Espandi menu
cerca
The Artist

Regia di Michel Hazanavicius vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ROTOTOM

ROTOTOM

Iscritto dal 15 ottobre 2004 Vai al suo profilo
  • Seguaci 111
  • Post 21
  • Recensioni 549
  • Playlist 311
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Artist

di ROTOTOM
8 stelle

Il film più innovativo dell’anno è un muto, in bianco e nero, formato dello schermo 4/3. Sorprendente, deliziosa commedia The artist di Michel Hazanavicius che narra le vicende di un divo del cinema degli anni Venti alla vigilia della più grande rivoluzione tecnica del mondo delle immagini in movimento: l’avvento del sonoro. Rivoluzione che condannò all’oblio frotte di attori non in grado di trasmettere con la voce le stesse emozioni della recitazione enfatica tipica di quegli anni e causò la sospensione momentanea del linguaggio cinematografico.

La vicenda di The artist narra proprio questo, la caduta del divo George Valentin (Jean Dujardin) e successiva riabilitazione grazie all’amore per Peppy Miller (Bérénice Bejo) una piccola comparsa che grazie al sonoro diventa diva del nuovo cinema parlato.
E’ divertente e pieno di grazia, The artist, sinceramente appassionato nel cercare un recupero filologico il più coerente possibile, nell’era del digitale e del dolby surround, al cinema anni Venti. Ricco di trovate visive riassume in sè l'anima dell0inganno cinematografico per trasfiguare il trauma della trasformazione del divismo e conseguente perdita dell’innocenza del mondo dei sogni, il cinema etereo ed enfatico distante dalla realtà che si confronta con i suoni di un risveglio prepotente e radicale. Un sussulto violento di modernità che squassa contemporaneamente le vite al di qua e al di là dello schermo così, in un colpo di genio proprio del cinema, il suono irrompe nell’incubo di George Valentin che ode il rumore degli oggetti che gli cadono corrompendo il (suo) mondo che dei suoni fino ad allora aveva fatto a meno. George è al contempo spettatore e protagonista di quel mondo in cambiamento, sogni e sognatori devono reinventarsi e le nuove possibilità espressive ridefinirsi sotto altri canoni e percezioni.

E’ ovviamente un esercizio di stile il film di Hazanavicius, un compendio di specifiche e rimandi cinefili all’epoca  che si autocita adottandone le caratteristiche per descriverne l’umore e il clima. Il suono commenta le immagini sullo schermo con grande intelligenza e proprio la traccia sonora separa la Storia del cinema dal suo Mito, la minuziosa ricostruzione storica dalla sua rappresentazione. Straordinaria l’ultima scena, che finalmente divide l’epoca del muto da quella del sonoro con il lento carrello all’indietro che separa il set cinematografico dalla realtà. L’inganno viene scoperto, finalmente anche nel reale si odono le voci degli attori che solo pochi anni prima, anche nella loro realtà raccontata dal film, erano scandite dai cartelli. Necessario l’aggancio alle figure che hanno caratterizzato il periodo suggerendone le suggestioni passate, le anime di Buster Keaton, Douglas Fairbanks e di Rodolfo Valentino aleggiano nei set dai fondali dipinti, nella freschezza della messa in scena e nell’ingenuità vitale di uno spettacolo appena agli inizi della sua storia.   
Ruolo della vita per il comico francese Jean Dujardin,  che presta faccia e fisico ad un divo fragile e disperato in crisi con la propria identità. Nell’esistenza del divo decaduto non c’è  differenza tra palco, set e vita privata: le movenze sono le stesse, le espressioni e le passioni espresse secondo la medesima fisicità, connotando la piena corrispondenza tra la vita privata dell’ uomo e dell’artista proiettato nell’immaginario collettivo del pubblico. Bravissimi tutti gli altri attori, John Goodman, James Cromwell, Bérénice Bejo e il cane di Valentine , altro straordinario protagonista del film. Da non perdere assolutamente.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati