Espandi menu
cerca
Una separazione

Regia di Asghar Farhadi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

pippus

pippus

Iscritto dal 25 novembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 141
  • Post 5
  • Recensioni 110
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Una separazione

di pippus
6 stelle

Incuriosito dai premi conferiti a questo film dell'iraniano Farhadi, in primis l'Oscar al miglior film straniero del 2012, non mi sono perso la prima occasione di trasmissione in tv.

Inizio ad effetto con ripresa frontale sui due coniugi che si alternano davanti all'obiettivo  per esternare le loro ragioni al giudice che dovrà dirimere la loro separazione.Sceneggiatura meticolosa ed accurata nei minimi dettagli, riprese prevalentemente a mano e praticamente tutte in interni ( in casa, ospedale, tribunale ed in auto). La vicenda, piuttosto particolare e non convenzionale per le nostre abitudini, ruota intorno agli affanni del bancario Nader trasparente e progressista cittadino di un Iran che vorrebbe chiudere con gli anni bui per osare un occhiolino, seppur di modesto profilo, all'occidente. 

Occorre una premessa: le motivazioni da lui  riportate al giudice sono più che comprensibili e, penso, condivisibili da ogni persona dotata di senno ed a ogni latitudine. Quello che non a tutte le latitudini probabilmente verrebbe accettato è la gestione della seconda vicenda, tragedia nella tragedia di questa tragicommedia neorealista del quasi assurdo ( a conforto di ciò, si evidenzia una poco razionale  successione di eventi legati tra loro da un'effimera quanto labile traccia tipica del teatro dell'assurdo). Premessa a parte, alcuni hanno recepito nel corso delle vicissitudini narrate un atteggiamento da parte dei vari personaggi assolutamente cristallino senza ombra di malafede; io relativamente a quest'aspetto qualche remora  l'avrei, ad esempio, Razieh inizialmente tenta di approfittare della situazione ( pur con tutte le attenuanti del suo status psico/fisico) e solo in un secondo tempo sente gli scrupoli originati dalla coscienza e dalla paura di un opaco giuramento sul Corano.

Non credo proprio, almeno lo voglio sperare, che da queste parti accetteremmo le farneticazioni del frustrato marito di Razieh con la stessa rassegnazione. Altresì reagiremmo diversamente alle arbitrarietà assurde del giudice senza ( a quando ci è dato di vedere) l'ausilio di un difensore. E' impossibile non provare un seppur basso dosaggio di fastidioso nervosimo nel corso di alcune sequenze alternato peraltro a pillole di simpatia per il nonno e le due ragazze, la più piccola figlia di Razieh e l'altra di Simin ( quest'ultima, Tehrme,  è interpretata da Sarina, figlia del regista), vittime entrambe delle vicissitudini genitoriali.

Film certamente da vedere sia per la valenza culturale del contesto (scarsamente noto ai più) che evidenzia in particolare le differenze tra il loro e il nostro status femminile, sia per l'eccellente performance dell'intero cast.

Confesso una certa delusione nel finale, mi aspettavo a contorno dell'epilogo giudiziale con l'altra famiglia almeno un patteggiamento tra Nader e Simin se non altro per la figlia ( come la saggezza avrebbe dettato viste anche le non insormontabili cause dei dissapori ), invece no. Si conclude tornando allo stesso punto d'inizio, tribunale, giudice e, in più, le lacrime di Tehrme. Peccato, forse realistico ma sconfortante.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati