Espandi menu
cerca
Miracolo a Le Havre

Regia di Aki Kaurismäki vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ethan

ethan

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 156
  • Post -
  • Recensioni 1596
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Miracolo a Le Havre

di ethan
7 stelle

(Miracolo a) 'Le Havre' è forse l'esempio più lampante di quanto nel titolo possa già contenersi uno spoiler bello e buono.

L'ultima fatica di Kaurismaki, ambientata in Francia, è, a tutti gli effetti, una favola con annesso e prevedibile lieto fine, per giunta doppio: tutti i personaggi  - eccezion fatta il delatore impersonato dall'attore feticcio di Truffaut e già sublime interprete del bellissimo 'Ho affittato un killer' Jean-Pierre Leaud - sono buoni nell'animo, persino il poliziotto dal cuore d'oro - molto diversi da quelli arcigni che popolavano il duro ritratto di una microstoria  di clandestinità come 'Welcome' di Philippe Lioret - che ha un ruolo ancor più decisivo del protagonista stesso, Marcel Marx, il quale mobilita tutto il quartiere per far si che il ragazzino clandestino scappi per ricongiungersi con la madre a Londra e anche le vicende familiari si sistemeranno in maniera imprevista ma nel migliore e più inaspettato dei modi possibili.

Il film ha il suo punto di forza nella galleria degli eccentrici caratteri di contorno - la barista, il fruttivendolo, il cantante rock azzimato - delineati con poche inquadrature e brevi dialoghi, ma, per contro, un'esangue prova di Kati Outinen nella parte della moglie malata di Marcel (Jean-Pierre Daroussin) e qualche caduta di ritmo sparsa in diversi punti della pur breve pellicola.

Per chi scrive un Kaurismaki minore. 

Voto: 7.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati