Trama

Le spiagge del Kenya sono conosciute alle turiste europee per la possibilità di avere avventure facili con i giovani del luogo, che vendono loro l'amore in cambio di qualche soldo e una migliore possibilità di vita. Affascinata da quel che sente raccontare in giro, Teresa, una cinquantenne austriaca, decide di regalarsi una vacanza paradisiaca che, tra i piaceri della carne e amare delusioni, la porterà a stretto contatto con diversi uomini.

Approfondimento

UNA TRILOGIA PARADISIACA

Paradise: Love racconta il mondo del turismo sessuale in Kenya. Non senza umorismo, si mostrano donne in età avanzata che ricercano giovani accompagnatori, puntando l'attenzione sul valore di mercato che si attribuisce alla sessualità e il colore della pelle in un Paese in cui gli sfruttati non hanno altra scelta che trasformarsi in sfruttatori. Si tratta però solo del primo capitolo di una trilogia che il regista austriaco Ulrich Siedl dedica al tema delle "vacanze" di tre donne alla ricerca della felicità. Il secondo capitolo (Paradise: Faith) è incentrato sulla vicenda di una missionaria cattolica mentre il terzo (Paradise: Hope) racconta le vicende di una ragazzina che scopre l'amore carnale in un centro dietetico per adolescenti. L'ironia del progetto si deduce a partire dal titolo: giocando con il concetto di "paradiso", comunemente usato nel settore turistico, Siedl sottolinea come in epoca moderna il paradiso non sia altro che la promessa di uno stato di felicità permanente, evocata dai desideri di sole, mare, libertà, amore e sesso. Nonostante quello che si crede, il turismo sessuale non è un fenomeno che riguarda soltanto gli uomini. Seidl, dunque, scandalizza per essere il primo regista a sollevare un velo sulla questione, scegliendo come protagoniste della trilogia tre donne inusuali e insospettabili. Lontane dagli standard ideali di bellezza e con scarse possibilità di conquista nei loro contesti abituali, le donne di Siegl ricordano i ritratti di nudo del pittore Lucian Freud. Poggiando la camera sulla pelle delle sue attrici, come nei precedenti Canicola e Import Export, Siegl punta sulla corporeità delle sue protagoniste e le mostra senza pudori e trucco, convinto che è proprio nella loro "imperfezione" che si trova una forma di bellezza sublime.

UNA TRILOGIA NATA PER CASO

Abituato a lavorare in maniera poco tradizionale e con sceneggiature costantemente aperte a nuove soluzioni, Seidl gira insieme le tre differenti storie, pensando in un primo momento di ricavarne un unico film ad episodi interconnessi. Le riprese rispettano l'ordine dato dalla scarna sceneggiatura ma, pur raccontando le avventure di tre donne della stessa famiglia, sceglie di tenere separate e senza intrecci le fila di ogni vicenda. In questo modo, dopo un anno e mezzo trascorso in sala di montaggio nel tentativo di eliminare le scene superflue e di ottenere un corpus lineare, Seidl si ritrova davanti a 5 ore e mezze di prodotto finito in cui le storie, anziché arricchirsi, si indeboliscono l'una con l'altra. Di conseguenza, la soluzione artistica migliore è stata quella di suddividere il tutto in tre differenti film.

UNO SGUARDO DOCUMENTARISTICO

Delle tre storie del progetto, Paradise: Love è quella più lunga e sviluppata in maniera molto libera. In un primo momento, lo scopo era quello di mostrare una donna che tornava nell'esotico Kenya una seconda volta per ritrovare qualcuno con cui aveva avuto una relazione. Dopo aver individuato in Margarethe Tiesel la protagonista ideale e aver fatto le prove con i "ragazzi di spiaggia" kenioti, Siegel ha trovato più interessante ritrarre la storia di una donna bianca che per la prima volta arriva in Africa e si ritrova in contatto con uomini neri. Il tema prevedeva scene molto delicate e spinte, emotivamente e fisicamente forti, per cui anche la scelta del protagonista maschile era determinante. Poiché non riusciva a trovare il giusto attore tra due candidati, il regista ha girato gran parte del film con entrambi per poi scegliere solo a lavoro ultimato quali inserire nel montaggio. La difficoltà era legata al fatto che i ragazzi scelti erano tutti attori non professionisti (è caratteristica di Siedl scegliere per le sue opere un mix di professionisti e attori improvvisati), incontrati sulle spiagge africane e convinti dal denaro promesso a rappresentare loro stessi sullo schermo.
Durante le riprese, il copione dato agli attori non conteneva né descrizioni dettagliate delle scene né tantomeno i dialoghi: tutti sul set erano chiamati a improvvisare per ottenere un effetto quasi documentaristico e reale delle dinamiche di relazione.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Seidl coglie nel documentario come nella fiction lo schiantarsi dell’ideologia occidentale, dei suoi miti e delle sue visioni, sulla tabula rasa sentimentale dello scambio economico, della logica individuale del godimento, dell’ottuso accumulo feticistico. Pornografico e umanista, insieme: non imbelletta l’osceno e guarda lo stato dell’uomo fuor d’ipocrisia. Primo capitolo di una trilogia.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

AtTheActionPark di AtTheActionPark
8 stelle

Lo sguardo di Seidl è un rasoio che si abbatte sul mondo. La sua visione nichilista e annichilente estirpa dall’umanità anche gli ultimi brandelli di speranza. I suoi racconti hanno come fine ultimo proprio l’uomo, che si divincola tra falliti tentativi di pietà e gesti di abissale egoismo. Con Paradies: liebe, Ulrich Seidl realizza il primo di tre film che costituiranno una sorta di… leggi tutto

7 recensioni positive

2018
2018

Perle nascoste

MVRulez di MVRulez

Il titolo (forse un po' troppo altisonante) di questa playlist ne racchiude il suo scopo: catalogare alcune opere meritevoli (sia classiche che moderne) le quali, per un motivo o per un altro, rischiano di rimanere…

leggi tutto
2015
2015
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

Quando Werner Herzog vide Animal Love, Seidl d’annata 1995, disse di non aver mai guardato così direttamente dentro l’inferno. Così, una trilogia dedicata dal moralista austriaco al paradiso è puro paradosso. Presentato a Cannes 2012, primo di un trittico che comprende Faith (Venezia 2012) e Hope (Berlino 2013), Love racconta di un paradiso bassamente mondano, biecamente turistico:…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2014
2014
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2013
2013

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
8 stelle

Partendo da una delle asserzioni preferite dal regista  “l’inferno siamo noi”, nella trilogia del paradiso Ulrich Seidl documenta le possibilità apocalittiche a cui l’uomo moderno ricorre per cercare di interpretare il proprio destino. Paradise love, il primo capitolo, è quello dal contenuto più immediato, forse il più accettabile. Seidl però non è solo un regista portato alla…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
8 stelle

La trilogia del "paradiso" inizia con il grottesco titolo di "amore", primo capitolo del grande regista austriaco, che già con "Canicola", l'esordio del 2001, aveva messo in chiaro le cose: un cinema di corpi, pallidi e sfatti che fanno da controcanto alla stessa umanità, spesso borghese, razzista e sola, tremendamente sola. Un Haneke molto meno rigoroso, i suoi film si muovono in un ambito…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

Badu D Shinya Lynch di Badu D Shinya Lynch
8 stelle

"La corporeità, in tutti e tre i film si parla del corpo femminile, usato e abusato. Nel primo film,Paradise: Love, la protagonista Terese va in Africa per cercarsi un amante, perché il suo corpo non incarna più l’ideale di bellezza femminile. E’ lo specchio della nostra società che ci dà un diktat, ci propone una dittatura della bellezza ideale e chi non la incarna, specialmente se è…

leggi tutto
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

L'Africa affamata che ti aspetta al varco. L'ignaro turista forse un po' sprovveduto che si trova circondato - davanti ad un paradiso che vorrebbe raggiungere, toccare e vivere con le proprie emozioni interiori - da una folla di venditori invasati che come zombie ti accerchiano lentamente, cercando di proporsi ognuno con la sua mercanzia, tutta uguale e tutta inutile. Si viene in tal modo a…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
2012
2012

Recensione

AtTheActionPark di AtTheActionPark
8 stelle

Lo sguardo di Seidl è un rasoio che si abbatte sul mondo. La sua visione nichilista e annichilente estirpa dall’umanità anche gli ultimi brandelli di speranza. I suoi racconti hanno come fine ultimo proprio l’uomo, che si divincola tra falliti tentativi di pietà e gesti di abissale egoismo. Con Paradies: liebe, Ulrich Seidl realizza il primo di tre film che costituiranno una sorta di…

leggi tutto

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Quanto può essere squallido, noioso e primitivo il paradiso. Ulrich Seidl, undici anni dopo Canicola, ci porta in Kenya, dove naufragano i sogni d’amore di una turista austriaca in cerca di emozioni. Teresa, una corpulenta signora di mezz’età, abbandona la figlia adolescente e il gatto per partire da sola alla volta dell’Africa, al fine di concedersi una vacanza a sfondo sessuale.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 13 utenti
UNA TRILOGIA PARADISIACA

UNA TRILOGIA PARADISIACA

UNA TRILOGIA PARADISIACA Paradise: Love racconta il mondo del turismo sessuale in Kenya. Non senza umorismo, si mostrano donne in età avanzata che ricercano giovani accompagnatori, puntando l'attenzione sul valore di mercato che si attribuisce alla sessualità e il colore della pelle in un Paese in cui gli sfruttati non hanno altra scelta che trasformarsi in sfruttatori. Si tratta però solo del primo capitolo di una trilogia che il regista austriaco Ulrich Siedl dedica al tema delle "vacanze" di tre donne alla ricerca della felicità. Il secondo capitolo (Paradise: Faith) è incentrato... segue

Extra
2011
2011
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito