Espandi menu
cerca
L'alba del pianeta delle scimmie

Regia di Rupert Wyatt vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Lord Holy

Lord Holy

Iscritto dal 21 febbraio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 36
  • Post -
  • Recensioni 505
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'alba del pianeta delle scimmie

di Lord Holy
8 stelle

L'eredità lasciata delle varie storie cinematografiche scaturite dal celebre romanzo di Pierre Boulle non era delle più felici, tanto per usare un eufemismo, scadendo al ribasso nel corso degli anni. Eppure ecco sbocciare a nuova linfa, inaspettata, l'occasione che sa trovare la giusta formula per restituire vigore a interesse nei confronti di questo "universo". Il motore della rivoluzione è in primo luogo da riconoscere negli straordinari progressi tecnologici della Weta, grazie ai quali diventa possibile conferire realismo alle spettacolari animazioni digitali, portando letteralmente in vita delle creature umanizzate credibili, traducendo le espressioni e le recitazioni dei rispettivi attori. Ma per fortuna non ci si è limitati soltanto a questo, risultato in sé comunque già meritevole d'eccellenza. A differenza di altri prodotti, che sono all'avanguardia negli effetti speciali trascurando però tutto il resto, qui si è cercato di dare senso e significato anche al contesto, al racconto e ai personaggi. Colpisce l'intensità degli sguardi del protagonista, è vero, ma senza un adeguato sviluppo del suo carattere, delle vicende cui partecipa e degli altri comprimari con cui interagisce, difficilmente si sarebbe potuta eguagliare l'affezione che invece sorge spontanea nei suoi confronti. Le tematiche saranno classiche, gli sviluppi bene o male intuibili, eppure il coinvolgimento non viene sminuito affatto e si seguono le scene con rinnovato piacere fino alla conclusione. Non stupisce allora che sia nata la possibilità di ben due seguiti, prima Apes Revolution - Il Pianeta delle Scimmie (2014) e poi un terzo titolo preannunciato per il 2017. Per me è stata una visione stimolante e ricca di spunti.

 

La trama

Will Rodman è uno scienziato che svolge ricerche sulla genetica per sviluppare un virus benigno in grado di ricostituire il tessuto cerebrale danneggiato. L'uomo intende individuare una cura per l'Alzheimer, malattia da cui è affetto il padre Charles. Quando le sperimentazioni sulle scimmie non sembrano sortire gli effetti desiderati e il programma viene interrotto, Will si trova a dover accudire un cucciolo di scimpanzé, chiamato Cesare. Il piccolo dimostra un'intelligenza e un comportamento cognitivo incredibili, tanto da indurre Will a proseguire i test in segreto. Ma i traguardi raggiunti saranno destinati a far precipitare lui e l'intera razza umana verso il disastro...

 

La regia di Rupert Wyatt

Vince una scommessa non facile nel riuscire a rilanciare una saga data pressoché per morta.

 

Gli interpreti

James Franco

Dottor William "Will" Rodman. La sua prova è dignitosa e appropriata.

Andy Serkis

Cesare. Il cuore pulsante del film è suo. Straordinario, plauso ampiamente meritato.

 

La colonna sonora

Sopraffina è la musica di Patrick Doyle, come la sua rinomata carriera è lì a dimostrare. Stavolta l'intento specifico era l'essere capaci di avanzare la narrazione durante l'assenza dei dialoghi. L'obiettivo viene conseguito con successo e l'esito si apprezza con molto piacere.

 

Cosa cambierei

Direi niente.

 

 

scena

L'alba del pianeta delle scimmie (2011): scena

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati