American Pie: Ancora insieme

play

Regia di Jon Hurwitz, Hayden Schlossberg

Con Alyson Hannigan, Jason Biggs, Seann William Scott, Mena Suvari, Katrina Bowden, Tara Reid, Shannon Elizabeth, Chris Klein... Vedi cast completo

In streaming
  • Netflix
  • PS Store
  • Chili
  • Microsoft Store
In STREAMING

Trama

Jim (Jason Biggs) e Michelle (Alyson Hannigan) hanno avuto il loro primo figlio e, in occasione di una rimpatriata, incontrano i vecchi amici del liceo ma, mentre alcuni di loro sembrano aver messo la testa a posto - come Oz (Chris Klein), trasferitosi a Miami per dedicarsi al suo lavoro di commentatore sportivo e impegnato in una relazione con una giovanissima ragazza -, Steve Stifler (Seann William Scott) ha continuato a perseverare in comportamenti folli e spensierati. A complicare la movimentata riunione ci penserà anche il padre di Jim ( Eugene Levy), deciso a rivelare tutti i suoi segreti.

Approfondimento

TUTTI INSIEME 13 ANNI DOPO

Sono passati esattamente 13 anni da quando gli studenti della East Great Falls High School hanno fatto la loro prima comparsa sul grande schermo con American Pie. Era il 1999 e l'occasione di una rimpatriata concede loro l'occasione per scoprire durante un movimentato fine settimana cosa è cambiato, non solo nelle loro vite ma anche nei rapporti di amicizia, messi alla prova dalla distanza e dal tempo intercorso dalla mitica estate in cui quattro ragazzi del Michigan cercavano in tutti i modi di perdere la loro verginità. Da allora, Jim ha sposato Michelle, Vicky e Kevin si sono detti addio, Oz e Heather sono finalmente cresciuti e Finch continua ancora a desiderare la madre di Stifler, mentre quest'ultimo non sembra essere intenzionato a divenire adulto. Il ritorno a casa permette a ognuno di loro di rituffarsi nel passato e di far un salto ai tempi delle loro prime tempeste ormonali: questo grazie alla tenacia dei produttori Craig Perry, Warren Zide e Chris Moore che hanno puntato sull'idea della reunion per poter riportare sul grande schermo tutti i protagonisti del primo capitolo della saga che fu capace di parlare a chiunque di fatti ed esperienze comuni proprio grazie a un gruppo di personaggi che vive situazioni in cui chiunque può identificarsi e che divenne in breve tempo un classico della commedia generazionale. Questo "ritorno alle origini" negli intenti della produzione dovrebbe anche servire a far passare in secondo piano alcune discutibili pellicole che nel corso degli anni hanno sfruttato il marchio "American Pie" pur non essendo all'altezza dell'originale.

VECCHI PROTAGONISTI, NUOVI PROBLEMI

Dopo aver convinto il cast originale a riunirsi eccezionalmente e a rimettersi in gioco (con Jason Biggs che ha accettato persino di mostrare qualcosa che sicuramente non passerà inosservato alle commissioni di censura e Alyson Hannigan che si è presa una pausa dal set della sitcom di successo How I Met Your Mother), il problema maggiore dei produttori era quello di trovare una squadra di sceneggiatori che tenessero conto che il franchise aveva bisogno di ricollegarsi a quanto già accaduto nei primi tre film (American Pie, American Pie 2 e American Pie. Il matrimonio). A imbarcarsi ad occhi chiusi nel progetto sono stati Jon Hurwitz e Hayden Schlossberg. Dopo aver contribuito al successo della serie di film su Harold & Kumar (American Trip - Il primo viaggio non si scorda mai, Harold & Kumar Escape from Guantanamo Bay e A Very Harold & Kumar 3D Christmas), da fan sfegatati della saga, i due sceneggiatori/registi hanno colto l'occasione per contribuire all'evoluzione della storia in maniera credibile e coerente, sottolineando come nell'universo delle commedie vietate ai minori di 14 anni nessuna sia più scandalosa e al tempo stesso verosimile di American Pie, in cui l'ossessione per il sesso procede di pari passi con i turbamenti e le difficoltà di rapporto dei primi amori: basta ricordare come mentre Jim è alla ricerca ossessiva della sua prima donna, Oz e Heather hanno una storia d'amore e Vicky aspetta di sentirsi dire finalmente "ti amo". L'idea della reunion permette poi di far sì che ai vecchi personaggi se ne possano affiancare di nuovi e creare un mix che difficilmente si vede al cinema, considerando che gli episodi di reunion sono più tipici delle serie televisive che dei film e che non sempre gli attori accettano di ritornare a vestire i panni dei personaggi che li hanno portati al successo. Questa è stato per di più la prima volta che tutti quanti si sono ritrovati insieme (considerando che una parte del cast non compariva già neanche in American Pie 2) per di più con il compito di dare vita a  personaggi che hanno priorità differenti rispetto a quelle di 13 anni prima, dovendo adesso affrontare problematiche inerenti al mondo dei trentenni ma in linea con lo spirito dei loro caratteri. Ognuno dei personaggi è alle prese con una nuova vita non certo più felice: Jim e Michelle si sono sposati ma la nascita dei figli li ha allontanati facendo venire meno il sesso, Stifler è in crisi di popolarità, Oz ha avuto un enorme successo ma sente nostalgia di casa, Kevin è felicemente sposato ma la sua vita è diventata di una monotonia urticante, mentre Finch è circondato da un alone di mistero, dato che racconta di essere stato in giro per il mondo senza mai spiegare per quali ragioni.

COERENZA DENTRO E FUORI DAL SET

Nonostante all'apparenza possa sembrare superfluo, girare American Pie. Ancora insieme ha richiesto un enorme sforzo produttivo per la cura e la fedeltà delle immagini. Lo scenografo Bill Arnold ha voluto rivedere in dvd i primi tre episodi e recuperare gli scatti di scena per far sì che il clima del nuovo capitolo avesse agli occhi del pubblico un tocco familiare, ricreando ben 40 set differenti e approfittando dell'ospitalità di una città come Atlanta, che ha garantito alle riprese luoghi che potessero rappresentare sia il Michigan che la California. Non è stato poi difficile ricreare gli interni della casa dei genitori di Jim, dato che dopo l'enorme successo riscosso da American Pie una ditta ha cominciato a commercializzare una carta da pareti chiamata "American Pie Plaid" e gli oggetti e arredamenti presenti sul set originale erano di comune fattura, facilmente riproducibili dal team del direttore artistico Elliott Glick. Così come nel primo episodio, ritorna ad avere un ruolo chiave la mamma di Stifler e la sua camera da letto: a differenza della stanza della casa del lago, stavolta ci si ritrova di fronte a un vero boudoir.
Alle prese con un budget molto limitato, anche le sequenze che riguardano la partecipazione di Oz a un popolare varietà basato sulla danza sono state girate in un piccolo spazio scenico, addobbato in modo che somigliasse alle grandi produzioni televisive americane, così come l'ambiente in cui si svolge la reunion è stato ricreato in una palestra che, per l'occasione, ha cambiato la copertura del pavimento per trasformarsi in una grande sala dotata di incredibile luce.
Per rimarcare le varie psicologie dei protagonisti, la costumista Mona May ha cercato di variare gli abbigliamenti, passando dall'alta moda indossata da Oz e Katrina per arrivare ai jeans e alle t-shirt indossate da Michelle, simbolo di una femminilità assopita per via della maternità. Non mancano, però, le sorprese come i pantaloncini in pelle fatti indossare a Jim durante un particolare momento della storia o la scelta di puntare su abiti dorati per la scena della reunion, ambientata su uno sfondo in cui regnavano le tonalità blu e argento.

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Volgare come sempre (ma occhio ai tremendi eufemismi infantili messi in bocca a Stifler nella versione italiana: affossano metà della verve comica), autocitazionista fino al parossismo (alcune apparizioni nel gran finale saranno comprensibili solo ai seguaci della serie), lontano da ogni morale conservatrice (anzi, l’inconcludente e immaturo Stifler si erge a trionfatore assoluto): qualche gag tira troppo la corda, ma la combinazione di risate & rimpianti funziona oltre le aspettative.

Commenti (3) vedi tutti

  • Dopo aver prosciugato come una rapa ogni residuo di comicità, grazie a tre seguiti osceni, si è ben pensato di prendere a vangate i resti di quei poveri ragazzi con quest'ultimo, imbarazzante, episodio.

    leggi la recensione completa di alfatocoferolo
  • Ancora insieme, ma era meglio lasciarci il ricordo di quei 3 bei film di inizio saga. Mai realmente divertente, nemmeno Stifler riesce a risollevare un tentativo di reunion fallito e che non poteva avere successo.

    commento di near87
  • Stiffler è il personaggio che regge il film... e alla lunga... il più affezionato agli amici... come noi a lui...

    leggi la recensione completa di LoLori
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

bradipo68 di bradipo68
6 stelle

La prima torta non si scorda mai. Nel 1999 attratto dalle voci sull'uso alternativo della torta di mele fui in prima fila a vedere questo nuovo fenomeno comico proveniente dagli States. Ero pronto a vedere una nuova stupida commedia americana e invece vidi qualcosa che spostava ancora più in là l'asticella della stupidità, della pesante allusione sessuale e perchè non ammetterlo anche… leggi tutto

7 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

LIBERTADIPAROLA75 di LIBERTADIPAROLA75
8 stelle

C'erano una volta gli anni spensierati dell'adolescenza costruiti di divertimento ma spesso anche del primo confronto con i problemi reali della vita. Il cinema è sempre stato uno specchio della cosa talvolta banalizzando il tutto, altrove riflettendone seriamente l'aspetto magari amalgamando risate e amarezza. I titoli in questione sono tantissimi ed è difficile anche elencarli tutti… leggi tutto

8 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

Innegabili ma volatili momenti-sollazzo fanno da stanca cornice alla stanca parabola americanpieana che, nella sua prevedibile traiettoria discendente, ciondola tra coordinate che vagano dalla mestizia al rimpianto della gloria che fu, conferendo in tal modo al corpo filmico una connotazione patetica. Dall’autocelebrazione all’autocommiserazione il passo è breve: un’occhiata di sotto,… leggi tutto

8 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 2 giugno 2019 su Italia 1
2018
2018

Recensione

alfatocoferolo di alfatocoferolo
1 stelle

Inguardabile. Melenso mix di sentimentalismo e nostalgia andata a male, con qualche gag fiacca e poche, pochissime, situazioni davvero divertenti. Il tentativo di raccordare questa reunion con il primo capitolo della saga è maldestro e si rivela del tutto controproducente. Mancano energie, verve, battute, l'unico a non sfigurare - in tal senso - sembra Stifler. Osceno.

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2017
2017
Trasmesso il 2 marzo 2017 su Italia 1
Trasmesso il 27 febbraio 2017 su Rsi La1
2016
2016
Trasmesso il 18 agosto 2016 su Italia 1
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2015
2015

Recensione

LoLori di LoLori
7 stelle

il primo lo ricordo appena... troppo sfigato lui... Jim... il secondo non mi fece impazzire... Il terzo, il matrimonio... da scompisciarsi!!!  Questa "rievocazione" invece... se non diverte - se non quanto a battute... quanto alle situazioni - ma almeno esalta lo spirito... fa piacere ripensando agli amici che si ritrovano... tutti con i vecchi pregi... e i vecchi difetti... le vecchie…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Trasmesso il 30 dicembre 2015 su Rsi La1
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

marco l di marco l
1 stelle

Onestamente, pur essendo di una volgarità rara, trovo la saga di American Pie un buon modo per evadere dalla quotidianità con quattro sane risate. Detto ciò, fatto il primo episodio l'avrei piantata lì: stop, l'abbiamo azzeccata, non si accettano repliche. Ma figurati se Hollywood, fiutato il successo... Già il secondo e il terzo episodio zoppicavano alla…

leggi tutto
Recensione
Trasmesso il 7 ottobre 2015 su Italia 1
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
2014
2014

Recensione

chribio1 di chribio1
8 stelle

Diciamo che non sono mai stato un grande fan di questa serie di Films ma devo ammettere che la visione di questo del 2012 e' veramente molto spassosa seppur condita di parti ridicolo/demenziali che ogni tanto fanno anche arrossire.Poi se non sbaglio passano in rassegna le varie Shannon Elizabeth,Rebecca De Mornay e anche Natasha Lyonne insomma anche questo e' un qualcosa in piu' e un punto a Suo…

leggi tutto
Recensione

Recensione

tobanis di tobanis
7 stelle

Quarto episodio della fortuna serie, e anche questo è andato alla grande. Cominciò il primo, costato nulla e incassi sorprendenti. Caruccio, anche se forse all’epoca non mancavano film scorretti anche più belli. Due anni dopo l’inevitabile replica, anch’essa di successo; e ben 11 anni fa il terzo episodio, con il matrimonio. Due seguiti non del tutto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Trasmesso il 16 dicembre 2014 su Italia 1
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 10 ottobre 2014 su Rsi La1
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito