Espandi menu
cerca
L'alba del pianeta delle scimmie

Regia di Rupert Wyatt vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 216
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'alba del pianeta delle scimmie

di FilmTv Rivista
6 stelle

Rupert Wyatt, regista inglese del pregevole Prison Escape (passato al Festival di Torino come The Escapist), è già stato promosso al blockbuster Usa ma tiene i piedi per terra. Il suo si conferma un cinema di genere solido, capace di immagini dal respiro epico senza risultare tronfie. L’ascesa delle scimmie, del resto, non può avere altri toni: il primate protagonista sfugge all’eccidio come Mosé e Gesù, si chiama Caesar, attraversa un calvario di vessazioni e si erge a profeta della sua gente contro l’oppressore portando all’evoluzione della specie. Niente più paradossi temporali bensì esperimenti genetici a raccontare la nostra obsolescenza, ma non è questo l’aggiornamento che colpisce in L’alba del pianeta delle scimmie quanto la straordinaria umanità di Caesar raggiunta con la performance capture Weta - la stessa utilizzata per i Na’vi di Avatar – e l’interpretazione di Andy Serkis, virtuoso di questa tecnica dai tempi di Gollum in Il Signore degli Anelli. Con occhi profondi, verdognoli e tristi, risulta quasi più umano di Will (comunque ben interpretato da Franco). Impossibile non provare un brivido di fronte alla possanza di queste scimmie, che solo passando tra le fronde generano una pioggia di foglie, e non tifare per loro quando si battono contro uomini dotati di armi ben superiori. Infine una scena durante i titoli di coda regala gli ultimi brividi e ci accompagna fuori di sala pregustando già il sequel.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 39 del 2011

Autore: Andrea Fornasiero

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati