Espandi menu
cerca
Il Grinta

Regia di Ethan Coen, Joel Coen vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 187
  • Post 120
  • Recensioni 719
  • Playlist 221
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il Grinta

di mck
9 stelle

C'è un nido di crotali in grembo al cuore umano. E una linea d'orizzonte, a bilanciare il mondo.

 

 

Duke ? Dude !

 

 

C'è un nido di crotali che cova, riposa e pulsa in grembo al cuore umano, un ricovero sicuro ( alla fine non tanto a discapito dei serpenti risvegliati/si in letargico basking onirico disturbati, anche nella metafora ) : lo dice la terra ( cave,plainview ), ed è dalla terra fredda e dura che s'alza la MdP, è dal suo PdV che il terreno solcato dai tracciati delle fughe, dalle piste temporanee, dalle corse, dagli appostamenti, dalle cerche, dalle tombe, dai fuochi da campo e dai falò, si eleva con/in un'inq.ra che secondo me racchiude rappresenta fotografa mette in scena incornicia il film, dalla forma alla sostanza, dallo stile-modo al senso-significato : una profondità di campo che va da una spanna rasente il suolo fin'oltre la curvatura del pianeta che precipita agli antipodi per poi risalire dalle zolle brulle riempiendo lo schermo di terra in open range con solamente una striscia di cielo in alto...

 

 

Ma si muove ancora, l'occhio de-scrivente, l'obbiettivo, ed ha come obbiettivo - nomen omen - la struttura di una falsa parallasse immobile, fermandosi a centrare l'inq.ra su di un orizzonte dicotomico, bipartito, metà terra e metà cielo, e lì resta, nel mezzo, un'inq.ra d'orizzonte posta e ricondotta nettamente all'equatore del fotogramma, scindendolo in parti uguali : una linea precisa, duale-univoca, a levarsi da terra, bilanciarsi col cielo, e lì rimanere : l'errore supremo preso ad esempio in ogni corso di pittura-fotografia universitario o da dopolavoro aziendale fotocopiato : il film dei Coen è (anche) questo. Mette in bolla il western.

 

 

Dopo il western "cronachistico", quasi "giornalistico", da cinegiornale-settimana incom appena post Evento ( il falso movimento del treno che sfonda lo schermo...anzi no, solo i nostri sensi, le nostre certezze prospettiche ), contemporaneo-crepuscolare ( le leggende del west erano vive e vegete agli albori degli X fotogrammi/secondo, e la luce dei proiettori nelle prime sale cinematografiche era il loro SunSet ), the great train robbery (porter-portis) : fare UN western, creare IL genere : allora doveva essere come girare oggi un film sugli operai (indiani-cowboy-proprietari terrieri = F.I.O.M.'s-indotto-marchionni), da E.Petri a signorinaeffe;

dopo quello classico : ford mann hawks boetticher daves walsh...( e lo stesso h.hathaway ( più pop(ular))...;

dopo l'anti western : leone peckinpah penn altman hellman huston laughton brando welles  g.r.hill...;

dopo il new classic : cimino costner (tutti e tre compreso il sottovalutato the postman da d.brine) eastwood ...;

dopo il new anti western : w.hill carpenter van sant dominik hillcoat e gli stessi coen (un doppio McCarthy) ...;

ecco la riproposizione letterale e letteraria-filologica o quasi  da Portis del western classico...evidenziato all'ennesima potenza : dopo tanti orizzonti da prospettive urgenti e traverse, eccone uno tangente al classicismo, il corollario alla codificazione del Genere, ad altezza zero.

Il migliore ( best tracker o performer executioner ) o il più cattivo-bastardo-meanest ? La seconda che hai detto.

 

 

Juno ? = Mattie ?

 

 

Il lampo, prima del frastuono che arriva in eco raggiungendoci rimbombando, e lo sparo, prima della caduta. Ed infine un duplice doppio ritorno alla luce, dal riflessoc'in maschera focolare-episcopio del prologo ( per me simile e complementare a quello di A Serious Man, altrettanto pertinente ) al pre-epilogo e rinascita con postilla ---{ a Winters Bone, col personaggio di J.Lawrence [ d.woodrell, consiglio di lettura ( pss...a tutti quelli, presenti sporadici anche in questo bellissimo sito, piccola polemica, che trovano supponente il permettersi di consigliare un libro...cristo santo, è solo un libro, mica ti sto' consigliando di firmare un mutuo trentennale a tasso variabile, eccheccazzo...), grande scrittore coi controcoglioni, fra lo stesso mccarthy e jim thompson ] - e D.Granik partiva con un handicap fortissimo, ovvero il confronto con il...mio film, girato leggendo il romanzo - ch'è speculare ed opposto, divergente ed incrociantesi con/rispetto a quello di H.Steinfield, più Unforgiven ( che rimane la pellicola col finale più commovente di sempr'e tutti, controcoglioni più lacrimoni, truefinalcut ) }---, che si, ho trovato le graffe..., le staffe... 

 

 

Dormire nella bara se aggrada. "Dichiarazione in punto di morte !"-"Accolta !". Mele buone per un bravo cavallo. "Stiamo ancora trattando...di nuovo ?!?". Male proibito da legge : senso comune = male in sé : buon senso ( un po' come la triangolazione in reciproca biunivoca casualità fra Ignoranza-Stupidità-Cattiveria ). Cacciare fuori dalla mappa l'uomo che purtroppo c'era (un pur breve ma ottimo J.Brolin, fresco di nocountryforoldmen, milk, W. e tom/dick chaney/cheney (che mi ricorda W.Beatty), ed ottimo il B.Pepper de la25°ora e le tre sepolture). Ma quanto sono belli i loghi animati Mike Zoss e Sky Dance ? 

 

 

Juno sceglie di dare la vita, di mantenerla,di consentirla ""a priori"", Ree è costretta a salvarsi e a salvare i fratellini, Mattie decide di vendicarsi e di ... ristabilire un ordine ( che la vedrà pagare altro pegno, fisico ( the french s-connection, e chi la capisc'è bravo...)), di fare del mondo, in seconda istanza, un posto migliore seguendo giustizia E legge.

 

 

Giubbe Rosse ! Texas Rangers ?

 

 

Come per tutti i grandi classici, ed i Coen lo sono...

 

 

-[ diventati a pieno titolo : dopo la quadrilogia dell'idiota ( clooney tris,hanks,pitt...), il dittico SeriousMan-ManWhoWasn'tThere e quest'altro NCfOM-truegrit (anni 80 reaganiani e ... a Cavallo dei secoli XIX°-XX°, cavalli di muscoli e sudore e cavalli di acciaio e vapore ), prendendo come spartiacque bifronte Fargo e BigLebowski ] - [ se leggi MobyDick poi magari ti vien la voglia di affrontare  la poesia di Darwin, di fare whalewatching nel marligure, di tatuarti da capo a piedi ( preferirei di no ), o di leggere QuestaCreaturaDelleTenebre, consigliatissimo (arisic aridanghete) in coppia con Fossili,fringuelli e fuegini (la figura di Fuegia Basket merita un Malick, un Bresson, un'epopea intera di memoria e conoscenza), ed il Weir di Master and commander etc...]-

 

 

...si è portati un poc'oltre quell'orizzonte, anche se con un distacco particolare ( più kubrickiano che alla Fincher, e per me è meglio : un disinteresse filologico più che di stile ), dalle parti di Jarmush-Young, o magari semplicemente vien voglia di accavallare le gambe stese incrociandole dondolandosi un poco sulla sedia in veranda, in sella al passaggio dalla frontiera alla trincea ( un lavoro sulla Storia tanto quanto sul Cinema).

 

 - keep your seat, trash ! - [ buffalo bill (degregori) and the indians, or Sitting Bull's History Lesson ( e non toccare la donna bianca ! ) ] -

 

 

- il tempo ci ri/s/fugge - ( Mattie said ) -

 

Hai un fucile ?

No, non ce l'ho più.

Dove ti hanno derubato [?].

Non lo so. Quel posto non aveva un nome. Era un deserto.    

Cormac McCarthy - Blood Meridian

 

Di fatto e di giustizia, di legge e di morale.

 

 

A mio massimo agio con il cinema dei fratelli Coen (fotografia di R.Deakins, musiche di C.Burwell, montaggio coeniano sotto il bicamerale pseudonimo di R.Jaynes) e con questo film da molti sia criticato che osannato quant'e come pure trattato con ... reciproca freddezza : l'opera tutta dei Coen è complessa senza essere complicata e limpida senza essere lampante, e questa pellicola è bella senza essere per forza ... piacevole.

 

 

P.S. : avevo da sempre una mia teoria sul Western U.S.A. ma non ero mai riuscito a tradurla in parole così bene come fino a quando non incrociai questo scritto di Percival Everett - God's Country - 1994 ( Nutrimenti, 2011, trad. marco rossari ) :

" Non sono mai stato un grande appassionato dei western americani sebbene riconosca che facciano parte del grande mito del mio paese. E così un giorno ho pensato di sfruttare questa forma per indagare il mito alla radice. Mi interessava capire in che modo gli americani vogliono vedere sé stessi, mi interessava esplorare il racconto di frontiera. Tutti i western sono artificiali, autentiche falsificazioni, nessun western è una rappresentazione storica autentica, nemmeno quando trattano di avvenimenti realmente accaduti. Ho dissezionato oltre un centinaio di film e altrettanti romanzi western in modo tale da poter fare mio quel tipico modo di parlare, soprattutto quei cliché. Volevo che venisse fuori una lingua familiare, qualcosa che suonasse reale e irreale allo stesso tempo, proprio come nei film western. Ero consapevole che stavo scrivendo una parodia di quel genere, una demistificazione che parte da un'unica certezza: nelle nostre menti c'è e sempre ci sarà un mitico vecchio West ".

 

 

E, da un'altra parte, non troppo lontano :

- Una cosa te la devo dire, sono stufo di scavare buche.

- Ci credo.

 

 

C. Portis ? M. Roberts ? H. Hathaway ? J. Wayne ? G. Campbell ? K. Darby ? J. e E. Coen ? J. Bridges ? M. Damon ? H. Steinfeld ? C. McCarthy ? P. Everett ?

Comunque, frontiera : la trincea più lunga mai scavata.    

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati