Espandi menu
cerca
Mine vaganti

Regia di Ferzan Özpetek vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Stuntman Miglio

Stuntman Miglio

Iscritto dal 28 marzo 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 122
  • Post -
  • Recensioni 1326
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Mine vaganti

di Stuntman Miglio
6 stelle

Mai stato un fan di Ozpetek. Ho sempre pensato che la sua produzione, soprattutto quella post fate ignoranti, fosse essenzialmente pretestuosa e monotona. Con questo non voglio dire che "Mine vaganti" mi abbia sorpreso o colpito in modo particolare ma alla fine dei conti è forse il suo lugometraggio che mi è dispiaciuto di meno. Sarà che finalmente quell'aria da dramma artefatto lascia spazio ad una più sincera commedia, sarà per l'efficace ambientazione leccese o per la buona scelta di casting ma questa vicenda di outing in pieno sud ha i suoi bei momenti di cinema ed intrattiene a dovere e con garbo nonostante qualche leziosità e pretesa autoriale di troppo. Al centro di tutto la famiglia Cantone: benestante ed allargata, piena di personaggi eccentrici e con un emblematico passato alle spalle, subisce una bella scossa nel momento in cui uno dei suoi rampolli si dichiara omosessuale. Pregiudizi, vergogna ed ipocrisia iniziano quindi a serpeggiare fra le tavole imbandite attorno alle quali la macchina da presa del regista di origini turche sembra girare senza sosta riprendendo confessioni destabilizzanti, frasi non dette, eccessi d'ira ed incomprensioni varie. Una commedia ben scritta e diretta con trasporto che forse eccede in retorica e buoni sentimenti ma che gestisce bene il potenziale corale facendo riflettere ancora una volta sulla natura ambigua dell'amore. Si sorride ma soprattutto quando Ozpetek evita di forzare toni e situazioni lasciando libero, sopra e sotto le righe, un comparto di interpreti e caratteristi di buon livello come Fantastichini, Lunetta Savino, Ilaria Occhini, Paola Minaccioni, Elena Sofia Ricci e Massimiliano Gallo. Bene anche Scamarcio ma le sorprese sono Alessandro Preziosi e soprattutto Nicole Grimaudo, bella ed intensa al punto di destabilizzare. Diverse le trovate all'attivo: dal promiscuo piano sequenza sul finale all'idea di lasciare pressoché muta Carolina Crescentini, da Nina Zilli in colonna sonora ad una delle sequenze di suicidio più dolci che si siano mai viste su grande schermo.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati