Espandi menu
cerca

Ballata dell'odio e dell'amore

play

Regia di Alex de la Iglesia

Con Santiago Segura, Antonio de la Torre, Fernando Guillen Cuervo, Fran Perea, Sancho Gracia, Javier Botet, Joxean Bengoetxea... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Chili
  • Chili
  • iTunes
  • iTunes
In STREAMING

Trama

1937. Le scimmie del circo urlano selvaggiamente nella loro gabbia mentre, fuori, gli uomini uccidono e muoiono in un altro circo: la guerra civile spagnola. Il Pagliaccio Triste, arruolato contro il suo volere dalla Milizia, finisce per commettere con un machete un massacro di soldati nazionalisti mentre ha ancora indosso il suo costume. E così inizia questa movimentata avventura in cui Javier e Sergio, due pagliacci orrendamente sfigurati, combattono all’ultimo sangue per l’amore ambiguo di un’acrobata durante il regime di Franco.

Note

Ballata dell’odio e dell’amore, in originale Balada triste de trompeta come la canzone popolar mélo di Raphael, Leone d’argento alla Mostra di Venezia numero 67, vorrebbe essere come i suoi magnifici titoli di testa. Una rutilante sintesi dei peggiori anni della (loro) Storia, tra Franco e l’Opus Dei, Madonne in lacrime e Cristo sanguinante in croce, Carrero Blanco e Salvador Dalí. L’energia è sfrigolante e alcune trovate sono anche riuscite (il pagliaccio triste diventa “cane da caccia” di un gerarca e morde la mano del Generalissimo) ma il grottesco, cifra stilistica cara al regista Álex de la Iglesia, alla lunga stufa e sfocia nella farsa.

Commenti (9) vedi tutti

  • Tarantino dei molto poveri...

    commento di Bladerunner76
  • Un fumettone assurdo e esagerato.

    commento di corradop
  • Le vicende del film si svolgono principalmente tra la valle dei Caìdos – colossale monumento funebre a Nord dell’Escorial – e un circo di Madrid, ciò che mi induce a una breve introduzione storica.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • A che pro sdoganare la sopraffazione di genere, in modo così irrealistico, poi? Di sicuro è un film che lascia turbati, ma non è così difficile ottenere il risultato se non si pongono limiti a sesso&sangue. Ci riuscirebbe anche Valentina Nappi! Voto: 6,5 di fiducia.

    leggi la recensione completa di andenko
  • Il personaggio di Natalia (la chica de la tela) è interpretato da Carolina Bang

    commento di ferni
  • Premio mozzarella avariata... Voto 4

    commento di Brady
  • Film non del tutto apprezzabile !

    leggi la recensione completa di chribio1
  • Altro che commedia,questo è un film horror terribile,con una violenza disturbante,chi ama il macabro e il gore resterà soddisfatto…

    commento di wang yu
  • Parecchio delirante, ma parecchio…

    commento di Totororesurrection
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bradipo68 di bradipo68
8 stelle

Prologo, metà anni '30: in piena guerra civile l'esercito irrompe in un circo e costringe i pagliacci di scena ad arruolarsi. In un'azione militare a  Javier  muore il padre, uno dei clown,  che lo aveva avvertito di non lavorare mai in un circo. A metà anni '70, mentre il regime franchista sta per essere soppiantato finalmente dalla democrazia, Javier viene assunto come pagliaccio triste… leggi tutto

16 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

ed wood di ed wood
6 stelle

La ballata di De La Iglesia è ridondante e girata coi piedi: inquadrature rozze e montaggio tagliato con l’accetta scandiscono un film virulento che fagocita nella durata standard di 100 minuti riferimenti agli universi filmici più disparati: dallo slasher (iberico, ma anche statunitense) al melodramma, dalla satira politica alla commedia grottesca, dal debordante immaginario… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

sasso67 di sasso67
4 stelle

Di troppo grottesco si muore. Così de la Iglesia parte bene, ma dopo un po' sbraca, perde il senso della misura, forse anche il filo del racconto ed a quali generi cinematografici si vuole richiamare. I personaggi perdono consistenza e si trasformano in maschere grottesche, come i pagliacci che impersonano. Forse c'è perfino una metafora della Spagna, uscita da una sanguinosa guerra civile e… leggi tutto

3 recensioni negative

2021
2021
Trasmesso l'8 agosto 2021 su Rai 5
Trasmesso il 3 agosto 2021 su Rai 5
2020
2020

Gennaio+Febbraio+Marzo 2020

LorismaL di LorismaL

Ciao a tutti! Come al solito inserisco la playlist delle mie visioni. Questa volta i titoli sono veramente tanti e per tutti i gusti...   Oltre ai Film, elenco anche le Serie TV concluse: The New Pope;…

leggi tutto
Playlist

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

  Il complesso monumentale fu voluto dal governo franchista e realizzato fra il 1940 e il 1958, grazie al sacrificio dei prigionieri politici, gli sconfitti della guerra civile (1936 – 1939) che offrirono le proprie braccia al progetto che prevedeva la sistemazione di un’enorme croce all’ingresso, nonché l’ampiamento della cripta di un’antica abbazia…

leggi tutto

Recensione

andenko di andenko
6 stelle

"La ballata dell'odio e dell'amore" ha il merito di ricordarci che in Spagna il fascismo l'ha fatta da padrone fino agli anni '70 inoltrati. Sarebbe utile tenere presente le dittature recenti nell'Europa occidentale (Spagna, Grecia e Portogallo), quando invochiamo l'uomo forte e starnazziamo contro la fiacchezza dell'Unione Europea. A parte questa valutazione "politica", tutto il resto…

leggi tutto
2019
2019
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 24 febbraio 2019 su Rai 4
Trasmesso il 9 febbraio 2019 su Rai 4
2018
2018
2017
2017
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

logos di logos
7 stelle

Davvero un’opera debordate, sopra le righe dall’inizio alla fine. Potenti e struggenti le immagini iniziali di repertorio sulla guerra civile, sugli  eccidi di massa, inframezzate dalle icone di madonne complici, dal volto di Dalì, e su tutto dal generalissimo Franco, in una successione scandita a suon di musica incalzante.   Dal 1937 agli anni 70, il film sembra…

leggi tutto
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2016
2016
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

munnyedwards di munnyedwards
8 stelle

  Dopo la deludente trasferta americana (lo scialbo Oxford Murders) Alex de la Iglesia torna all’universo autoriale che più gli appartiene, quello degli eccessi e della tracotante visionarietà, quello delle citazioni e dei sottotesti, uno sguardo artistico personale e complesso che da anni lo contraddistingue facendone un regista non allineato ma anzi anarchico e…

leggi tutto

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

Non sorprende affatto che “Balada triste de la trompeta” sia stato amato da Quentin Tarantino che da Presidente di Giuria lo incoronò con un doppio premio, per regia e sceneggiatura, al Festival di Venezia del 2010. E’ infatti un’opera debordante, non per tutti, tanto ricca di talento quanto eccessiva e rischiosa nelle sue modalità espressive. 1937, Guerra…

leggi tutto

Recensione

chribio1 di chribio1
4 stelle

Film che mi ha fatto molto spesso storcere il mio Nasone che si e' allargato in tutta la Sua grandezza (vabbe' ...) : diciamo che Pellicole con Clowns e Circensi in visione gia' non mi aiutano molto ad apprezzare quello che vedo (ma non per paura ma per una specie di leggera avversione al discorso ...) per il resto non sono stato molto appassionato in gran parte dei minuti e solo in qualche…

leggi tutto
Recensione
2015
2015
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito