Espandi menu
cerca
Le amiche della sposa

Regia di Paul Feig vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ethan

ethan

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 156
  • Post -
  • Recensioni 1580
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Le amiche della sposa

di ethan
6 stelle

Spensierato e, a tratti, molto divertente, 'Bridesmaids' appartiene più alla scatenata Kristen Wiig, protagonista nei panni di Annie, e co-autrice dello script, nonché co-produttrice, che al regista Paul Feig, dal curriculum più ricco di serie tv che di regie cinematografiche.

Quindi, non è certo per un'impronta stilistica in cabina di regia che questa commediola verrà ricordata ma più che altro per la verve e la simpatia della Wiig, grazie ai suoi one-woman show da donna sulla quarantina, infelice sentimentalmente e dal futuro incerto anche dal punto di vista professionale (ha appena chiuso un'attività da pasticciera), che si ritaglia in più punti della pellicola, in particolare nei siparietti sull'aereo, in preda ai fumi dell'alcool, e in macchina quando, per attirare l'attenzione dell'intransigente agente di polizia innamorato di lei, commette infrazioni al codice della strada, una più assurda dell'altra e, su tutte, nella lite con una ragazza che vuole fare acquisti nel negozio dove lei fa la commessa e in cui tenta ogni volta di dissuadere gli avventori dal fare regali ai propri innamorati, sostenendo che le loro storie non dureranno a lungo.

Il film, al contrario, non funziona molto nel delineare le altre 'Amiche della sposa', dato che due di loro sono appena accennate e puramente ornamentali, mentre la prorompente Melissa McCarthy (candidata, un po' generosamente, all'Oscar come non protagonista) nel ruolo della futura cognata extralarge della sposa dalle maniere piuttosto rudi e volgari e la bella ma spocchiosa Helen (Rose Byrne) possedevano potenzialità che andavano maggiormente esplorate e la stessa sposa (la bruttina Maya Rudolph, compagna di Paul Thomas Anderson) è ridotta puramente a una figurina sbiadita, un vero e proprio 'MacGuffin', del quale nessuno, man mano che il film procede, si interessa del suo matrimonio, celebrato nel finale con una cerimonia tra le più pacchiane che si ricordino sul grande schermo.

Scult autentico nella scena scatologica nel negozio di abiti da sposa, in cui le donne sono 'vittime' degli effetti collaterali di un precedente pranzo consumato: risate a denti stretti!

Nota dolente: ultimo ruolo per la grande Jill Clayburgh, madre della protagonista Annie, a cui spetta una divertita citazione: rivolgendosi alla figlia, afferma ''Ho noleggiato 'Cast Away', con Tom Hanks, è come 'Forrest Gump', però ambientato su un'isola''.

Voto: 6,5.

 

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati