film. Sconsigliato per chi ama vedere thriller intrise di scene di combattimento.

    commento di Mr Andrew
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Stuntman Miglio di Stuntman Miglio
7 stelle

Mi piace la piega che ha preso il cinema di Michele Placido. Non mi riferisco a quello recitato, poiché il suo nome continua ad essere associato a produzioni di dubbio gusto, ma a quello ideato e diretto, soprattutto da “Romanzo Criminale” in avanti. Trovo lodevole il suo cimentarsi con il puro genere, tendenza che in Italia si stava lentamente perdendo ma che negli ultimi… leggi tutto

11 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

GIMON 82 di GIMON 82
6 stelle

Cinema d'una volta. Asfittico,duro e rarefatto.La violenza come salvacondotto di vite braccate e tradite.Ricordi strazianti rispediti al mittente,nella Parigi di "flic" e "milieu". Il cinema di Placido è diretto,coglie nel segno,trova e cita "generi" oramai sepolti. La  regia diviene chiave d'uno scrigno,riapre la materia del "polar" dei Melville e Deray.Lo fa nelle atmosfere umide,di casolari… leggi tutto

7 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

nickoftime di nickoftime
4 stelle

Qualche tempo fa il cinema italiano e quello francese erano più vicini di quello che gli stereotipi culturali lasciassero pensare. A sancire questa alleanza non fu solo un'ammirazione reciproca e dichiarata, ma anche, sul piano pratico, una serie di coproduzioni in cui confluirono idee e talenti capaci di dare vita a capolavori come "Le mani sulla città" e "Cadaveri eccellenti" di Francesco… leggi tutto

2 recensioni negative

2019
2019
Trasmesso il 4 ottobre 2019 su Rai Movie
Trasmesso il 21 settembre 2019 su Rai Movie
Trasmesso il 2 settembre 2019 su Rai Movie
Trasmesso il 25 luglio 2019 su Rai Movie
Trasmesso il 16 maggio 2019 su Rai Movie
2018
2018
Trasmesso l'8 dicembre 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 26 settembre 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 19 maggio 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 31 marzo 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 19 marzo 2018 su Rai Movie
2017
2017
Trasmesso il 16 settembre 2017 su Rai 4

Recensione

luca826 di luca826
6 stelle

Placido in versione export perde originalità e freschezza realizzativa ma dimostra di avere delle basi registiche solide. Film non facile questo Le Guetteur/Il Cecchino, dalla produzione complessa tale da condizionare a livello di apprensione la riuscita del progetto. Un progetto molto stilizzato (troppo) che fin dalla fotografia e dalle inquadrature restinge il cerchio espressivo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2016
2016
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2015
2015

Recensione

gerkota di gerkota
6 stelle

Caccia del bravo poliziotto a rapinatori professionisti e spietati assassini. Sete di vendetta per la morte ingiusta, o forse giusta, inevitabile di un figlio. Tradimenti, sangue, efferatezza e anche un mezzo serial killer. In una Parigi senza un raggio di sole, grigiastra come la storia thriller-noir scritta non male dai francesi Denis Brusseaux, Cédric Melon. Inizio forte, perfetto. La…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

Non è da tutti ottenere l’occasione di girare un poliziesco in Francia; Michele Placido si è conquistato sul campo questa possibilità (grazie a “Romanzo criminale”, 2005 e “Vallanzasca”, 2010), peccato che questa volta quanto si vede sia ben lontano dall’equipararsi alle precedenti opere in materia dell’autore pugliese.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2014
2014
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

tobanis di tobanis
7 stelle

Vedendo se era piaciuto questo solido “polar”, mi aspettavo di trovare vari 6, molti 7 e qualche 8, per lo più. Invece a sorpresa il grande pubblico non l’ha gradito. Capita ogni tanto, ma è sorprendete, perché è un buon film, teso, senza fronzoli, dove ci sono i cattivi, o meglio i delinquenti, con i visi giusti, i loro codici, e gli altri cattivi,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito