Espandi menu
cerca
I Tre Moschettieri

Regia di Paul Anderson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Lord Holy

Lord Holy

Iscritto dal 21 febbraio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 37
  • Post -
  • Recensioni 505
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su I Tre Moschettieri

di Lord Holy
8 stelle

Non male, temevo decisamente peggio. Un'ostentata infedeltà all'opera di Dumas, tanto da divenire persino un vanto, grazie ad un tono scanzonato ed (auto)ironico che giova al tutto, anche perché un qualunque confronto con l'originale sarebbe altrimenti risultato suicida e impietoso. La verosimiglianza storica cede il passo alla fantasia tecnologica e moderna videoludica, ma è evidente che in realtà il film non si prende affatto sul serio (per fortuna!), allestendo una dilettevole parodia di alcuni cliché d'azione degli ultimi anni, con il surreale ma proprio per questo squisito e irresistibile contrasto con la Francia del XVII secolo.
Puro intrattenimento, in sostanza, in grado di trascinare e avvincere con un ritmo costante, una narrazione rapida ma efficace per il genere scelto, trama e personaggi che funzionano laddove il carisma è ovviamente derivato dal capolavoro cartaceo. Ecco, a patto di scollegare il cervello e cercare di godersi un momento di sana evasione, non ci si troverà costretti a rimpiangere la fonte, perché tutti i meriti sui contenuti sono da attribuirsi al grande romanzo di Alexandre Dumas, capace di storie eccezionali e protagonisti memorabili. La "forma" che caratterizza questo film può invece scandalizzare e lasciare interdetti, ma a me è piaciuta, per la spumeggiante e coraggiosa originalità.
Obiettivo ancor più centrato se saprà incuriosire nuovi giovani e iniziarli alla lettura del libro.

Sulla trama

Sono conosciuti come Athos, Porthos e Aramis, tre combattenti d'elite che servono il Re di Francia come i suoi migliori moschettieri. Dopo aver scoperto una cospirazione per rovesciare il trono, i moschettieri si imbattono in un giovane aspirante eroe, D'Artagnan, e lo prendono sotto la loro ala protettiva. Insieme, i quattro affrontano una pericolosa missione per far luce sul complotto che minaccia la Corona, ma anche il futuro dell'Europa.

Sulla colonna sonora

Vero pregio del film, le musiche di Paul Haslinger sono una gioia per le orecchie. Suggestive e coinvolgenti, è un piacere ascoltarle. Complimenti, sul serio, un voto in più soltanto per queste. Notevoli.

Cosa cambierei

Di trasposizioni cinematografiche sul tema se ne sono alternate tante. Questa ha il merito di inoltrarsi in sentieri mai osati prima (probabilmente per delle valide ragioni) ed io sono riuscito ad apprezzare il tentativo. Nulla di eccezionale, ma mi ha soddisfatto.

Su

La sua passione per i videogiochi sconfina e risulta fin comica oppure stucchevole, a seconda dei punti di vista. O si ama o si odia, perché è illusorio il ritenere di poterla guardare e riuscire nel contempo ad ignorarla.

Su Milla Jovovich

Una Milady de Winter ai limiti del paradossale. Indomita!

Su Orlando Bloom

Discreto il Duca di Buckingham, ma forse si poteva pretendere di più.

Su Logan Lerman

Tutto sommato non mi è dispiaciuto questo D'Artagnan sbarazzino. Attore più in parte rispetto ad altri ruoli.

Su Matthew Macfadyen

Un Athos senza infamia e senza lode.

Su Christoph Waltz

Il suo Cardinale Richelieu è forse il più fedele all'originale. Ottima interpretazione.

Su Mads Mikkelsen

Sempre adatto a tali personaggi, dunque anche Rochefort è convincente.

Su Ray Stevenson

Credo che Porthos possa essere considerato il migliore dei Tre Moschettieri. Buono.

Su Juno Temple

Brava come Regina Anna, dal giusto carisma.

Su Luke Evans

Discreto Aramis.

Su James Corden

Planchet è tra i più divertenti.

Su Gabriella Wilde

Incantevole Constance Bonacieux.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati