Espandi menu
cerca
Il paese delle spose infelici

Regia di Pippo Mezzapesa vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 234
  • Post 80
  • Recensioni 6309
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il paese delle spose infelici

di FilmTv Rivista
8 stelle

Una ragazza sul tetto della chiesa. Una visione o un’apparizione. Un volto sostituito a quello della Madonna dai ragazzi della squadra di calcio Cosmica che lo toccano prima di entrare in campo. È dentro il cuore di un Mito arcaico, quasi secolare, questo ottimo esordio nel lungometraggio di Pippo Mezzapesa, cineasta che già si era messo in luce con il documentario Pinuccio Lovero. Sogno di una morte di mezza estate. Tratto dal romanzo omonimo di Mario Desiati, potrebbe essere accidentalmente un diario di formazione. In realtà nella vicenda di Veleno, Zazà e Annalisa, così diversi così (in)consciamente legati, s’infiamma un cinema legato alla sua terra (la Puglia), e a un periodo (l’inizio degli anni 90) raccontato dai frammenti Tv di Non è la Rai e la canzone Scrivimi. Si sente addosso la polvere della terra e la luce assolata del cinema di Winspeare in un film che trascende la narrazione attraverso slanci continui che lo trasportano in una dimensione onirica. Difficilmente oggi in Italia, oltre alle opere di Antonio Capuano, l’adolescenza è stata portata sullo schermo con questa intensità. I tuffi in acqua riportano proprio a L’amore buio, mentre la partita è come la materializzazione di un frammento tra ricordo sfocato e desiderio. I ragazzi hanno la rabbia e i sogni di un film adolescenziale francese, mentre tra gli adulti emerge soprattutto Nicola Rignanese.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 45 del 2011

Autore: Simone Emiliani

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati