Espandi menu
cerca
Ruggine

Regia di Daniele Gaglianone vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 224
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Ruggine

di FilmTv Rivista
4 stelle

Sarà che il cinema di Gaglianone ruota da sempre attorno a un’idea di urgenza morale che già nel romanzo di Massaron emerge a fatica malgrado il tema forte della pedofilia; sarà che dopo il balzo in avanti di Pietro tornare a misurarsi a livello di struttura narrativa con quelle contorsioni temporali che opacizzavano I nostri anni e soprattutto il disgraziato Nemmeno il destino (di cui si riprende in parte anche il nodo della ricerca adulta di sé in un presente ostile, qui più banalmente motivato da un manualistico snocciolamento di traumi infantili ed elaborazioni della convivenza col Male) segna un riadagiarsi rinunciatario in meccanismi oliati; sarà che vedere affidati questi rovelli d’anima a volti “vendibili” e bravi (ma Timi orco sfora la misura) in ossequio a una produzione normativa ed export frena l’entusiasmo che si ebbe per le performance di non attori come Boccalatte e Franzo (nel primo film) o Pietro Casella (nel penultimo); sarà che, in spregio a quanto sono rifiniti nei flashback i rapporti tra i piccoli interpreti, la pedanteria e ripetitività delle situazioni in cui sono coinvolti i protagonisti cresciuti suona sorda (menzione speciale per i segmenti con Accorsi e il figlio, sul liminare della sopportabilità; ma anche per l’infelice didascalia dei contrasti fra la Solarino e gli insegnanti malpensanti…); sarà che ficcare a forza in colonna sonora il ribellismo trendy di Vasco Brondi (alias Le Luci della Centrale Elettrica) è una stonatura. Sarà. Fatto sta che calcolo e volontarismo pare abbiano da subito la meglio sulla buona fede. E che giù in sala arrivi poco o nulla. Il che, per un film che ha anche (giuste, per carità) aspettative commerciali, non va davvero bene.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 36 del 2011

Autore: Filippo Mazzarella

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati