Espandi menu
cerca

Trama

Un weekend d'estate a Santiago, tra i problemi quotidiani di tre personaggi "ai margini"...

Note

Che cosa vuol dire vivere a Santiago? Sentirsi l'esistenza "addosso" in una città iperpopolata e, allo stesso tempo, percepersi alla stregua di alieni, troppo distanti dalla vita che si desidera. Questa inadeguatezza viene resa - cinematograficamente parlando - da una scelta registica fortemente atipica: Ruiz insiste sul rapporto cinepresa-attore trasformando la prima in un mezzo fisico debordante, presente allo streguo di un  evidente fastidio fisico sul viso dell'attore. La "coscienza dell'inquadratura" è il fine perseguito, in un cinema-verità che è vita e discorso rivelato insieme.  
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

OGM di OGM
8 stelle

Un andare allo sbando fatto di parole, e che attraversa gli spazi cittadini senza posarsi da nessuna parte. Nel primo lungometraggio portato a termine da Raul Ruiz, l’esistenza è un vagabondaggio del pensiero, che circola intorno al vuoto di idee, accarezzando le piccole casuali follie della mente. Nei luoghi in cui, come nel Cile della crisi economica e delle tensioni politiche, la libertà… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

emmepi8 di emmepi8
6 stelle

  Certamente questo film ha di base il concetto del cinema di Cassavetes, ci riesce? Diciamo che è falsamente criptico e di conseguenza cade nel tranello che il regista stesso aveva congegnato. Io amo il cinema di Cassavetes, ma certamente con questo autore si gioca a carte scoperte e con un cinema documentaristico dell'anima, si approfondisce lo sguardo verso un'umanità di… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

ed wood di ed wood
2 stelle

Ammetto di non essere un fanatico del cinema sudamericano, ma questo film di Ruiz è praticamente inguardabile. Un gruppo di borghesi pedinati dalla mdp, un po' come i "mariti" di Cassavetes. Tanti discorsi, tante parole a vuoto, il senso dell'opera che sfugge di fotogramma in fotogramma...Anti-cinema come se ne faceva spesso all'epoca, ma senza la radicalità di uno Warhol (tanto… leggi tutto

2 recensioni negative

2012
2012

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Un andare allo sbando fatto di parole, e che attraversa gli spazi cittadini senza posarsi da nessuna parte. Nel primo lungometraggio portato a termine da Raul Ruiz, l’esistenza è un vagabondaggio del pensiero, che circola intorno al vuoto di idee, accarezzando le piccole casuali follie della mente. Nei luoghi in cui, come nel Cile della crisi economica e delle tensioni politiche, la libertà…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti
2011
2011
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

emmepi8 di emmepi8
6 stelle

  Certamente questo film ha di base il concetto del cinema di Cassavetes, ci riesce? Diciamo che è falsamente criptico e di conseguenza cade nel tranello che il regista stesso aveva congegnato. Io amo il cinema di Cassavetes, ma certamente con questo autore si gioca a carte scoperte e con un cinema documentaristico dell'anima, si approfondisce lo sguardo verso un'umanità di…

leggi tutto
Recensione

Recensione

chribio1 di chribio1
1 stelle

girato male,sconclusionato in tutti i sensi con un b/n da mal di testa.voto.1.

leggi tutto
Recensione

Recensione

ed wood di ed wood
2 stelle

Ammetto di non essere un fanatico del cinema sudamericano, ma questo film di Ruiz è praticamente inguardabile. Un gruppo di borghesi pedinati dalla mdp, un po' come i "mariti" di Cassavetes. Tanti discorsi, tante parole a vuoto, il senso dell'opera che sfugge di fotogramma in fotogramma...Anti-cinema come se ne faceva spesso all'epoca, ma senza la radicalità di uno Warhol (tanto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito