Espandi menu
cerca
L'enfer d'Henri-Georges Clouzot

Regia di Serge Bromberg, Ruxandra Medrea vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 168
  • Post 119
  • Recensioni 531
  • Playlist 170
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'enfer d'Henri-Georges Clouzot

di mck
8 stelle

StairWay to Heaven.

 

" Il Cinema è risolvere problemi "

                                                    - Stanley Kubrick -

 

" Il Cinema [...] è la cosa da fare "

                                                    - Orson Welles -

 

 

Le riserve sulla resa del risultato realistico del filmare un atto sessuale ( the Other Side of the Wind di Welles, e : EWS, von Trier ( Idioti, Manderlay, Antichrist ), Shortbus...) e/o quello di pregare ( " Léon Morin, Prêtre " di Melville, e : Bresson, Dreyer, Malick...) di Orson Welles sono qui prese in esame, in minimo anticipo - in contemporanea ( Cahiers du Cinema n.165 - 1965 ).

 

Come per Kubrick il Lavoro sul Napoleon è andato a spagliarsi in Barry Lyndon, così per Clouzot gli anni dedicati a l'Enfer si sono estrusi ne la Prisonnière.

 

Columbia Pictures : " Budget Illimitato ! ".

Lavorazione prevista : 4 mesi, 18 settimane, 120 giorni...

 

Tutti nell'hotel sotto al viadotto ferroviario in riva al lago artificiale ( una Piscina, J.Deray, '69, ancor più torrida ) che da lì a tre settimane verrà svuotato progressivamente per alimentare la centrale elettrica e dare corrente alla regione : OverLook... Oida...

 

Direttori della Fotografia e Operatori alla Macchina :  Armand Thirard (Quai des Orfèvres, Manon, le Salaire de la Peur), Claude Renoir (le Mystère Picasso), Andreas Winding, Florent Dumaitre, Louis 'bordo quadro millimetrico' Née ( la Passion de Jeanne d'Arc / Vampyr di C.T. Dreyer ) : un esercito al servizio di Clouzot.

 

Installazione in progresso, estemporanea.

Una macchina da test perpetui : mettere in atto...capirne la praticabilità.

Un Serbatoio di spezzoni, una cassetta degli attrezzi, un archivio permanentemente vivo.

 

La Forma, il Come, non del tutto surrogato alla Sostanza, il Cosa : che quasi mai è un bene, ma qui la funzione della sperimentazione è chiara : far funzionare la resa della rappresentazione della disfunzione del protagonista ( l' 'unico' problema è che con questo metodo è difficile riconoscere le scritte-il senso-il significato del ciak nei vari ciak ).

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Forme Nuove d'Arti Decorative applicate alla Psicologia...Psichiatria :

 

- Gelosia : Rendere l'Instabilità, Corrispondere la Deformazione :

 

-- Cristallino - Retina :

 

La rappresentazione traslata della deformazione dell'universo esteriore dal pdv tradotto e reinterpretato del protagonista : William Lubtchansky - primo assistente/capo operatore ( poi maestro della direzione della fotografia ).

 

La non-sicurezza visiva dell'osservatore e la messa in discussione della logica visuale (oida) : Joël Stein - artista creatore degli Effetti Speciali Visivi.

 

 

Inversione dei colori da pellicola positiva-negativa, tavola dei grigi, ed Heimat : b/n ( realtà quotidiana ) e colore ( fantasia / passione ) : Claude Leon ( LTC, sviluppo e stampa ) e Michelle Deruelle ( body maquillage inversi ) : effetto notte - giorno, acqua - sangue...

 

Da Rear Window per e Peeping Tom a Blow Up / deserto rosso ( l'avventura, zabriskie point, il mistero di oberwald )

 

-- Timpano - staffa/incudine/martello :

 

Manipolare ( aggressioni sonore, frasi deformate, sovrimpresse, ripetute a sbalzo balbuziente ) voci e musica elettro acustiche, J.-L. Ducarme e Gilbert Amy, da uno Scotch 3M, la voce dello stesso Clouzot : moltiplicare le supposizioni della gelosia, una progressione verso l'esasperazione di fuga, contrappunto e controcanto, fino a vedere voci : ma se vedi le voci poi finisce che vai a sbattere.

 

- Tensione : qulle ossessioni enigmatiche che Chabrol non contempla preferendo lavorare 'solo' coi e sui volti degli attori, quegli zoom - coiti ottici (ACwO) 'pre' psichedelici ( 2001 ed il fantomatico 'porno' Blue Movie Kubrickiano ), quella violenza e quel delitto.

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Tra La Vérité e La Prisonnière ( nel quale Clouzot riverserà l'attenzione qui riposta verso l'audio-video ( Arte Cinetica ed Arte Cinematografica ) & C. di Duchamp, Boulez-Ircam ( un movimento simile a quello raccontato, descritto e rivissuto in Heimat 2 ), Rodchenko, Vasarely, Yvaral, ecc... ( col bisogno però di distinguere fra le Forme Nuove delle Arti Decorative e la Sostanza Significante del Senso delle Cose-Azioni ) : tutti presenti ne la Prisonnière ) passano otto anni ( e la regia di una Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, 1967 : negli anni 70 'tornerà' su certi ambiti e stimoli filmando cinque concerti di Herbert Von Karajan con alterne coincidenze di vedute fra i due )  e '"dalla"' Nouvelle Vague ( " io IMPROVVISO sulla carta ", in 'risposta' a truffaut-godard-rohmer ( una frase 'applicabile' per me anche a Resnais e Melville ) ) di fine anni 50 ( e l'imprescindibile, meraviglioso, insorgente, magnifico Le Mystère Picasso : '55, futuro prossimo anteriore ( i doc di Resnais su Van Gogh - Guernica - Gogain e Pictura ( '48-'52 ) ) ) si passa al Sessantotto ( -sette, -nove : a seconda...), tentando di girare ( dopo averlo scritto e pre-prodotto ) L'Enfer, che poi nel 1994 Claude Chabrol trasporrà da par suo : delle poche cose che mi ricordo dell' Enfer di Chabrol che vidi doppiato in tv anni fa ecco Emmanuelle Béart sandali e gonna svolazzante in bicicletta, l'albergo e François Cluzet in procinto di nella penombr'agire...

 

Altro Inferno invece è quello di Danis Tanovic del 2005 sempre con tra le altre Emmanuelle Béart, facente parte però di una trilogia scritta da Krzysztof Kieslowski e rifinita da Krzysztof Piesiewicz ( l'ennesimo percorso sincretico del regista e del suo co-sceneggiatore : l' "Abbagliante Abilità" rilevata da Stanley Kubrick ) e che l'autore non ha potuto dirigere causa prematura morte, i cui altri due capitoli sono (ma va ?) : Heaven ( diretto da Tom Tykwer con Cate Blanchett, Giovanni Ribisi ( un auto 'doppiaggio' in lingua italiana in presa diretta che 'da solo' vale l'audiovisione ) e Remo Girone...) e Purgatorio...per or'almeno credo ancor nel limbo...).

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Dalla quinta scatola in poi ecco il film.

 

Lo sbuffo di vapore rilasciato dalla locomotiva in assestamento frenante diventa lo sbuffo di fiato espirato in un sospiro di sollievo da Romy Schneider, distesa nuda di traverso sulle rotaie.

 

 

Bérénice Bejo ( the Artist : l'autoseduzione dell'uomo invisibile da lei stessa incarnatoselo addosso ( sapessimo valorizzarlo noi il nostro patri...matrimonio di Diane Fleri, Giulia Michelini, Cecilia Dazzi, Francesca Inaudi, eccetera : tutte tra fiction e format tv : solo Jasmine Trinca e Maya Sansa sembrano essersi liberate dal giogo...tra la Francia e l'Amazzonia...) ) a fare Romy Schneider ( la Mort en Direct...) e Jacques Gamblin ( anche lui nell'Enfer di Tanovic ed in tanto Lelouch e Tavernier, Chabrol, Lioret, e Imamura e l'ultimo Primo Uomo di Amelio ) a fare...Serge Reggiani, anche lui come Gamblin in "Ci sono dei giorni...e delle lune" di Lelouch, e poi Manon di Clouzot, la Ronde di Ophüls, Casco d'Oro di Becker, Tutti a Casa di Comencini, l'Armée des Ombres di Melville e ancora Ferreri, Scola, Angelopoulos, Carax...

 

E non ultima Dany Carrel / Marylou ( poi ne la Prisonnière ) : imperterrita sfacciata impertinente via di mezzo fra Claudia Cardinale e Marisa Allasio, ameno folletto 'metropolitano' tra Jean Seberg e Maria Schneider.

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

§  Compiuti incompiuti :

 

Lost in La Mancha, we can't go home again, le Ragioni dell'Aragosta, la Passeggera, la Rabbia di Pasolini, it's all true - don quixote - the other side of the wind -f for fake...

 

§  Assonanze :

 

Il Disprezzo è del '63, l'Enfer del '62-'64, il Conformista ( Paramount ( invece di Columbia ) + lesbo (s.sandrelli-d.sanda) + oida : guardare >>> interpretare >>> vedere >>> comprendere-capire-conoscere e...sapere...) del '70. Moravia è solo un caso : minimo comun denominatore. 

 

Il Divorzio di Germi è del '61, Giulietta degli Spiriti di Fellini del '65.  Inversamente, la Sirène du Mississippi di Truffaut è del '69. 

 

Something's got to give, George Cukor - Marilyn Monroe, '62.

 

Boxing Helena, J.Lynch ( o Jennifer L. ), '93 - Swimming Pool, F.Ozon, '03 - Quale Amore, M.Sciarra, '05. 

 

John Ford che torna in Irlanda, John Huston (pure) che va in africa solo per...White Hunter, Black Heart..., Apocalypse Now, F.F. Coppola, '79, Heaven's Gate, M.Cimino, '80.

 

§  Sostituzioni ( Serge Reggiani lascia il set, sfiancato, dal rifinitore, tornitore ( dei tre Francesi che personalmente considero un terzetto inscindibile, mancava solo Jacques ( H.G.Clouzot - J.P. Melville ) Tourneur ) Clouzot che continua a rigirare - retourne(u)r le 'stesse' scene ) :

 

Jean-Louis Trintignant ( correre, correre ) ? Henri-Georges Clouzot ( collasso ) ?

 

Quell'oscuro oggetto del desiderio, L.Buñuel, '77 : Carole Bouquet / Angela Molina.

Lost Highway, David Lynch, '97 : Bill Pullman / Balthazar Getty, Patricia A. / P. Arquette.

 

 

Eyes Wide Shut, schnitzler-raphael-kubrick, (1926) 1995 >>> 1999

 

- Milioni di anni di evoluzione, vero? Vero?! Mentre gli uomini si preoccupano di infilarlo dovunque possono, le donne devono solo pensare alla stabilità della famiglia, alla fedeltà coniugale e a chissà quali altre cazzate!

- Un concetto troppo semplificato Alice, ma di sicuro è qualcosa del genere.

- Se invece voi uomini solo SAPESTE…!

- Tutto quello che so è che tu stasera sei strafumata, ogni pretesto è buono per litigare con me e adesso cerchi anche di farmi ingelosire.

- Ma tu non sei il tipo che si ingelosisce, vero?

- No, non lo sono.

- Tu non sei mai stato geloso di me, è così?

- No, neanche una volta.

- E posso sapere perché non sei mai stato geloso di me?

- Oh, questo non lo so Alice... Probabilmente perché sei mia moglie, può darsi perché sei la madre di mia figlia, forse perché penso che tu non mi tradiresti mai!

- Tu sei un uomo molto, molto sicuro di sé stesso, vero?

- No : sono sicuro di te!

 

Lei 'sfacciata' ride forte, forte

E la MdP la segue, con uno spasmo, piegars'in due.

 

'Particolarmente ingenuo', l'Enfer, oggi ( come allora ? ) ?

Oggi 'certo superato' da qualsiasi sito di effetti ottici & C. ( immagini latenti, falsi movimenti,  stereoscopia... e non utliom il dsioridne delle paorle srcitet a cazoz ma rciosrtuiet dal crevelol...) e dalla cronaca che sfrutta un immaginario compromesso dalla televisione in prima causa per trovare patologiche vie e valvole di sfogo ( aiutate da NRA e codice penale, a seconda di latitudine e longitudine ).

 

Estratto ( il '''finale''' ) = " http://www.dailymotion.com/video/x9dizt_extrait-3-l-enfer-d-henri-georges-c_shortfilms " : in cui si può vedere "Slinky - la Molla ( elicoidale ) che scende le scale da sola" che qui si dedica a farsi rilanciare dal seno al costato, dal ventre al monte di venere di Romy Schneider : Stairway to HEAVEN

 

                                                                                                                                                ...a Inès, a Romy...    

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati