Espandi menu
cerca
Il cavallo di Torino

Regia di Béla Tarr vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 171
  • Post 119
  • Recensioni 547
  • Playlist 184
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Il cavallo di Torino

di mck
10 stelle

La Fine del Mondo (meglio: dell'Umanità)? Pensavo peggio. Spoiler (sulla Vita): muoiono tutti, alla fine.

 

Brutti, sporchi e cattivi.

 

Povero Nice, e povero anche il cavallo.

 

 

--- prologo ---

 

- the wind - körkarlen (il carretto fantasma) - Victor Sjöström - 1928 / 1921

 

" i signori della corte " - Nobraino

 

Alla luce dei fatti di cui sono a conoscenza

posso dire con certezza di non essere più pazzo di un cavallo,

al limite più bello, ammessa dimostrabile la pazzia dell'animale già citato

da me considerato spesso metro di misura per mentali inefficienze...

 ...umane deficienze.

All'epoca dei fatti ero un grande sognatore della razza che la vita la vivono col cuore,

descrivevo con disprezzo la società del capitale e l'amarezza del sudore,

  il puzzo del sudore. [...]

 

" the best of " Nobraino - 2006

 

1° ( di 30 ) piano sequenza :

Vento di polvere e nebbia, alberi spogli e conifere stente ad additare il cielo come fuga impossibile, erba secca in riposo e stoppie.

Nel piano sequenza in mezza orbita pendolare, piccoli zoom. Poi, la musica d'archi d'intimità spaziale ed indifferenza amniotica di Mihály Vig va spegnendosi per lasciare il posto ad un ultimo momento di rumore col trottar di zoccoli ed il ciottolar delle ruote del carretto.

La steppa magiara e la brughiera briantea, che si, tutto il mondo è 'paese', e tanto mi ricordano le lande della mittle-est europa attraversate dal cavallo da mezzo tiro leggero-pesante col carretto e cocchiere i 'miei' paesaggi qui tra mediolanum e la valle del ticino : campi arati ed incolti, solchi di fango, macchie di bosco...

 

 

--- I° giorno ---

 

1° piano sequenza :

 

- une histoire de vent - Joris Ivens - 1988

 

Cancelli faac, carburante a 2 €/lt. Un silenzio attenuato nella stalla-box, la scorta di fieno.

 

2° : padre vedovo e menomato, figlia orfana e zitella.

Certo, certo, è meglio adess'ora e qui, col focolare elettrico-catodico-monolite luminoso di cristalli liquidi-calor freddo a led-ombre al plasma di mariadefilippi ed il riscaldamento centralizzato e doppi e tripli vetri piuttosto che un brullo paesaggio fuori dalla finestrella per riposare un poco la mente ed acquietare i pensieri, che tutto quel vento di foglie secche e terreno arido dormiente non te li strappa via : non ti rimane altro che cercare di non specchiarti. Tra la stufa e il camino, il forno e i fornelli, il lavabo e il lavandino.

- madre e figlio - alexander sokurov - 1997

 

3° piano sequenza :

 

- i mangiatori di patate - olio su tela - Vincent Van Gogh - 1885

- the gold rush - Charles Chaplin - 1925

 

Un baule di patate.

 

4° : lume ad olio. Che i tarli allo stadio larvale non fanno rumore mentre mangiano il legno scavando nel legno ma sono le forme finali d'altre famiglie di coleotteri più grandi che disturbano durante i rituali d'accoppiamento percuotendo il legno con l'addome o per sfuggire al pericolo dei predatori con un salto a scatto post tanatosi.

" Ogni tanto...una tegola cadeva..." : una volta mentr'ero in macchina a 30 km/h in zona  a traffico limitato del centro storico del mio paese una tegola, complice il peso della neve sul vecchio tetto, cadendo mi ha mancato il parabrezza anticipandomi di poco : edificio antico, tetto vecchio, primo piano e piano terra ristrutturato da una banca insediata.

 

 

--- II° giorno ---

 

" la terra è bassa " - il muro del canto

 

Se voi campare sotto a 'sto tetto / me disse mamma tutta de petto

valli a sudare 'sti quattro stracci / e poi ritorna se voi magnà.

Er vino bono costa cinquanta / quello discreto ne costa trenta

er vino nostro nun costa 'n cazzo / ma te da 'n testa e fa cantà.

Oggi ho sudato abbastanza / e mo vojo beve / mo vojo cantà. [...]

 

1° :  - dogville / manderlay - lars von trier  -  acqua dal pozzo

 

2° :  - cristo morto - tempera su tela - andrea mantegna - (1475-) 1478 - brera

 

3° piano sequenza :

risveglio, rivestizione, imbrigliatura, ri-partenza / falsa partenza.

Insistere. Persistere. Rinunciare.

Il carro ed il cavallo sganciati riportati nella stalla, PdV opposto alla 'prima' precedente volta.

 

4° :  risvestizione.

 

5° :  ciocchi di legno, allora. Ed il bucato a mano. Acqua calda di fuoco e vapore col legno già tagliato della volta scorsa. La lavatrice verrà. La lavastoviglie a ruota.

 

6° :  patate come colazione, pranzo e cena. Prospettiva opposta rispetto alla volta scorsa : dopo lui, lei in piano medio a mangiare. Patate come colazione, pranzo e cena. Me lo hanno solo raccontato. Viver di patate. Lo so, ma non me lo posso immaginare. "che sia una bella cosa, una lieta meraviglia, / che ancora non ci abbia toccato ne guerra, ne miseria". Le mie nonne i miei nonni li ho in gloria : g.l.ferretti.

 

7° piano sequenza:

 

- Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi :

  - Oh ! Uomo ( 2004 ) http://www.youtube.com/watch?v=8cKtOWAaTpI

  - Su tutte le vette è pace ( 1998 )

- Gain (sporco denaro) - Richard Powers - fanucci

- Sia lode ora a uomini di fama - James Agee / Walker Evans

- le Armonie di Werckmeister - Tarr Béla - 2000 ( la danza ubriaca delle orbite planetarie )

 

- " S'è subito impoverito tutto ciò che loro hanno acquistato. Hanno comprato tutto e hanno ottenuto ogni cosa con una lotta subdola e meschina : di conseguenza hanno impoverito tutto. Prendere possesso e screditare, svalutare e possedere. Sondare, screditare e poi ottenere. O sondare, acquisire, per poi screditare. Va avanti così da secoli, a volte in modo subdolo, a volte con la violenza, a volte con la dolcezza, a volte con la forza bruta. Ma è sempre andata così : sempre nella stessa direzione : con un vile attacco alle spalle [ altan ]. Il cielo è già loro e anche tutti i nostri sogni. Loro è il presente, la natura e il silenzio infinito. Anche l'immortalità è loro : tutto è perduto per sempre ! Non esiste ne dio ne altri dei. Bisogna capirlo ed accettarlo...bisogna crederlo...storditi e rassegnati...ma è difficile comprenderlo...scintilla/illuminati : non esiste ne dio ne altri dei = (???) = non c'è ne bene ne male. Eterna parte sconfitta, estinti e svaniti come braci arse in un campo, eterna parte vittoriosa ( evoluzione - biodiversità - catena alimentare ). Sconfitta e vittoria ".

- " Shut up ! Bullshit ! "

 

 

--- III° giorno ---

 

[...] A diciott'anni ho preso moje / è stata 'n fiore pe' quarant'anni

lo scorso mese lei se n'è annata / m'ha detto amore nun te fermà.

E chi se ferma nun è perduto / magari è stanco / disamorato

io so' 'n sordato de vecchio stampo / la terra è bassa pe' lievità.

Oggi ho sudato abbastanza / mo vojo beve / mo vojo cantà. [...]

 

1° : acqua dal pozzo, vento, foglie e polvere, terra nuda.

Acqua dal pozzo : che sennò ( dilagante univerbazione internet - ex de reditu analfabetizzazione ) non bevi, non cucini, non mangi, non pulisci e non ti lavi. Non campi.

 

2° : vestizione. cicchetto. nature morte di giorgio morandi di stoviglie di vetro e legno.

 

3° : letame. fieno. " non mangia " - il cavallo - " mangerà ".

 

4° : patate : dopo il campo-contro campo di 180° a distanza di piano sequenza e di giorni, ecco un movimento angolare sul piano terrestre di 90°, avantindietro - DX/SX - sens'orario/antiorario : lui E lei di fronte, di profilo : il padre si fionda sulle patate bollenti e fumanti, si ustiona polpastrelli, labbra, lingua, palato ed esofago. La figlia, invece, le lascia raffreddarsi. La fine è la medesima.

 

5° piano sequenza :

hellman, leone, j.ford, unforgiven, heimat, underground.

arrivano gli zingari ( antonio moresco - zingari di merda - effige - 2008 ) con un carro a doppio tiro affiancato. " Siamo di passaggio. Torneremo. La terra è nostra. L'acqua è nostra [ di tutti, si...]. /// . Questo è per l'acqua " : due monete ? "Un" "L"ibro. "Il" "L"ibro.

 

6° :  -  la balia - marco bellocchio  :  col dito segue le parole scritte inseguendo quelle pronunciate, ma io preferisco sempre :

i Numeri :

33, 50-56 : ^^^ 50 Il Signore disse a Mosè nelle steppe di Moab presso il Giordano di Gerico: 51 «Parla agli Israeliti e riferisci loro: Quando avrete passato il Giordano e sarete entrati nel paese di Canaan, 52 caccerete dinanzi a voi tutti gli abitanti del paese, distruggerete tutte le loro immagini, distruggerete tutte le loro statue di metallo fuso e distruggerete tutte le loro alture. 53 Prenderete possesso del paese e in esso vi stabilirete, perché io vi ho dato il paese in proprietà. 54 Dividerete il paese a sorte secondo le vostre famiglie. A quelle che sono più numerose darete una porzione maggiore e a quelle che sono meno numerose darete una porzione minore. Ognuno avrà quello che gli sarà toccato in sorte; farete la divisione secondo le tribù dei vostri padri. 55 Ma se non cacciate dinanzi a voi gli abitanti del paese, quelli di loro che vi avrete lasciati saranno per voi come spine negli occhi e pungoli nei fianchi e vi faranno tribolare nel paese che abiterete. 56 Allora io tratterò voi come mi ero proposto di trattare loro».

...attraverso una cerimonia di penitenza le ingiustizie verranno lavate (a secco) ... il mattino diverrà notte...e la notte avrà fine...

 

 

--- IV° giorno ---

 

[...] La terra è bassa / la vita è storta / e ar camposanto poi nun se canta

               allora campo a testa arta / senza illusioni / senza pietà.

 

                      " l'ammazzasette " - il muro del canto - 2012

             {   http://www.youtube.com/watch?v=wOVUjaaHlLQ   }

 

1° :  rintuzzare, Alimentare il Fuoco, oltre che se stessi.

Aprire l'uscio. Uscire al vento. L'acqua dal pozzo.  Dove molti avrebbero tagliato a sfumare o a nero con un'ellissi ( ma in questo caso è insensato anche solo pensarlo, considerarne la possibilità ) questa volta invece la Reiterazione del Gesto solito e necessario, la Ripetizione dell'Azione quotidiana, viene ripresa con un PdV che rimane sulla soglia della capanna-baracca-abitazione-casa.  Ma ecco che ... ... ... Una visione di puro terrore : prima da lontano, attraverso la percezione della reazione di lei a ciò che ha visto/non ha visto nel pozzo, da lontano noi la guardiamo vedere e reagire... Poi, l'orrore  : la MdP compie anch'essa un gesto, un'azione, ripete il percorso degli occhi di lei : ecco l'impronta umida residua dell'acqua svanita, scomparsa, l'alone rimasto sulle pietre del fondo del pozzo seccato, prosciugatos'in faglia superficiale : il pozzo. Secco. Il pozzo secco.

 

2° :  letame. fieno. spala il letame, inforca il fieno.

- damien hirst - cavallo corpse inri e  vacca sezionata in plexiglass ( tarsem - the cell - cavallo ).

" Perchè non mangi ?!? ". Questa volta la MdP in steadycam rimane sul cavallo.

 

3° :  preparativi per la partenza, l'esodo, la transumanaza umana, la fuga, il viandare.

- john steinbeck - of Mice and Men / the Grapes of Wrath

- william faulkner - the Sound and the Fury

 

4°  :  se ne vanno. Lei tira il carretto, Lui s'appoggia, il cavallo sta a ruota.

Potrebbe andare peggio, potrebbe piovere.

Potrebbe andare meglio, potrebbe piovere.

 

5° :  il 7° sigillo, brecht e beckett, e pure g.b.shaw

( spesso ci si attacca alla fede come al tramonto ai lumi ad olio, non per farsi illuminare ma per scacciare la paura e l'ignoranza di tutto quel buio ),

toh, parafrasato all'uopo. Ed e.l.masters : procedono, procedono in crest'alla collina.

f.w. Murnau e r.j. Flaherty. Ciprì e Maresco.

I tre sulla cresta della collina la percorrono scomparendo oltre la curva dell'orizzonte - nooooo, non è finito il film !!! - e non resta che un b/n di verde...marrone e azzurro...grigio. Poi, altra immagine tremenda e terribile, ...incomprensibile... e proprio per questo terrorizzante e terrifica, eccoli che ricompaiono...?!?!?...ritornanti sui loro passi a ritroso inversi, passo su passo dopo passo.

Perchè ? Che cosa è apparso - o non apparso - loro ?

 

6° :  smonta, ripiega, riponi.

Porta, muro, finestra, volto.

La facciata della casa, una porta sulla sx ed una finestra sulla dx. Nella finestra, 'poggiato' al davanzale, un viso.

Gli elicotteri di Short Cuts a fare Vento, come quelli di Escape from L.A. o FMJ : spegni tutte le luci, Snake, gli ultimi fuochi sul fiume dei profumi.

- Satantango - Tarr Béla - 1994

 

 

--- V° giorno ---

 

" quanto sete brutti " - il muro del canto

 

Ma quanto sete brutti / a la mattina presto

ve guardo e sgrano l'occhi / pe' quanto sete brutti

s'è messo pure a piove / e 'r cielo pare dica

a li mortacci vostra / ma quanto sete brutti.

 

E nun sarebbe 'n dramma / se foste solo brutti

ma sete pure stronzi / vijacchi e farabutti

e ve somija tutto / er posto a ndo abitate

e ve la meritate / la gente che votate.

 

E me domanno solo / ma chi v'ha disegnato ?

Nun s'è sputato 'n faccia ? / Dopo che ha fatto er danno

se è vero che v'ha fatto / a propria somijanza

mica sta messo bene / dev'esse proprio brutto. [...]

 

1° :  la norma, anche durante l'apocalisse, la rivoluzione, lo spegnersi, il cambio di stato delle cose.

 

2° :  atom earth mother / all the pretty horses-no country for old man-the road ( acciarino, un fuoco da campo, tramandare il fuoco : almeno v'era una speranza ) : 30" di pp. p. al cavallo, un addio.

 

3° :  in balía di Faust - a.sokurov

Olmi, Piavoli, Brenta, Diritti : addio vita. Nulla serve, tutto domina, niente...

Nonostante tutto, niente.

...dardenne, bertolucci : NoveCento, dumont, haneke...

"4 5 6" cono d'ombra ( the show must go off ).

 

4° :  eclipse, satan... black hole, ...tango, dark matter, dis-importanza, ri-?-generazione, ent...ro...p...i... ...a...

...e tenebra fu, d'acchito.

Artigianato e scienza, industria in serie e oggetto d'arte, attesa e ricerca.

S'ostin'a spegnersi. Stanno proprio cambiando le leggi fisiche, mutano mentre ci si avvicina all'Orizzonte degli Eventi.

- Melancholia - lars von trier - 2011

- 4:44 Last Day on Earth - abel ferrara - 2011

Respira, Inspira, Espira e Spira.

L'ossigeno che abbiamo in corpo nei polmoni ( l'ossigeno è vita ma è corrosivo come solo l'acqua, il più potente diluente, l'ossigeno è vita ma donandoci la vita ci Consuma, consuma, consuma : fossimo invece che di Carbonio di Silicio, come tutta quella sabbia e terra secca e polvere incessante, saremmo immortali ) soffiato sulle ultime braci non reagisce più al loro calore residuo ( il castello errante di Howl, la red (green) room di Hal, come il principe in Falstaff, altri compagni di mezzanotte...in anticipo, che fuori nel cielo blu tutto è nero, nero, e freddo, anche se adesso...è calato il vento...anche il vento...), a nulla serve soffiarvi sopra. A un dio senza fiato / non credere mai.

A questo punto HO ACCESO LE LUCI, che potevo.

 

 

--- VI° giorno ---

 

                           [...] Ma quanto sete brutti

voi sete er risurtato / de secoli de preti / de ladri e de mignotte

             ma quanto sete brutti / a messa e alle partite

             cantate tutti 'n coro / ma manco ve guardate.

 

              Ma quanto sete brutti  /  e io ve odio a tutti

              perchè voi sete brutti  /  vijacchi e farabutti.

 

Ma nun ce l'avete li specchi dentro le case vostra ? No eh ?!

                L'avete rotti tutti pe' quanto sete brutti...

 

             " l'ammazzasette" - il muro del canto - 2012

   {    http://www.youtube.com/watch?v=r8FOwKXFT94    }

 

 

1° ed unico piano sequenza :

-- film - samuel beckett, buster keaton, alan schneider, boris kaufman - 1964

-- dog star man / the Act of Seeing with One's Own Eyes - stan brackage

Infrarossi ( sogno EWS : almeno v'era una sciarada di speranza : fuck! ) : il tubero è crudo : come zombie i gesti sono automatici, un ricordo latente di quando avevano un senso, una funzione, uno scopo.

-- 2001 : a Space Odyssey - 1967-'69

Niente finisce, nulla termina, tutto re-inizia.

Reset. ReBirth. Ma non sarà Homo s. sapiens. Lo StarChild (ri)avrà la coda...

-- Au Hasard Balthazar - robert bresson - 1966

Congedo al mondo.

 

 

offlaga disco pax - " sequoia " - gioco di società - 2011

 

... " che sia una bella cosa, una lieta meraviglia,

che ancora non ci abbia toccato ne guerra, ne miseria "...

 

[ cit. da "tannomai" - ustmamò ]

 

 

La luce che verrà in sostituzione sarà quella della F.I.A.T. (fabbrica italiana automobili torino ), fiat lux, e quella dell' Istituto Luce, dal fascismo al Museo del Cinema nella Mole Antonelliana. Verrà la guerra, tornerà. Meglio che...meglio che...

" non c'è nessun dopoguerra " - wu ming / yo yo mundi

 

 

--- epilogo ---

 

1° ( ed ultimo di 30 ) piano sequenza :

la riproposizione dell'estinguersi.

 

- tarr béla - ...cor monno ho chiuso ormai...g'ho sera' sù...

 

life for dummies

mutter, ich bin dumm

 

...il vento s'è spento, la calma piatta ha preso il sopravvento. Com'era bello andar di bolina : ce lo possiamo scordare adesso : un ultimo sguardo alla malinconia, che il rimpianto c'ha lasciati per primo.

 

La luce disappare, il resto consiste di freddo. Rimanesse qualcuno, almeno, solo per non vederci ed indicarci col dito sghignazzando...

 

...a me quel lume che proprio Non Ce La Fa a non cedere il passo m'ha soccorso una gran voglia di sfregare tra loro due legnetti posti sopra un po' di paglia secca messa s'un tronchetto cavo e...cos'è ? una brace ? del fumo ? ci soffio sopra...guardo...cosa vedo ? un fuoco pallido, fatuo...scintille sulle retine o reali ? un Principio di Combustione, o ipossia ?

 

wie komme ich nach house/home zuruck

 

" sentiva la rotazione autolubrificata della terra sotto di sé e la sorsata d'acqua nello stomaco fredda come quando l'aveva bevuta " - cormac mccarthy - suttree - 1979

 

" tutti i mezzi grazie ai quali sinora l'umanità ha dovuto esser resa morale, erano fondamentalmente immorali " - friedrich wilhelm nietzsche - crepuscolo deli idoli - 1888

 

E il 5.044.300.000.000° giorno dio ne ebbe abbastanza.

I nostri eroi, i superstiti, oltre il dosso collinare a schiena d'asino che opprime e dischiude l'orizzonte, il collassare della prospettiva all'infinito, ben oltre il pozzo secco della falda prosciugatasi e degli occhi cisposi di polvere e per la liofilizzazione della speranza, recedono dal loro intento ( e ancora : cos'è apparso - o non apparso - loro ? ). Cinema ''inarrivabile'', meta irraggiungibile.

Galoppo, trotto, tiro, passo, stanchino, abbeverata. Non ce n'è. E allora crepa. Bella sudata, comunque, vero ?

 

L'ho rivisto due volte di seguito e la 2a volta è stata pure meglio, ma due bastano per dare una 2a possibilità all'umanità...Ho cercato di essere cronometrico come nel saggio di A.Verrecchia ( già citato da MdelCampo e WinniedP ) su " La Catastrofe di Nietzsche a Torino " einaudi 1978 - bompiani 2003 ( quest'ultima purtroppo con prefazione (d'altronde c'ha la sorella che Panta) di v.sgarbi ), che ho potuto sfogliare solo di sguincio...come la figlia del vetturino...

 

...e Richard Dawkins ( mentre il Globo è solo (l'-)un'appendic(it)e di South Park...) =

 

Commento alla fine del mondo : avete uno stagno, una vasca per i pesci interrata, in giardino. Un giorno ci casca dentro un seme di giglio d'acqua, una selvatica semi-"infestante". Entro 30 giorni lo specchio d'acqua sarà completamente ricoperto dalla vegetazione e l'eutrofizzazione completa : niente più luce  e niente più ossigeno, niente più nulla. Ecco, se vi dovessi chiedere in quale giorno dei trenta ci trovassimo quando il laghetto fosse ricoperto per metà ... e quindi si potrebbe anche pensare che ci sia ancora tempo per porre un rimedio alla faccenda, voi rispondereste... 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati