Espandi menu
cerca
Viaggio in Paradiso

Regia di Adrian Grunberg vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Stuntman Miglio

Stuntman Miglio

Iscritto dal 28 marzo 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 122
  • Post -
  • Recensioni 1326
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Viaggio in Paradiso

di Stuntman Miglio
6 stelle

Mel Gibson è in fuga lungo il confine per il Messico. Vestito da clown, con diversi milioni di refurtiva nascosti in automobile e braccato dalla polizia di due stati, opta per sfondare a sud facendosi arrestare dalle corrotte autorità locali. Malmenato e derubato a sua volta del prezioso bottino, viene incarcerato in una sorta di girone dantesco a cielo aperto chiamato El Pueblito. Dalla padella alla brace. Incipit rapido ed efficace per un prison movie sui generis che ha il suo punto di forza in un’ambientazione malsana e soffocante. Una gomorra autogestita da narcotrafficanti dalla quale il nostro dovrà trovare il modo di fuggire ma non prima di aver regolato qualche conto. Certo il criminale vecchio stampo, quello tutto d’un pezzo con il proprio codice d’onore, è figura piuttosto ricorrente nel genere ma conserva sempre un certo fascino. Ad interpretarlo troviamo qui una stropicciata “arma letale” ancora in grado di sorprendere e divertire nonostante il passare degli anni, del resto, è risaputo che questo tipo di film sia sempre stato nelle sue corde. In “Viaggio in paradiso”, Gibson, produce, scrive ed interpreta confermandosi mattatore ancora all’altezza nonostante un girato frenetico ed un ritmo proibitivo per molti dei suoi coetanei. Nonostante qualche forzatura di script, esagerazioni varie e l’immancabile happy end, il vecchio Mel ne esce bene. Onore al merito.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati