Espandi menu
cerca
Bedevilled

Regia di Cheol So Jang vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ilcausticocinefilo

ilcausticocinefilo

Iscritto dall'11 giugno 2019 Vai al suo profilo
  • Seguaci 54
  • Post 32
  • Recensioni 157
  • Playlist 29
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Bedevilled

di ilcausticocinefilo
7 stelle

L’esordio alla regia di Jang (ex aiuto regista di Kim Ki-duk), è un thriller sorprendente, dalle grandi qualità, vivido e difficilmente dimenticabile.

 

Forse gli amanti dell’horror “puro” dovrebbero astenersi perché, prima di esplodere nel più genuino tripudio grandguignolesco e sanguinosissimo, Bedevilled si prende tutta la prima ora per indagare a fondo le rela­zioni tra i personaggi (relazioni fatte di soprusi, violen­ze e connivenze) riuscendo però mirabilmente, nono­stante il ritmo pacato, a costruire un clima claustrofobi­co che toglie il respiro, a creare una tensione montante che solo nell’ultima mezz’ora si risolve, come detto, nell’horror splatter che forse era tutto ciò che la maggior parte degli spettatori si aspettavano da questo film.

 

 

 

 

Film che, invece, dimostra una complessità di temi e una molteplicità di suggestioni capaci di svecchiare gli ormai logori topoi del revenge movie al femminile e di conferirgli di conseguenza una profondità che lo eleva al di là della semplice opera di genere.

 

Lo si potrebbe quasi definire un potente atto d’accusa, una fortissima condanna che colpisce con la forza di un pugno allo stomaco, dell’omertà, male endemico che permette alla violenza di prosperare (a tal punto che la violenza stes­sa finisce per diventare l’unica possibile risposta). Una condanna, si diceva, dell’omertà, dell’egoismo e dell’indifferenza.

 

Che la scelta di una coprotagonista per la quale non si riesce mai a provare la minima em­patia non fa altro che enfatizzare (Hae-won si dimostre­rà a più riprese, difatti, non solo egoista [e questo fin da bambina, come si evince dalla scena nella quale lei scappa, lasciando negli impicci quella che dovrebbe essere la sua amica] ma del tutto indifferente alle sofferenze intorno a sé, in quanto non vuole “essere coinvolta”).

 

 

 

 

Visti e considerati i reiterati e terribili abusi a cui viene sottoposta (e purtroppo non da sola), è inevitabile simpatizzare per lei (come del resto nei migliori film del filone sempre accade) quando finalmente Bok-nam decide di prendere in mano la situazione, anche perché la violenza della prima parte è decisamente più straziante (astenersi, dunque, deboli di cuore) di quella finale, che si potrebbe definire a ragione più scontata e ripetitiva, ma soprat­tutto meno intollerabile e agghiacciante, anche perché probabilmente nel momento in cui tutto ciò co­mincia ad accadere nello spettatore si sarà già innescato una sorta di meccanismo di identificazione con la protagonista che lo porta a sperare che riesca a farcela e ad inorridire ogni qualvolta sembra venir so­praffatta (tesissima e per nulla fine a se stessa, tra le tante, la scena con il marito e il coltello, che rende palese, in pochi attimi, tutta la banalità e mediocrità dell’uomo), oltreché a detestare sempre più Hae-won per via delle sue interferenze

(ATTENZIONE, SPOILER: a questo proposito, in parte deludente [ma forse inevitabile] il finale in cui Bok-nam non riesce a portare la sua vendetta fino in fondo, anche se viene esplicitato chiaramente come la coprotagonista non sarà destinata ad altro che ad una vita annegata nel rimorso, perché su di lei graverà per sempre la consapevolezza di ciò che avrebbe potuto fare e ha deciso di non fare, ignorando le supplicanti e disperate richieste d’aiuto FINE SPOILER).

 

Qualcuno potrà sicuramente definire simili strata­gemmi “ricatti emotivi”, che portano immanca­bilmente a parteggiare per la protagonista, ma ciò che molto probabilmente i diligenti estensori di tali cri­tiche vogliono tentare di nascondere è il fatto che anche con loro hanno funzionato.

 

 

 

 

E so­prattutto ognu­no, ogni singolo spettatore e ogni singolo critico, sempre di fronte a tali film, ma in particolare a que­sto, dovrebbe chiedersi cosa lui o lei avrebbe fatto se si fosse trovato/a in una situazio­ne del genere, se sarebbe riuscito/a a mantenere la calma e la “sanità mentale”, e cercare di rispondersi onestamente.

 

Certo, bisogna dire chenBedevilled ha i suoi cedimenti qua e là (il maggior punto debole risiede all’ini­zio in un evento che non viene mai adeguatamente spiegato: ovvero, perché Hae-won, vi­sto che a quan­to pare della sua cosiddetta amica non le importa più di tanto e che con l’isola non ha più alcun legame, decide di andare in vacanza proprio ?), è talvolta un po’ ingenuo e affatto sottile (vedi la fin troppo chiara simbologia della falce e del martello), ma nel complesso si rivela un film pienamen­te convincen­te, esasperato e violento ma non per questo mediocre, non molto originale ma un perfetto esempio di ri­proposizione di qualità, in definitiva una sorpresa che qualunque appassionato non do­vrebbe lasciarsi sfuggire.

 

Ottime le prove degli attori (in particolare Seo Young-hee, che si era già fatta notare nel ruolo di Mi-jin nell’eccellente The Chaser) e bella la fotografia di Kim Gi-tae.

Presentato a Cannes, il film (il cui titolo internazionale significa letteralmen­te “Tormentata”, mentre quello originale “La storia com­pleta del caso di omicidio di Bok-nam”), è un modesto successo di pubblico in patria, mentre all’estero viene per la gran parte ignorato. Italia compresa, dove purtroppo resta ancora inedito.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati