Espandi menu
cerca
Hype!

Regia di Doug Pray vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 144
  • Post 16
  • Recensioni 9618
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Hype!

di mm40
6 stelle

Fine anni '80, Seattle è un grosso centro abitato nel nordovest degli Usa, una zona piuttosto depressa nota principalmente per i taglialegna e la criminalità. Improvvisamente fiorisce uno scenario musicale di una vivacità incontrollata, fatto di piccole e piccolissime band indipendenti, aggressive e motivate, che sorprende gli addetti ai lavori (produttori, stampa, promoter di concerti) e genera il cosiddetto fenomeno grunge. Certo, il ruolo dei media può essere stato importante, ma in effetti a ben vedere si è trattato dell'ultimo grande movimento giovanile del ventesimo secolo, una scena artistica colma di contenuti e destinata a non essere emulata quantomeno fino al 2011 di chi scrive. Il documentario dell'esordiente Doug Pray scava alle origini del 'mito' ancora fresco (in effetti siamo soltanto alla fine del 1996) e ne ripercorre la storia con interventi di musicisti e addetti ai lavori, utilizzando sapientemente allo stesso modo e con pari rilevanza le star (Pearl Jam, Soundgarden, Alice in chains, Pavitt & Poneman della Sub Pop records - produttori del primo album dei Nirvana) e i nomi meno conosciuti (Walkabouts, 7 years bitch, Hammerbox, Coffin break, Flop e via dicendo). Impressionanti alcuni dati: quelli relativi al merchandising (un collezionista sfodera una serie di figurine - ! - delle band di Seattle dei primi '90, calcolando che in totale fossero oltre il migliaio) e alle dimensioni del fenomeno, valutabili anche e soprattutto dalle copertine di riviste 'mainstream' che di punto in bianco cominciarono a trattare come oggetti alla moda le camicie di flanella, i berretti da boscaiolo, i jeans laceri. Questa è Storia, non solo un fenomeno di costume o del rock, e Pray riesce a raccontarla in maniera convincente, cronologicamente strutturata e senza sbavature agiografiche o prese di posizione parziali; a un certo punto saltano persino fuori le riprese (amatoriali, data la situazione) della primissima esecuzione di Smells like teen spirit (con un testo assolutamente primitivo, molto differente da quello che poi verrà inciso su album), il manifesto del grunge, che i Nirvana 'testarono' in un locale di Seattle mesi prima che il brano uscisse nei negozi e creasse tutto ciò che è riuscito a creare. Ultima avvertenza: attenzione, perchè alla fine della visione di Hype! è fortemente probabile che vi verrà voglia di formare una garage band. 7/10.

Sulla trama

Documentario sulla scena di Seattle, in cui nacque - e venne quindi importato in tutto il mondo sotto forma di musica, abbigliamento, immagine - il cosiddetto fenomeno grunge.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati