Espandi menu
cerca
The Twilight Saga: Eclipse

Regia di David Slade vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 227
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Twilight Saga: Eclipse

di FilmTv Rivista
2 stelle

Bella deve scegliere tra il vampiro emo e il licantropo palestrato, modelli maschili teen che tanto incantano il pubblico femminile (e non solo giovane). Il primo ha passato il secondo film a cercare di uccidersi, quasi fosse meglio morire anziché sottrarre l’anima (o meglio la verginità) all’amata. Questo terzo capitolo verte quasi per intero – la sintesi non è mai stata una caratteristica della Twilight Saga – sul ribadire come, una volta trasformata, Bella proverà una fame di sangue (metaforicamente sesso) cui Edward non vuole sottoporla, o almeno non prima di averla sposata. Al punto che quando lei gli si offre lui declina, in attesa del matrimonio. Jacob, d’altra parte, è tutto un bollore sempre a torso nudo con il “six pack” addominale ben in mostra (la sola battuta divertente arriva quando Edward chiede se non abbia una maglietta) e, se lei lo accettasse, non si farebbe tanti problemi. Bella è dunque tesa tra un amore terreno, effimero come la vita umana, e uno ideale, eterno come l’immortalità. Certo fa specie vedere una creatura da sempre incarnazione dell’abbandono sensuale farsi campione dell’astensione sessuale, ma in una saga dove i nonmorti sbarluccicano al sole e i licantropi sono depilatissimi non c’è di che stupirsi. A lasciare attoniti è invece l’inefficacia spettacolare e drammatica del film, con un mistero scontatissimo e personaggi che si spiegano le cose l’un l’altro, affogando nelle parole gli slanci della passione. La riduzione cinematografica, forse per eccessiva fedeltà, risulta così iperdidascalica e anche nel momento più erotico, quando Bella è in tenda con il gelido Edward stretta dal caloroso Jacob per superare una bufera, i due rivali non fanno che blaterare e lei, al posto di fremere per l’eccitazione del ménage à trois, dorme beata. Ah, c’è anche la solita cornice action fantasy di esangui scontri tra mostri, puro pretesto per riunire i vampiri pettinati a puntino in pose da boy band ed esibire i muscoli dei lupi mannari come fossero modelli di Abercrombie & Fitch.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 27 del 2010

Autore: Andrea Fornasiero

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati