Espandi menu
cerca
Piovono polpette

Regia di Phil Lord, Chris Miller vedi scheda film

Recensioni

L'autore

supadany

supadany

Iscritto dal 26 ottobre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 373
  • Post 189
  • Recensioni 5665
  • Playlist 115
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Piovono polpette

di supadany
7 stelle

Prodotto d’animazione targato Sony Pictures e personalmente lo considero migliore delle precedenti incursioni della major nel settore animato (“Boog e Elliot” e “Surf’s up” i primi due che mi vengono in mente).

Certo è anche che la storia presenta parecchie caratteristiche viste e riviste, ma addobbate con una fantasia di contorno in grado di regalare alcune situazioni davvero spassose.

 

scena

Piovono polpette (2009): scena

 

Flint Lockwood è un piccolo genio incompreso e, dopo una serie di invenzioni finite male (molto simpatica la rapida carrellata sulle stesse), è pronto a dar la luce a quella che rappresenterà la svolta della sua vita, ovvero una macchina in grado di trasformare l’acqua in cibo.

Causa incidente durante la prima prova la stessa finirà tra le nuvole e così dal cielo comincerà a piovere cibo in funzione della programmazione di Flint.

La cosa renderà tutti felici, lui finalmente apprezzato, mentre il contorno è rappresentato da una giovane meteorologa di cui si innamorerà, un sindaco grasso ed avido di fama e denaro ed un padre con qualche difficoltà espositiva (da segnalare anche un poliziotto fisicato e parecchio stupido).

Ma, come spesso succede, l’avidità, ed il desiderio di grandezza, daranno vita ad una serie di guai e solo Flint, con la sua simpatica scimmia, potrà salvare il pianeta dalla caduta di cibi giganteschi dal cielo.

L’idea della pioggia di cibo è l’elemento originale, quanto sfruttato e principale, per un film che per il resto rimane spesso simpatico, proponendo comunque una serie di cliché di sicura presa, ma anche troppo consuetudinari.

C’è il genio incompreso, un padre anaffettivo di facciata (il personaggio più riuscito con due sopracciglia da antologia), la ragazza del cuore, una simpatica mascotte (una scimmia schizzata), un cattivo avido (ne originale ne importante) ed un percorso di evoluzione classico (sottovalutazione, ascesa, avidità e redenzione del protagonista).

Per il resto si ride (non sempre, ma spesso), esteticamente, per quanto non sia il massimo della tecnica, il film presenta aspetti frutto di una buona fantasia, mentre, soprattutto nella parte finale del salvataggio del mondo, l’azione diventa un po’ troppo caotica a scapito del humour.

Dunque un prodotto a corrente alternata dove comunque i pregi prevalgono sui difetti.

Tutto sommato direi carino e gradevole.

 

Chris Millers

Animazione discreta, diverse idee fantasiose, regia più articolata di quanto si veda in media nei prodotti di animazione (anche di alcuni di quelli che sono complessivamente migliori).

Phil Lord

Animazione discreta, diverse idee fantasiose, regia più articolata di quanto si veda in media nei prodotti di animazione (anche di alcuni di quelli che sono complessivamente migliori).

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati