Espandi menu
cerca
L'uomo che piantava gli alberi

Regia di Frédéric Back vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 144
  • Post 16
  • Recensioni 9797
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'uomo che piantava gli alberi

di mm40
6 stelle

Trenta minuti per illustrare un racconto breve scritto nel 1953 dal francese Jean Giono, intitolato proprio L'uomo che piantava gli alberi. Un lavoro animato dalla forte morale ambientalista, ma non solo: nella consolante constatazione finale (la straordinaria condizione dell'esistenza umana, in grado di riportare la vita in una terra abbandonata e desertica) c'è anche un tocco di filosofia (ed etica calvinista, se si vuole: adoperarsi concretamente per raggiungere lo status di elezione divina) che non guasta; anzi, i toni sono talmente leggeri (la principale forza, ma anche limite del lavoro) che l'opera può facilmente definirsi una fiaba. Elzéard Bouffier, l'anziano protagonista, in realtà non è mai esistito: il racconto in prima persona dello scrittore - come da lui stesso dichiarato - è pura invenzione, frutto della sua fantasia, ma questo non sminuisce la portata del messaggio in esso contenuto. I disegni sono del regista, anche produttore, il tedesco naturalizzato francese Frederic Back; la voce del narratore è di Philippe Noiret, nella versione italiana il ruolo spetta ad Arnoldo Foà. Oscar 1988 come miglior cortometraggio d'animazione (premio che Back aveva già vinto nel 1982 per Crac). 6/10.

Sulla trama

Un pastore nel sud della Francia, ai piedi delle Alpi, pianta migliaia di querce in una valle deserta. Nel giro di una decina di anni in quella zona sorgerà una foresta.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati