Espandi menu
cerca
Figli delle stelle

Regia di Lucio Pellegrini vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 71
  • Post 7
  • Recensioni 2938
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Figli delle stelle

di barabbovich
8 stelle

Dopo l'ennesima morte bianca sul lavoro, cinque persone, diversamente motivate, decidono di rapire un ministro per ragioni politiche. Pasticciano e prendono al suo posto un sottosegretario (Tirabassi), trascinandolo rocambolescamente tra le montagne della Valle d'Aosta. Qui tra rapitori e rapito si instaura una convivenza che sconfina nel surreale.
Con Figli delle stelle - ennesimo titolo di una tendenza sempre più diffusa del cinema italiano a saccheggiare la canzone (Mille bolle blu, Arrivederci amore, ciao, Parlami d'amore, Mio fratello è figlio unico, Mi fido di te, Amore che vieni, amore che vai, Un'estate al mare, La stagione dell'amore, Non c'è più niente da fare, La prima cosa bella, Questo piccolo grande amore, Una canzone per te, solo per citare i più recenti) - Lucio Pellegrini dimostra ancora una volta di sapersi giocare le carte migliori della commedia con temi a sfondo politico-sociale, come aveva già fatto con Ora o mai più sui fatti del G8 di Genova. Qui il paradigma di riferimento è quello de I soliti ignoti, il cast, con l'eccezione di una Pandolfi totalmente fuori ruolo, è di prima scelta e Favino, che conferisce al suo personaggio un simpaticissimo accento ternano, ci regala una delle sue interpretazioni più riuscite, sicuramente la più esilarante, a compensazione delle imperfezioni del film e delle numerose ellissi del racconto.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati