Espandi menu
cerca
Il discorso del Re

Regia di Tom Hooper vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 72
  • Post 7
  • Recensioni 2824
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il discorso del Re

di barabbovich
8 stelle

Alla vigilia della seconda guerra mondiale il re d'Inghilterra lascia come erede al trono il figlio maggiore, costretto però ad abdicare perché intenzionato a sposarsi con una donna divorziata due volte. Gli succede allora re Giorgio VI (Firth), refrattario alla vita politica ma solerte e responsabile e al tempo stesso terrorizzato dall'idea di dover parlare in pubblico a causa della sua balbuzie. Consultati logopedisti di ogni ordine e grado, finisce col rivolgersi a Lionel Logue (Rush), un praticante australiano dai metodi eterodossi, che però sarà l'unico a riuscire nell'impresa al punto di prepararlo per un toccante e solenne discorso di entrata in guerra contro la Germania di Hitler.
La corona inglese continua a fornire costantemente materia per il cinema: basterebbe ricordare La pazzia di re Giorgio, La mia regina o The queen. Come nel caso di questi illustri precedenti, anche in questo lo sguardo va oltre le quinte della vita regale per offrirci uno scorcio di vita vissuta, con le tensioni e i patemi dei normali mortali. Il film, raffinatissimo e di solido impianto teatrale, è tutto giocato sulla sfida a colpi di fioretto tra un geniale quanto sedicente logopedista e un regnante diffidente quanto attratto dal gioco tutto di nervi della titanica impresa. Sullo sfondo ci sono Buckingham Palace e Westminster, suggello scenografico a un cinema di stampo rigidamente classico, con macchina da presa ben piantata a terra e montaggio essenziale che tuttavia non manca di sorprendere, vuoi per l'efficacia dei dialoghi vuoi per la prova magistrale offerta dai due protagonisti, con un Geoffrey Rush che conferma lo sterminato talento mostrato in Shine e Tu chiamami Peter. Golden Globe 2011 a Colin Firth come miglior attore protagonista di film drammatico.   

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati