Espandi menu
cerca
The Help

Regia di Tate Taylor vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 219
  • Post 21
  • Recensioni 1499
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Help

di steno79
6 stelle

Un onesto, ma un pò scontato film di denuncia che si inserisce nel filone del cinema di impegno civile con rivendicazione dei diritti per la popolazione afroamericana, ormai quasi completamente emancipata, ma che nel Mississippi del 1963 doveva subire ancora molti soprusi dalla buona borghesia bianca, che assoldava come cameriere le donne di colore. Tratto da un romanzo divenuto un bestseller di Kathryn Stockett, pubblicato in Italia da Mondadori, anche il film è stato un grande successo in America con un incasso di circa 170 milioni di dollari; da notare che sia l'autrice del libro che il regista Tate Taylor sono cresciuti realmente nella cittadina di Jackson nel Mississippi, e sono anche coetanei. Il film è gradevole, colorito al punto giusto, ma sembra arrivare un pò in ritardo perchè su questa tematica si sono già viste parecchie pellicole di maggiore impatto emotivo; qui la materia narrativa sembra piuttosto levigata e ammorbidita, all'insegna di un certo "buonismo" che vuole scuotere le coscienze ma non riesce ad andare fino in fondo alle radici della problematica, anche a causa di un eccesso di stereotipi in certe situazioni e personaggi, soprattutto nella terribile Hilly Holbrook di Bryce Dallas Howard, resa fin troppo caricaturale nel suo svenevole isterismo. La trovata della "torta al cioccolato con sorpresina" non mi ha particolarmente divertito e mi sembra che occupi fin troppo spazio nella seconda parte: la foga polemica in certi momenti fa perdere un pò l'equilibrio al regista-sceneggiatore, che comunque, almeno nella vicenda della matura Aibeleen (Viola Davis) e della sua amicizia con l'aspirante scrittrice Skeeter (Emma Stone), riesce quasi sempre a toccare le corde giuste. Nel cast, a mio parere, spicca senz'altro l'ottima interpretazione della Davis che è andata vicinissimo all'Oscar, affiancata da una Stone abbastanza convincente e da una Octavia Spencer straripante (a lei è andato un Oscar come non-ptotagonista, che comunque ci può stare); fra le altre, nessuna mi ha particolarmente entusiasmato, ma riconosco che la bionda svampita di Jessica Chastain è senz'altro più divertente della perfida razzista della Howard. Il finale è commovente, un pò ad effetto come tutto il film, ma senz'altro non sfigura.
VOTO 6/10  

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati