Espandi menu
cerca
Tre uomini e una pecora

Regia di Stephan Elliott vedi scheda film

Recensioni

L'autore

supadany

supadany

Iscritto dal 26 ottobre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 374
  • Post 189
  • Recensioni 5672
  • Playlist 115
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Tre uomini e una pecora

di supadany
6 stelle

Di certo non è la commedia godereccia che rivoluzionerà le sorti del genere (e desta anche un po’ di perplessità che un regista come Stephan Elliott l’abbia diretta), non è infatti molto originale, riprende situazioni consumate spesso e volentieri, ma almeno ha una buona vitalità e perché no, qualche fragorosa risata non manca.

Durante una vacanza in Australia il giovane inglese David (Xavier Samuel) conosce la ragazza della sua vita (Laura Brent) ed i due decidono di sposarsi in tempi brevi presso la facoltosa residenza australiana della famiglia di lei.

Così David, dopo un breve rientro londinese, riparte con i suoi amici del cuore per il matrimonio, ma quest’ultimi combineranno un disastro dietro l’altro.

Sarà difficile far trionfare l’amore su così tanti guai.

 

Ramsy

Tre uomini e una pecora (2011): Ramsy

 

Gli inglesi invadono l’Australia e ne combinano di tutti i colori, partendo da una svolta che richiama direttamente “Una notte da leoni”, ovvero una notte altamente alcolica con postumi non chiari ed una continua escalation di problemi lungo tutto il giorno del matrimonio.

Niente di particolarmente nuovo, ma ci sono comunque alcune variabili che mi hanno divertito parecchio, soprattutto grazie alla povera pecora del titolo, ma ancora di più per l’esagitazione incontrollabile di Olivia Newton John dopo che il suo personaggio mette a nudo un’indole fin lì nascosta assai lontana dalla correttezza formale della sua famiglia.

Per il resto purtroppo i protagonisti sono tutt’altro che indimenticabili (a parte Kris Marshall che ha un’indole più marcata degli altri) ed hanno anche caratteristiche scarsamente interessanti, mentre come possa finire la storia mi pare considerazione fin troppo scontata anche solo per essere affrontata (anche se i guai non finiscono lì).

Dunque rimane una commedia sguaiata che funziona solo ad ondate, ed a volte tra una e l’altra passa fin troppo tempo, abbastanza divertente (ma sempre per situazioni di grana grossa) per salvarsi in corner, ma troppo poco per meritarsi maggiore considerazione.

Pecoreccia.

 

Stephan Elliott

Una regia da vera e propria "villeggiatura" per un regista come ha saputo confezionare alcuni film molto belli.

Molti dubbi sul senso di "necessità" della cosa, per il resto non è disprezzabile, rimanendo nella media del genere.

Xavier Samuel

Volto pulito, tutto sommato adeguato.

Chiedergli qualcosa di più in questo contesto è difficile.

Sufficiente.

Laura Brent

Altro volto candido valido per il ruolo seppur senza eccellere (ma probabilmente non era possibile).

Sufficiente.

Rebel Wilson

Poco sfruttata, giusto un paio di battute taglienti, ma si poteva sfruttare meglio la sua non ordinarietà.

Sufficiente.

Olivia Newton-John

Quando si scatena è una furia.

Con la pecora del titolo il motivo migliore per vedere questo film (sempre considerando che tipo di film è, ovvero pecoreccio).

Kris Marshall

Tra i tanti volti del cast è probabilmente quello più azzeccato.

Sarcasticamente irriverente.

Discreto.

Kevin Bishop

Il suo personaggio presenta luci ed ombre, intendo in chiave comica.

Offre qualche gran risata (vedasi il suo discorso da "pippato") e più di un sbadiglio.

Sufficiente. 

Steve Le Marquand

Nei panni dello spacciatore un (bel) pò gay ... cattivo per parte, ma in fondo un vero e proprio tenerone.

Sufficiente.

Tim Draxl

Francamente la sua parte l'ho trovata stantia.

Insufficiente (principalmente non per colpa sua).

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati