Trama

In un futuro prossimo, un team di ricercatori di un ente corporativo, in cui lavora Meredith Vickers (Charlize Theron), scopre una traccia che porta direttamente alle origini e alla prima comparsa del genere umano sulla Terra. Ciò che si ritrovano tra le mani, però, li conduce in un viaggio in una zona remota e oscura dell'universo, dove dovranno scontrarsi con qualcosa che minaccia la sopravvivenza di tutta l'umanità.

Approfondimento

PROMETHEUS: LA SFIDA AGLI DEI

Reinventore della fantascienza con AlienBlade Runner, con Prometheus Ridley Scott ritorna a distanza di trent'anni al genere che più lo ha reso famoso. Con il mix di scienza, paura, azione ed emozioni di Prometheus, Scott crea una nuova mitologia, in cui una squadra di esploratori, dopo aver scoperto un indizio sulle origini del genere umano sulla Terra, si avventura in un viaggio verso gli angoli più oscuri dell'universo a bordo della navicella spaziale Prometheus. Le premesse per il film sono già in uno xenomorfo intravisto in Alien e di cui il pubblico si dimentica subito dopo la sua esplosione. Questo essere misterioso, uno Space Jockey, è ritornato nella mente di Scott, che ne ha preso spunto per dare avvio a Prometheus e rispondere a domande del tipo "Chi era? Da dove veniva? Qual era la sua missione? Che tipo di tecnologia era in suo possesso?". Iniziato quindi come prequel della saga di Alien, Prometheus però prende sin da subito una piega differente e mette in scena idee di vasta portata e provocatorie: durante un viaggio per incontrare ciò che credono abbia dato loro origine, i membri della spedizione Prometheus e della multinazionale che finanzia la loro costosissima missione si ritrovano a sfidare gli dei. E come nel mito greco, da cui la navicella prende il nome, sfidare gli dei comporterà un alto prezzo da pagare.

 

 

 

 

FEDE E PROGRESSO

Prometheus parla anche di umanità nel futuro, rivoluzionando le idee scientifiche e filosofiche a noi più care. Nell'equipaggio del Prometheus si cercano anche risposte ad alcune delle domande più profonde della vita. I due giovani e brillanti scienziati che guidano la spedizione - Shaw (Noomi Rapace) e Holloway (Logan Marshall-Green) - hanno idee contrastanti. Shaw è una credente: lei vuole rintracciare gli "dei" per dare credito alle sue opinioni religiose più tradizionali. Holloway, invece, sta cercando di sfatare queste che ritiene siano superstizioni. Nel loro lavoro di archeologi hanno scoperto in vari ritrovamenti sparsi per il mondi indizi che indicano sempre la stessa remota posizione nello spazio e hanno fatto leva su ciò per convincere la multinazionale Weyland Industries a finanziare la missione. Nessuno dei due è preparato agli orrori inimmaginabili a cui andranno incontro: quelli che credono esseri benevoli e compassionevoli non sono altro che una pericolosa razza di esseri superiori, depositari di conoscenze biologiche e biomeccaniche capaci di sventrare in un attimo le vittime, e il loro mondo contorto e spaventoso non è il paradiso che si aspettano.

 

LE DONNE DELL'EQUIPAGGIO

I personaggi femminili dal forte temperamento sono un segno distintivo del cinema di Ridley Scott. Gli esempi più celebri sono forse la Ripley interpretata da Sigourney Weaver in AlienThelma & Louise con i volti di Geena Davis e Susan Sarandon e il Soldato Jane di Demi Moore. Prometheus non ha una ma ben due protagoniste femminili in netta contrapposizione. Noomi Rapace è Elizabeth Shaw, una scienziata piena di fede e speranza che diventa una guerriera di fronte al pericolo incontrato. Charlize Theron è invece Meredith Vickers, colei che a bordo della nave spaziale rappresenta gli interessi della Weyland. Il suo è un personaggio che suscita antipatia, anche se in particolari momenti mostra una vulnerabilità che spiega come e perché sia diventata così dura e mercenaria. Se per Elizabeth la missione è sinonimo di ricerca di verità e risposte, per Meredith l'epico viaggio di due anni verso un altro mondo è solo una questione di economia e finanza e spesso si ritrova con il suo pragmatismo a essere in contrasto con le decisioni altrui, rendendo evidente che ha una missione differente alla loro o che sta nascondendo qualcosa. 

 

ROBOT ED UOMINI DEL PROMETHEUS

La fredda efficacia di Meredith la rende simile a una macchina, anche se sul Prometheus a essere una macchina - nel senso letterale del termine - è David, l'androide creato dalla Weyland e interpretato da Michael Fassbender. Nonostante la sua straordinaria intelligenza e la sua capacità di agire, David viene usato per compiti servili, come una sorta di governante che deve vigilare su ogni cosa, soprattutto quando l'equipaggio umano va in stato di animazione sospesa. Pur essendo un robot, David è molto umano, pensa che la missione sia ridicola e non perde occasione per mostrare il suo sdegno. La combinazione tra le sue capacità intellettive e le umili direttive a cui è costretto lo caricano di inaspettato umorismo. Mentre gli umani sono in animazione sospesa, David si diverte a giocare ed armeggiare con le tante meraviglie del Prometheus e rivede più volte lo stesso film, Lawrence d'Arabia, in cui Peter O' Toole rapprenta la costruzione idealizzata di un uomo. In Lawrence David rivede gran parte del suo essere: entrambi sono stranieri in una terra straniera ed entrambi si credono dei liberatori. E, sempre come un bambino, diventa audace nelle decisioni che può prendere di fronte alla non accettazione della sua conoscenza totalizzante e superiore.

Janek, interpretato da Idris Elba, è invece il capitano del Prometheus, un vecchio lupo di mare la cui missione principale è proteggere la sua nave e il suo equipaggio. Le sue ambizioni e vocazioni forniscono più di un punto di rottura con gli obiettivi della Shaw e di Holloway e con gli interessi aziendali della Vickers.

Logan Marshall-Green presta invece il volto a Holloway, compagno di vita e di spedizione della Shaw. Holloway ha sete di risposte ma dal viaggio si aspetta risultati molto diversi da quelli attesi dalla sua donna. Tutto quello che fa viene portato alle estreme conseguenze e spesso il suo coraggio non è sinonimo di riuscita.

 

3D PER 16 SET REALI

Nonostante gli effetti digitali possano ormai garantire impressionanti immagini generate al computer, Ridley Scott continua ad amare le riprese dal vivo che restituiscono un senso tattile all'immagine. Prometheus è a tutti gli effetti un film di fantascienza girato in digitale e in 3D ma presenta set, oggetti di scena e acrobazie reali. Per realizzarlo, il regista ha costruito il più grande "parco giochi alieno" del mondo, realizzato dallo scenografo Arthur Max e dal suo team di artigiani. Le riprese, cominciate nell'agosto 2010, hanno avuto luogo nel Regno Unito in 5 differenti teatri di posa dei Pinewood Studios, famosi per esseri i più grandi di Europa, dove sono stati creati 16 set. Max ha progettato sia l'esterno che l'interno del Prometheus, dotandolo di tutte le tecnologie all'avanguardia utili a sondare gli angoli più profondi della galassia e prendendo spunto da alcuni progetti della Nasa e dell'Agenzia Spaziale Europea. Il ponte del Prometheus è realizzato su due set a differenti livelli su cui spicca il parabrezza, un gioiello sfaccettato che costeggia tutta la struttura.

L'ambiente più sofisticato è quello ricreato per gli spazi di Meredith Vickers, simili più a un lussuoso appartamento che a una cabina di un veivolo interstellare. Lo spazio risplende di arredi dal vecchio e nuovo design, tra cui un piano Fazioli, dei lampadari Swarovski e una postazione medica (il Med-pod) utile a qualsiasi necessità o emergenza chirurgica: è qui che - in un mix di azione, terrore e orrore - ha luogo una delle sequenze chiavi del film.

Gli altri interni del Prometheus includono anche: un laboratorio scientifico dove l'equipaggio porta ad esaminare i risultati dei loro ritrovamenti; una sala tattica, dove ci si riunisce per decidere il da farsi; le camere di animazione sospesa, monitorate da David; una sala mensa, dotata di una serie di elementi iper tecnologici; un quartiere generale.

Tra gli epici set che portano verso il pianeta alieno, si segnalano la Piramide che contiene lo Juggernaut, una nave simile a quella vistasi schiantare in Alien. Fatta di corridoi, camere e gallerie, la Piramide grazie al lavoro di post produzione è grande quanto l'Empire State Building.

All'esterno degli studi Pinewood è stato costruito uno dei tre set che ospitano la stiva del Prometheus, posizionata sotto il corpo principale della nave. L'enorme set ospita i veicoli dell'equipaggio, costruiti a partire da zero e capaci di muoversi su superfici ostili, ondulate e rocciose. Sono occorse 11 settimane per crearli e dotarli delle adeguate tecnologie, illuminazione a led e sedili imbottiti.

Dopo le 15 settimane passate a Pinewood, cast e troupe si sono trasferiti nella città di Hekla, in Islanda, per girare le sequenze climatiche del prologo, catturando le immagini di uno dei vulcani più attivi dell'isola pronto ad esplodere. 

 

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Ovviamente i fan della creatura di H.R. Giger mettono mano alle teorie comparativiste per dirvi che il film è pieno d’inverosimiglianze e che la sceneggiatura fa acqua. Sarà. Scott invece mette mano a tutto il suo armamentario visivo che, anche se non è più scintillante come una volta, risulta sempre epidermicamente coinvolgente e diverte (modicamente, ma diverte). Come una sorta di elegante isteria della forma, il regista ripercorre ossessivamente il proprio gesto cinematografico, estenuandolo in una forma di erotismo narcisista che fatalmente, ancora una volta suo malgrado (?), diventa un segno del tempo presente.

Commenti (22) vedi tutti

  • Grande film di Ridley Scott

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Mondi alieni

    leggi la recensione completa di Immorale
  • La "rinascita" corposa di Ridley Scott è un gran bell'episodio pilota di una gran bella serie televisiva ideale: dissolta l'adrenalina, resta la voglia di vedere il prossimo sequel del prequel...

    leggi la recensione completa di mck
  • In confronto è meglio Alien vs Predator

    commento di MiniPuppy
  • Ridley Scott sa fare di meglio. Quando lo capiranno,che non basta,mettere una "super patata" nel cast di un film!!!! Voto 5

    commento di ILDIODELLERECENSIONI
  • Interessanti gli effetti speciali e le scenografie. La storia è un po' confusa e tanto è un già visto dalla saga di Alien. Non è male, ma delude sul piano narrativo. Voto 6/7

    commento di Brady
  • Una spedizione è incaricata di raggiungere il pianeta in cui si troverebbero gli Ingegneri che hanno dato vita alla razza umana, con lo scopo di porre loro delle domande. Qualcosa, ovviamente, andrà storto. Film dimenticabile con un cast valido.

    leggi la recensione completa di alfatocoferolo
  • Troppo sottovalutato, un film invece interessante, con riserve.

    commento di Fiesta
  • I pur velleitari temi sono trattati epidermicamente o soccombono sommersi da una valanga di effetti computeristici.

    leggi la recensione completa di IlGranCinematografo
  • Voto 5 molto confusione

    commento di eros7378
  • Siamo verso le cose peggiori da segnalare anche se c'e' di peggio !

    leggi la recensione completa di chribio1
  • Magnifico sono rimasto molto intrigato da questo film di un R.Scott in gran forma. Onestamente lo trovo un film praticamente senza difetti... vedere per credere.

    commento di gac
  • Visivamente magnifico.Scott torna a girare come ai bei tempi.Pone tante domande e da poche risposte come i grandi film di fantascienza.

    commento di BreakingNico22
  • Non raggiunge i suoi capolavori,ma rimane sempre un lavoro dignitoso e da vedere.

    leggi la recensione completa di ezio
  • C'erano tutti i pressuposti, ma è un'altra occasione sprecata, sacrificata sull'altare di mostri e schifezze varie a cui pochi autori sanno rinunciare oggi, chissà perché. Speriamo nel sequel, se ci sarà.

    commento di movieman
  • Pessimo. Un succedaneo malriuscito di un film di fantascienza. Non perdete tempo alcuno.

    commento di CobraVerde
  • Bel film, belle ambientazioni.

    commento di ironsax
  • Per quanto spettacolare, si tratta di mera fantascienza "di riporto". Autoreferenziale e autocitazionista, è un monumento eretto da Scott al proprio modo di fare cinema e, al tempo stesso, un enorme guscio vuoto di emozioni ed idee.

    commento di zelig77
  • "Io ne ho visto cosa che voi umani non potreste immaginarvi".

    commento di Nobre
  • Da vedere assolutamente per i fanatici della saga di Alien. A me è piaciuto tantissimo.

    commento di leo74vr
  • Non mi è piaciuto per niente!,

    commento di levistrauss
  • beh alien era tutta un altra cosa..questo non vedevo l'ora che finisse..si poteva fare tantissimo meglio coi tanti soldi spesi..

    commento di zooooomk3
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

GIANNISV66 di GIANNISV66
6 stelle

Ridley Scott torna sul luogo del crimine, verrebbe da dire, e a trentatre anni di distanza da Alien (un numero con una forte valenza simbolica…o forse è solo un caso) racconta nuovamente di rapporti tra umani e alieni. Film dal forte impatto visivo e non privo di riferimenti colti, Prometheus fallisce però nel suo obiettivo non dichiarato: rinnovare i fasti di Alien. Non c’è più Dan… leggi tutto

34 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

alan smithee di alan smithee
8 stelle

Prometeus e' appena uscito in Francia, e probabilmente in buona parte del mondo. Da noi l'attesa appare ancora lunga, perche' l'estate imminente, il caldo, le Olimpiadi si ritiene allontanino gli spettatori dal cinema, che quindi si riposa e impoverisce sempre di piu' la nostra stagione rispetto a quelle di pressoche' qualsiasi altro paese. Detto (e ridetto mille volte) questo, Prometheus e' una… leggi tutto

32 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

PompiereFI di PompiereFI
4 stelle

Quando un gigantone dalla testa lucente muore, va un po’ dove vuole: cielo, paradiso, o pianeta sconosciuto che sia, magari lontano anni luce dalla Terra e nascosto in una montagna-sarcofago in attesa che qualcuno vada a cercarlo. Allorché due scienziati che cercano a tutti i costi le origini dell’uomo, con Noomi Rapace/Elizabeth Shaw che ricopre un ruolo prossimo alla Maculata Concezione,… leggi tutto

30 recensioni negative

Trasmesso il 6 giugno 2018 su Rai 4
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti

Recensione

Furetto60 di Furetto60
8 stelle

Il film si apre con il sacrificio di un umanoide che, bevendo una sostanza che ne modifica il corredo genetico, si disgrega cadendo nel fiume e contaminandolo quindi col suo DNA. Presumibilmente l’umanoide si trova sulla Terra e il suo sacrificio dovrebbe aver dato origine alla vita sul nostro pianeta.Nell'anno 2089, una coppia di archeologi Elizabeth Shaw e Charlie…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Trasmesso il 7 maggio 2018 su Rai 4

Recensione

Immorale di Immorale
5 stelle

La “moda” del prequel nel 2012 catturò anche il buon Ridley Scott (che ci prese anche gusto, con l’uscita nel 2017 del seguito del seguito “Covenant”), che decise di tornare sui luoghi teatro delle vicende (già) sommariamente narrate nel capostipite del 1979 sull’alieno forse più famoso della cinematografia mondiale. Si parte da lontano:…

leggi tutto
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Il meglio del 2017
2017
Alive in Joburg!
mck di mck

Alive in Joburg!

"Le creature sono tornate la notte scorsa. Il loro primo fruscio fra l’erba lo udimmo non appena la luna scivolò dietro le nubi." Mike Resnick -… segue

Recensione

maso di maso
4 stelle

Beh se me lo permettete sto film sta ad Alien come episodio I sta a Star Wars, anzi per dirla tutta episodio II. Questo perchè? Ma perchè in Episodio II è tutto reciclato, e qui è tutto reciclato: dal droide che sveglia gli ibernati spaziali, allo scriccioletto Noomi Rapace eroina per circostanza come la talentosa missis Ripley, la stanzona coi baccelloni pur…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Il meglio del 2016
2016
Disponibile dal 5 maggio 2016 in Dvd a 7,99€
Acquista
Il meglio del 2015
2015

Recensione

DeathCross di DeathCross
6 stelle

Dunque, non è un brutto film, Scott resta un Regista molto bravo sul piano tecnico e gli spunti filosofici sono assai interessanti però... Però ho avuto un po' l'effetto "Noah", ovvero mi è sembrato che si puntasse troppo in alto, sia nella forma (dopotutto, si doveva fare il prequel di "Alien", Capolavoro che ha segnato un Punto di Non-ritorno nella Storia del…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Il meglio del 2014
2014

Recensione

Houssy di Houssy
8 stelle

Pensandoci bene non sorprende che una pellicola complessa, stratificata e diciamolo perfino ostica come Prometheus, non abbia incontrato il favore del grande pubblico, pubblico che nel 2012 per la maggior parte si accontenta ormai di vedere e non di pensare. Abituati a farci spiegare tutto, come bambini in età prescolare, da parte di un cinema spesso inconsistente ed etereo,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2013
2013

Recensione

mck di mck
7 stelle

* * * ¼  -  6 ½  :  si, ma di quelli buoni...   Damon Lindelof, ovvero : levateje'r vino.   Film Aprocto : inghiotte ed evacua dallo stesso otturatore ogni Fondamentale Cinematografico : passaggi ( missione-viaggio-battaglia ) e stilemi.   Rebootta se stesso gettando le basi della propria creazione. Ibrido Narciso - Copia Conforme.…

leggi tutto
Il meglio del 2012
2012

Antartide

GIANNISV66 di GIANNISV66

Fredde distese di ghiaccio che avvolgono ogni scorcio dell’orizzonte, un senso di profonda desolazione alimentato da un vento gelido che percuote incessantemente ogni elemento dell’ambiente. Questa è…

leggi tutto

Recensione

GIANNISV66 di GIANNISV66
6 stelle

Ridley Scott torna sul luogo del crimine, verrebbe da dire, e a trentatre anni di distanza da Alien (un numero con una forte valenza simbolica…o forse è solo un caso) racconta nuovamente di rapporti tra umani e alieni. Film dal forte impatto visivo e non privo di riferimenti colti, Prometheus fallisce però nel suo obiettivo non dichiarato: rinnovare i fasti di Alien. Non c’è più Dan…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 10 settembre 2012
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito