Espandi menu
cerca
Hotel Transylvania

Regia di Genndy Tartakovsky vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 226
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Hotel Transylvania

di FilmTv Rivista
6 stelle

Come il coevo ParaNorman 3D, anche il primo lungo di Genndy Tartakovsky gioca con l’inversione dei cliché horror: i mostri sono gli umani, la cui sgradevole abitudine di dare addosso al Diverso armati di torce e forconi convince il Conte Dracula a creare una zona franca, inaccessibile all’uomo, destinata alle creature come lui. A questo serve l’Hotel Transylvania, dove Dracula ha cresciuto la dolce figliola Mavis e dove ogni anno Frankenstein, la Mummia, l’Uomo Lupo & Co. si riuniscono a celebrare il compleanno della ragazza. Per i suoi 118 anni, però, Mavis vorrebbe visitare il mondo esterno e, contemporaneamente, alla festa s’imbuca il meno atteso degli ospiti: un giovane umano, turista americano un po’ tonto ma di buon cuore. Diversamente dal citato ParaNorman 3D, qui di spaventoso non c’è niente: paciosi e rassicuranti nelle forme, i mostri nemmeno si ricordano come si incute terrore, e nonostante l’ovvia morale annessa, l’atmosfera è quella casinista e goliardica delle commedie di Adam Sandler, non a caso doppiatore di Dracula nella versione originale. L’umorismo è garbato e mai mordace, ad altezza di bimbo, e Tartakovsky smussa gli angoli delle sue creature, solitamente ben più spigolose e surreali, per un’opera realizzata su commissione che diverte senza troppe pretese. Da non perdere i titoli di coda, popolati dalla versione gustosamente bidimensionale dei personaggi.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 48 del 2012

Autore: Ilaria Feole

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati