Piccole bugie tra amici

play

Regia di Guillaume Canet

Con François Cluzet, Marion Cotillard, Benoît Magimel, Gilles Lellouche, Jean Dujardin, Laurent Lafitte, Valérie Bonneton... Vedi cast completo

In streaming
  • Wuaki
  • Microsoft Store
  • iTunes
  • iTunes
In STREAMING

Trama

La consueta estate a Cap Ferret, nella grande casa sul mare, per un gruppo di amici parigini, ciascuno con il proprio stress e con le proprie piccole bugie. Per tutti il dolore di una mancanza: l’amico rimasto solo in ospedale dopo un gravissimo incidente. Ma stavolta l’estate è per tutti un grande freddo.

Approfondimento

QUALCOSA DI PERSONALE

Arrivato a 35 anni, nel 2010 Guillaume Canet sente l'esigenza di realizzare un film che rispecchi un momento cruciale della sua esistenza. In meno di cinque mesi realizza così il personalissimo Piccole bugie tra amici, la cui storia è strettamente legata all'autobiografia del regista. Dopo le riprese di Non dirlo a nessuno (2006) - il suo film precedente - il regista infatti era andato incontro a problemi di salute che, derivanti dallo stress accumulato, lo costrinsero a un mese di ospedale. a cui seguì una fase di depressione. Rendendosi conto di non essersi mai fermato sul lavoro, per la prima volta sentì così il bisogno di prendersi una pausa e godersi la vita: per molti anni, aveva infatti mentito anche a se stesso sui suoi reali desideri, tuffandosi nel lavoro anche per evitare di pensarci. In seguito a un lavoro di introspezione e di autoanalisi, cominciò così a realizzare ciò che voleva davvero e, soprattutto, quali erano gli amici che avrebbe voluto al suo fianco, ripulendo la sua vita da tutto ciò che di negativo poteva esservi. Nell'estate del 2008, mentre era intento nella stesura di un altro copione, Canet condivise per qualche giorno casa con un'amica: fu allora che cominciò a raccontarle delle difficoltà legate all'idea di realizzare un film che parlasse di amicizia. Mentre ne parlava, si rese conto che la sceneggiatura stava venendo fuori da sola e, per cinque giorni di fila, costrinse l'amica a farle da assistente: lei gli poneva delle domande e, nel dare le risposte, il regista prendeva appunti dando vita allo scheletro della sceneggiatura.

Nonostante fosse poi impegnato come attore nelle riprese de L'affaire Farewell (2009), quando rimaneva da solo nella sua roulotte, Canet continuava a lavorare spedito su una sceneggiatura che presto avrebbe preso definitivamente vita.

RIDERE O PIANGERE?

Nella stesura di ogni personaggio, Canet ha trasmesso una parte di sé. Molte delle cose che accadono o si dicono nel film appartengono alla sua vita, anche se raccontate in maniera romanzata, come esige la narrativa cinematografica. Proprio per questo, si è trattato per lui di un film molto doloroso da scrivere: un'opera a cui affidare emozioni e pensieri trans-generazionali. Ciò ha richiesto che la scrittura fosse la più onesta e sincera possibile e che gli eventi fossero a tal punto veri, o verosimili, da creare un forte processo di immedesimazione nello spettatore.
L'obiettivo poi da raggiungere era quello di coniugare il riso al pianto. Tutti quanti nella vita hanno almeno una volta sorriso in momenti tragici: la situazione rappresentata coinvolge tutti i protagonisti in un girotondo di emozioni e sentimenti, generati da una vacanza che, fungendo da valvola di decompressione, li spinge a momenti in cui non sanno letteralmente se ridere o piangere o li mette di fronte alla verità implicita nelle loro bugie e menzogne.

UN FILM TRA AMICI

Piccole bugie tra amici è quindi, naturalmente, un film sull'amicizia. Il modello di riferimento è Il grande freddo (1983), anche se presenta punti in comune anche con Certi piccolissimi peccati (1976), Mariti (1970) di John Cassavetes e molti dei film di Claude Sautet. La differenza fondamentale sta nel fatto che Canet ha preteso che tutti gli attori del suo set fossero suoi amici veri, compreso Jean Dujardin che del regista era compagno d'asilo e di scuola elementare. A tutti ha chiesto di rendersi disponibili a girare nel mese di agosto ma anche di seguirlo durante i primi cinque giorni di maggio fino a Cap Ferret, dove si sarebbe girato il film. Il regista voleva che il set fosse familiare agli attori, in modo da rendere realisti i personaggi che, tornati nella casa in cui trascorrevano le vacanze, sapevano già come muoversi o trovare gli oggetti più banali, come le posate o il caffé. Così facendo, ad agosto gli attori hanno veramente avuto la sensazione di ritornare in un posto che conoscevano a menadito.

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Opera terza di Guillaume Canet, il film non riesce a essere niente più che un prodotto d’intrattenimento popolare leggero e vanamente ambizioso, intriso di diffuso moralismo normativo, con soluzioni melodrammatiche a temperatura emotiva elevata e una colonna sonora ammiccante e pedantemente didascalica.

Commenti (5) vedi tutti

  • Un piccolo "Grande freddo" alla francese, là c'era l'amico morto, qui è solo ferito...

    leggi la recensione completa di ezzo24
  • Terzo film di Guillaume Canet, nato da una crisi personale che lo porta mettere un po' di se stesso in ognuno dei sui vecchi amici. Un'estate al mare nelle casa vacanze di uno di loro dove succedono meno fatti di quanto sembra ma si sorride e ci si diverte pur dovendo pensare.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Dopo aver lasciato l'amico di tutti in fin di vita in ospedale, un gruppo di ultratrentenni omologati se ne va in vacanza per nascondere i propri egoismi. Si accorgeranno di essere vuoti?

    leggi la recensione completa di Kurtisonic
  • Commedia Francese un po' grossolana con la Cotillard a fare da Protagonista in un vortice di situazioni per nulla godibili ed assai stupidotte.voto.1.

    commento di chribio1
  • Non è all'altezza degli annunci ma è comunque un buonlavoro.Peccato che sia stato rovinato da un doppiaggio da età della pietra.

    commento di fralle
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Mathiasparrow di Mathiasparrow
8 stelle

Un presepe vivente di casi umani va in villeggiatura per distrarsi dall'agonia di un amico. Posizionato il dramma in un angolino sempre visibile, Canet esplora il sodalizio corale dei personaggi cercando tracce di vera amicizia: la scopre all'interno di basi sì autentiche, ma pesantemente corrose da inerzia e abitudine. Urge far chiarezza, eppure nessuno sembra (vuole?) accorgersene. La… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

bufera di bufera
6 stelle

  Questo film, il terzo del giovane regista Canet, nasce da una crisi personale che lo ha portato a farne   una sceneggiatura, senza il dovuto equilibrio e lucidità nel tratteggiare storia e figure. Come egli stesso ha dichiarato, ha messo in ogni personaggio un po' di se stesso, e ne consegue uno scarso approfondimento delle varie personalità, nonostante  si… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Kurtisonic di Kurtisonic
4 stelle

“Perchè noi due non siamo mai stati insieme? Ecco ogni volta che vieni mollato ricominci.. Ma se scopi con tutti meno che con me. Sono anni che ci conosciamo”  (Dal film)   Quattro anni dopo il riuscito thriller Non dirlo a nessuno, il regista attore Guillame Canet ci riprova con la rimodellazione di stili e linguaggi d'oltreoceano che nel caso di quel lavoro… leggi tutto

12 recensioni negative

2019
2019

Recensione

alexio350 di alexio350
2 stelle

Il solito gruppo di amici con le solite beghe sentimentali e non da affrontare. Il film cerca il sorriso benevolo dello spettatole, con modesti risultati, ma soprattutto - molto più imperdonabile - la lacrima facile in un finale drammatico che non commuove, perché sa di puro artificio. Il tutto per una durata abnorme rispetto alla qualità del materiale trattato: quasi due…

leggi tutto
Recensione
2018
2018

Recensione

ezzo24 di ezzo24
6 stelle

Un piccolo "Grande freddo" alla francese, là c'era l'amico morto, qui è solo ferito... ma purtroppo manca molto di quel capolavoro, e ne rimane una commediola corale, che per tre quarti risulta piuttosto noiosa, e all'inizio persino irritante. Marion Cotillard supera tutti in presenza, bravura e bellezza. François Cluzet se la cava bene nella parte del…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 1 luglio 2018 su Iris
Trasmesso il 30 giugno 2018 su Iris
Trasmesso il 23 giugno 2018 su Iris
2017
2017
Trasmesso il 27 novembre 2017 su Rsi La1
Trasmesso il 18 ottobre 2017 su Iris
Trasmesso il 5 settembre 2017 su Iris
Trasmesso il 3 settembre 2017 su Iris
Trasmesso il 13 agosto 2017 su Iris
Trasmesso il 30 luglio 2017 su Iris

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
4 stelle

“Perchè noi due non siamo mai stati insieme? Ecco ogni volta che vieni mollato ricominci.. Ma se scopi con tutti meno che con me. Sono anni che ci conosciamo”  (Dal film)   Quattro anni dopo il riuscito thriller Non dirlo a nessuno, il regista attore Guillame Canet ci riprova con la rimodellazione di stili e linguaggi d'oltreoceano che nel caso di quel lavoro…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
2016
2016
Trasmesso il 2 luglio 2016 su Iris
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 30 giugno 2016 su Iris
Trasmesso il 28 giugno 2016 su Rsi La1
Trasmesso il 9 marzo 2016 su Iris
Trasmesso l'8 marzo 2016 su Iris
2015
2015
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Trasmesso il 21 luglio 2015 su Iris
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito