Espandi menu
cerca
Cruel, Cruel Love

Regia di George Nichols vedi scheda film

Recensioni

L'autore

scandoniano

scandoniano

Iscritto dal 27 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 74
  • Post 18
  • Recensioni 1430
  • Playlist 32
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Cruel, Cruel Love

di scandoniano
5 stelle

Chaplin interpreta Lord Helpus (dunque non è Charlot) un aristocratico gabbato dalla servitù. Co-regia di Sennett e Nichols, piuttosto ben strutturata sul piano narrativo.

Charlot aristocratico” (o “Cruel, cruel love” nel titolo originale) nasce da una co-regia tra Mack Sennett e George Nichols. La mise, elegantissima, poi i baffi ampi e ben curati, infine la stessa condizione nobiliare del protagonista suggeriscono che non si tratta del famoso Charlot, nonostante il titolo italiano, ma di un altro personaggio, che nei credits è identificato come Lord Helpus o Mr. Dovey.

Dopo qualche passaggio a vuoto, finalmente una storia nuovamente degna di tale nome. Chaplin interpreta un aristocratico conteso tra la moglie e la perfida cameriera che prova a mettere zizzania in famiglia. L’uomo, cacciato di casa, andrà a vivere da solo, ma verrà tradito ulteriormente dalla servitù, che gli fa credere di essersi avvelenato.

Nel film si segnale un interessante intermezzo onirico in cui, in una visione del destino, il protagonista incontra in sogno due diavoli creati con uno stile che si potrebbe definire alla Mèliés.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati