Espandi menu
cerca
Il Cavaliere Oscuro - Il ritorno

Regia di Christopher Nolan vedi scheda film

Recensioni

L'autore

nickoftime

nickoftime

Iscritto dal 15 novembre 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 72
  • Post 19
  • Recensioni 1108
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il Cavaliere Oscuro - Il ritorno

di nickoftime
6 stelle

A Gotham City è in arrivo una tempesta. Ad annunciarla non è il bollettino meteorologico perché le ragioni non dipendono da cambiamenti atmosferici o sconvolgimenti climatici. La nuova catastrofe trova spiegazione nel passato di Batman, difensore della città deciso ad espiare con un esilio forzato le morti del procuratore distrettuale Harvey Dent ma soprattutrto dell'amata Rachel di cui si sente in parte responsabile. A chiedersi che fine abbia fatto sono in molti: dal commissario Gordon (Gary Oldman)che fu testimone di quegli eventi ed ora ripulisce la città dai malfattori al posto dell'eroe, ad Alfred il maggiordomo che rimprovera a Bruce Wayne una scelta di vita mortificante ed ingiusta, al giovane poliziotto John Blake legato in maniera indiretta al miliardario per aver beneficiato dell' attività filantrofiche della Wayne Enterprises. Insieme a loro se lo domanda anche la comunità locale in cerca di un nuovo messia quando Bane, il cattivo di turno legato in qualche modo alla setta delle ombre che già nel primo episodio della saga aveva tentato di impossessarsi della città, minaccia di farla saltare in aria Gotham dopo averla isolata e ridotta all’anarchia.

Ed è proprio il ritorno del figliol prodigo con tutte le implicazioni connesse con la sua perdurata assenza a costituire la parte migliore e più importante del film, quella in cui la vicenda riesce a costruire un tessuto di luce e di ombre nel quale personaggi vecchi e nuovi mettono a punto la loro presenza all’interno della storia. E’ in questa fase, quella che precede l'inzio dello scontro, che Nolan riesce a trovare la sintesi quasi perfetta tra la magniloquenza di una messa in scena da film blockbuster ed il minimalismo da cinema d'autore necessario a preparare il terreno emotivo  di ciò che seguirà. Un’antefatto che riesce a regalarsi la scena più bella in termini di adrenalina e di spettacolo con le immagini di un dirottamento aereo ripreso direttamente a bordo di un troncone della carlinga spezzata ed in picchiata verso il nulla, in cui Bane ed i suoi accoliti si prodigano per portare a termine il primo tassello di un’ascesa inesorabile. Un groviglio di mani e di corpi ridotti in uno spazio strettissimo e schiacciati da una ripresa frontale che sembra voler togliere aria all’ambiente. Minuti contati che riescono a fermare il tempo per l’assenza di qualsiasi punto di riferimento che non sia il vuoto che circonda quella gente. E poi dopo una piccola pausa ancora una sorpresa con l’entrata in scena di Celina Kaye, alias Catwoman, sexy e ambigua anche in tenuta da cameriera e fin da subito alle prese con un furto messo a punto proprio nella villa di Bruce Wayne. Sarà proprio quell’irruzione a riportare sullo schermo la faccia consunta dell’eroe sofferente, a rimettere in gioco il passato ed il presente di un uomo che non riesce a perdonarsi l’incapacità di salvare le persone che gli stanno più a cuore. Passaggi di una densità psicologica pregnante ma sviluppati con la dimestichezza di chi deve fare i conti con un pubblico abituato a toccare con mano prima di credere. Un equilibrio che si perde quando l’alterego mascherato decide di fermare la minaccia criminale. Da lì in poi il cinema di Nolan perde equilibrio per assumere la forma di una spirale che si allarga progressivamente verso l’esterno, accumulando nelle sue infinte rivoluzioni temi, significati e colpi di scena sempre nuovi che complicano ed affaticano per eccesso una sceneggiatura costretta a tenere insieme la trama con molte forzature e poca verosimiglianza.

A stento coperte dal tourbillon degli eventi e dall'invadenza della colonna musicale sono molte le cose che non tornato a cominciare dal maquillage imposto al personaggio di Bane (un Tom Hardy più che mai muscolare) prima invincibile e poi mera comparsa quando il colpo di scena posticcio che lo lega ad uno dei personaggi vicini all’entourage di Bruce Wayne c’è lo restituisce senza più la sua proverbiale ferocia assassina; oppure la rivelazione che riguarda il commissario Gordon, sbugiardato in diretta televisiva e messo alla gogna dal collega idealista John Blake per aver mentito ai cittadini di Gotham, e poi come se nulla fosse raffigurato a capo della resistenza locale in maniera carismatica ed eroica.

Così nel tentativo di contenere un materiale cresciuto a dismisura Nolan da una parte aumenta il minutaggio, dall’altra cerca lucidità narrativa inserendo una quantità di sequenze interlocutorie, utilizzate per cucire e semplificare i passaggi più contorti. Il risultato è didascalico, a volte ripetitivo, penalizzante nei confronti di un personaggio come Catwoman (Anne Hatheway in giudicabile) molto sponsorizzato dalla produzione ma in fin dei conti messo in secondo piano rispetto alla maggior parte dei suoi colleghi ed ancora non esaltante in un villain come Bane penalizzato da una maschera metallica alla Hannibal Lecter perennemente indossata da cui alla fine Nolan non riesce a ricavare altro che forza bruta e voce metallica. In questo modo tra considerazioni mistiche (la paura è la spinta per superare i propri limiti), riferimenti millenaristici (il sacrificio della città e la sua palingenesi serviranno a mondare i peccati di una società corrotta) e richiami alla crisi contemporanea – un poliziotto rifiuta di difendere Wall Street perché strumento di potere della classe agiata mentre Bane istituisce un tribunale rivoluzionario per giustiziare i ricchi colpevoli di aver amministrato con sommo egoismo – “Il ritorno del cavaliere oscuro” si conclude con un finale apertissimo che dal punto di vista commerciale potrebbe dare vita a diversi tipi di format (reebot o sequel)a cui sappiamo già Nolan non prenderà parte. Un cambiamento che potrebbe giovare al regista ed anche alla serie.
(icinemaniaci.blogspot.com)

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati